Gli Investimenti Finanziari a 360°.

FTSE MIB

Il FTSE MIB è il principale indice di borsa italiano che contiene al suo interno le azioni delle maggiori 40 società italiane, anche se con sede all’estero.

Fare trading FTSE MIB significa puntare all’Indice di Borsa Italiano per eccellenza. E’ conveniente oggi investire sull’indice italiano? In questa guida imparerai a fare analisi e previsione su FTSE MIB.

Perché è così importante? Questo Indice di Borsa rappresenta gran parte, cioè circa l’80%, dell’intera capitalizzazione del mercato finanziario in Italia.

Inoltre, come per ogni Paese, anche l’indice FTSE MIB fa da termometro alla situazione economica del Paese: per avere idee chiare sullo stato di salute dell’Italia, bisognerà verificare l’andamento di tale indice.

FTSE MIB
Principale Indice italiano: FTSE MIB

Nel corso della guida sarà spiegato, nel dettaglio, cos’è e se conviene il trading FTSE MIB. Per approfondire il discorso, saranno menzionare anche le piattaforme migliori per investire gratuitamente, anche partendo da piccoli capitali:

Principali caratteristiche indice FTSE MIB:

Nazionalità:Italiana
Composizione:40 società più capitalizzate
Codice:FTSEMIB
Min. 12 mesi:14.894,44
Max. 12 mesi:25.477,55
Caratteristiche dell’indice di borsa italiana FTSE MIB

FTSE MIB: cos’è e come funziona

FTSE MIB è l’acronimo di Financial Times Stock Exchange e rappresenta l’indice di riferimento della Borsa italiana.

Il ftse mib è composto da un paniere titoli piuttosto stabili e solidi da un punto di vista finanziario, comprendente compagnie rilevanti non solo per l’Italia, ma per l’economia mondiale in generale.

Risulta interessante sapere che, nonostante siano presenti 40 società, esercitano un’influenza maggiore i 10 titoli dalla capitalizzazione più elevata.

I settori occupati dalle società che compongono il FTSE MIB sono:

  • Alimentare;
  • Automobilistico;
  • Bancario;
  • Edilizia;
  • Materie prime;
  • Servizi industriali;
  • Moda;
  • Salute;
  • Servizi finanziari;
  • Società Sportive;
  • Servizi Pubblici;
  • Tecnologia;
  • Telecomunicazioni.

Insomma, l’Indice contiene titoli dal calibro internazionale come Enel o lo Juventus Football Club. Si consiglia, per restare aggiornati sulle principali notizie che riguardano le singole aziende, di accedere ad una piattaforma professionale e completa come eToro.

Investire nel FTSE MIB conviene?

L’Indice FTSE MIB è uno dei più appetibili per i traders di tutto il mondo, in quanto si rivela abbastanza liquido, ma anche una valida scelta per attuare una delle strategie più efficaci del trading online: la diversificazione. In effetti, considerando che contiene 40 titoli, è possibile ridurre i rischi poiché il risultato finale è legato a più aziende, piuttosto che ad una singola società.

La revisione periodica è trimestrale ed avviene durante i mesi di marzo, giugno, settembre e dicembre. E’ un processo di fondamentale per importanza per capire quali sono i titoli più deboli del paniere e, se necessario, procedere con una sostituzione.

Nessuna società potrà avere un peso maggiore del 15%: modalità per equilibrare l’Indice ed evitare che gli investitori rischino tutto il proprio capitale.

E’ importante sapere che la negoziazione va dalle 8:00 alle 22:00, con 15 minuti di asta di apertura prevista per le 7:45. Si manifestano elevati volumi di scambi maggiormente nella fascia serale.

Il FTSE MIB è così interessante agli occhi di numerosi investitori perché, nel tempo, ha dimostrato di poter ottenere importanti risultati: si è guadagnato un posto tra i più performanti d’Europa.

Con una composizione di titoli ben variegata e società promettenti da un punto di vista futuro, il trading FTSE MIB potrebbe rivelarsi un’ottima scelta per far fruttare il proprio capitale.

Il modo migliore per beneficiare a pieno del principale Indice della borsa italiana è quello di optare per modalità d’investimento gratuite e flessibili, come quelle offerte dal broker di trading online FP Markets.

FTSE MIB: quotazioni storiche

Le quotazioni del FTSE MIB risalgono al lontano 1992, quando l’indice era conosciuto come COMIT 30 e debuttò con un valore di partenza di 100 punti.

Nel corso degli ani, è chiaro che L’Indice, cambiando diverse volte la propria composizione, ha assunto una posizione predominante tra i più appetibili di mercato.

Con un massimo storico nel 2007 con 44.364.00 punti, il FTSE MIB ha iniziato a registrare ulteriori trend in rialzo, soprattutto su base giornaliera. Infatti, si ricorda la seduta del giugno 2008: nell’ottobre di quest’anno, l’indice mostrò una tendenza rialzista del +11,49%.

Negli ultimi tempi, il benchmark della Borsa italiana sta mostrando performance positive in rialzo del +4,90. Il tutto è legato alla composizione del FTSE MIB, poiché ciascun titolo è sottoposto a revisioni periodiche: in caso di rendimenti negativi, si procede subito alla sostituzione.

In questo modo, l’Indice appare liquido e, soprattutto, si evitano eccessi di concentrazione sulle singole società, rendendolo molto più stabile sui mercati.

Intanto, si consiglia, per avere una più ampia visione dei rendimenti storici del FTSE MIB, di accedere ad una piattaforma gratuita ed autorizzata come eToro.

Quotazioni in tempo reale del FTSE MIB

Ecco un grafico, aggiornato in tempo reale, per consultare l’andamento del FTSE MIB, in modo da poter investire reagendo con tempestività a qualsiasi occasione di mercato:

[codice]

Come investire sul FTSE MIB?

Negoziare sull’Indice FTSE MIB ed avere una diretta esposizione alle migliori proposte di mercato, attualmente è molto più semplice di quanto si pensi. In effetti, con una connessione Internet ed uno smartphone di ultima generazione, anche i principianti potranno investire sull’Indice di Borsa italiano per eccellenza.

Ciò significa che investire tramite banche è un’operazione ormai obsoleta, poiché il trading on-line ha totalmente innovato le tradizionali modalità d’investimento.

Investire in banca è sconsigliato per:

  • Commissioni elevate;
  • Impossibilità di gestire autonomamente il proprio wallet;
  • Scarso supporto da parte dei consulenti;
  • Investire sugli Indici non è possibile in tutti gli istituti bancari.

Investire su FTSE MIB: scegliere i CFD

Una delle soluzioni più efficaci per investire sull’Indice FTSE MIB è l’utilizzo di strumenti finanziari come i CFD. In breve, sono strumenti finanziari derivati che constano di numerosi benefici, in quanto forniscono un’esposizione diretta ai mercati.

Prima di tutto, è bene sapere che i Contracts For Difference permettono di speculare sul FTSE MIB senza acquistarlo direttamente. In questo modo, si potranno ottenere vantaggi dalle oscillazioni di valore registrate da un asset.

Inoltre, con i CFD i traders avranno l’opportunità di guadagni bilaterali, potendo approfittare anche dei movimenti laterali di mercato. Riassumendo, tali strumenti finanziari consentono di investire al rialzo, ma anche al ribasso. La vendita allo scoperto non implica il diretto acquisto dell’asset.

Accedendo a piattaforme come Trade.com si potrà seguire costantemente l’andamento del FTSE MIB e generare profitti anche se il mercato ribassa.

Investire in FTSE MIB: i broker DMA

L’alterantiva ai CFD è costituita dalle offerte dei broker DMA (Direct Market Access), ovvero quei broker che permettono un accesso diretto al mercato. In questo modo potrai comprare realmente il titolo FTSE MIB.

I broker DMA che ti consigliamo sono eToro e FP Markets: grazie alle loro offerte potrai pianificare una strategia di investimento sul lungo periodo.

Strutturando il tuo portafogli di investimento con operazioni sul lungo periodo, infatti, potrai aspettare che il mercato faccia il suo corso e che aumenti naturalmente la sua quotazione.

I profitti non deriveranno da operazioni speculative sulle piccole variazioni di prezzo ma sulla crescita della quotazione dell’indice stesso. Si tratta di un’investimento particolarmente adatto ad indici come il FTSE MIB in quanto ti permettono di investire non su una singola azione, ma su un paniere diversificato di titoli correlati tra loro.

Più precisamente, fintantoché l’Italia continuerà a costituire un caposaldo delle eccellenze mondiali in numerosi settori, il FTSE MIB registrerà costantemente dei rialzi.

Proprio per questo motivo le offerte di investimento di eToro e FP Makets (clicca qui per accedervi) costituiscono il miglior modo per trarre vantaggio dalle potenzialità delle imprese italiane.

Investire sul FTSE MIB: migliori piattaforme

Per fare trading online sul FTSE MIB è di fondamentale importanza la scelta della piattaforma. Il motivo è semplice: dal broker con cui si opera, dipende gran parte dell’andamento della propria attività di trading.

Si consiglia sempre di verificare che una piattaforma rispetti precisi requisiti, affinchè si abbia la certezza di investire sul FTSE MIB a livelli professionali e senza temere nulla:

  • Autorizzazioni e regolamentazioni;
  • Assenza di commissioni;
  • Piattaforma accessibile ed intuitiva.

Oltre ciò, è chiaro che ognuno potrà selezionare il broker di mercato che più appare adatto al proprio livello operativo e al capitale di partenza. Per rendere la scelta più semplice, la guida proseguirà menzionando tre delle migliori piattaforme di trading con cui investire sul FTSE MIB.

1. eToro

eToro (visita il sito ufficiale qui) è considerato un vero e proprio leader nel settore. Con utenti in tutto il mondo, è necessario chiarire che propone una piattaforma autorizzata CySEC (numero licenza:109/10).

Il successo della piattaforma è legato all’introduzione di funzioni innovative e di supporto per i principianti: il Copy trading e il Social trading. In poche parole, seguendo i traders più performanti di eToro, si potranno ottenere i medesimi risultati, riportarti automaticamente sul proprio profilo.

Così facendo, si potrà imparare osservando i migliori all’opera, ma anche ottenere subito dei risultati. Vai qui per il copy trading di eToro. Allo stesso tempo, accedendo ad una piattaforma priva di commissioni ed intuitiva come questa, si entrerà a far parte di una community di traders a tutti gli effetti.

Ciò implica l’opportunità di interagire con i più esperti ed ottenere preziosi consigli, o anche previsioni di mercato. Clicca qui per fare Social trading.

Per i traders che volessero prima testare il funzionamento della piattaforma, sarà sufficiente accedere al conto demo gratuito (clicca qui per aprire un conto).

Leggi la recensione sul broker: eToro recensione

2. FP Markets

Broker apparso sul mercato nel 2005, ha già ottenuto il favore di numerosi traders in tutto il mondo. FP Markets (visita il sito ufficiale qui) offre una piattaforma di trading gratuita, friendly user e regolamentata CySEC (numero licenza:371/18).

La particolarità più interessante per investire in FTSE MIB anche se si parte da zero, è la presenza di una vasta sezione didattica accessibile gratuitamente agli utenti. Si tratta di un vantaggio da non sottovalutare: la teoria è fondamentale quanto la pratica. Accedi qui alla sezione didattica FP Markets.

Inoltre, il broker propone diverse piattaforma da poter selezionare in base alle proprie capacità, dalla più utilizzata MetaTrader4, alla migliore per il mercato azionario, IRESS.

In questo modo potrai selezionare sia gli investimenti in CFD per le offerte DMA del broker, impiegando la piattaforma che meglio si addice alle tue esigenze.

Anche in questo caso, si può iniziare da un conto demo gratuito e senza vincoli: doppiamente vantaggioso per scoprire le innovative funzionalità di FP Markets, e testare le strategie elaborate a rischi zero. Inizia gratuitamente dal conto demo FP Markets.

Leggi la recensione sul broker: FP Markets recensione

3. Trade.com

Un ultimo broker da dover necessariamente citare per la qualità e la professionalità dei servizi di trading offerti è Trade.com (visita il sito ufficiale).

Il broker presenta una delle offerte migliori e più complete per fare trading CFD sugli indici di Borsa e sulle azioni.

Con un deposito minimo di 100€ e condizioni di trading vantaggiose, Trade.com è la scelta migliore se si intende speculare sulle variazioni di prezzo del FTSE MIB.

Nel caso in cui non sai bene come speculare sui titoli finanziari, inoltre, Trade.com ti mette a disposizione un pacchetto formativo completo (clicca qui per scaricarlo gratuitamente).

In questo modo potrai sfruttare video-lezioni, corsi completi e manuali di trading che ti istruiscono su tutte le caratteristiche degli investimenti nel breve e medio periodo in CFD FTSE MIB.

Clicca qui per registrarti sul broker e ricevere gratuitamente tutte le sue offerte. Tieni a mente che, sebbene Trade.com non sia un broker DMA, è comunque uno dei migliori Market Maker.

Questo significa che potrai investire sul FTSE MIB sfruttando tempi di esecuzione degli ordini decisamente superiori alla media e che i tuoi investimenti non verranno praticamente mai rifiutati.

Leggi la recensione sul broker: Trade.com recensione

Come fare previsioni su FTSE MIB

I traders di tutto il mondo, per fare previsioni di mercato su FTSE MIB, seguono due metodologie precise: l’analisi tecnica e l’analisi fondamentale.

Gli esperti consigliano di avvalersi di entrambi i metodi per comprendere, nella maniera più precisa possibile, come si muoverà l’Indice e come agire per ottenere dei benefici da qualsiasi situazione di mercato.

Analisi tecnica FTSE MIB

Iniziando dall’analisi tecnica, è bene sapere che si tratta della disciplina che studia gli asset di mercato in base a dati e statistiche. In questo modo, si studieranno i movimenti del FTSE MIB principalmente sul breve/medio periodo.

Per fornire un esempio concreto, la guida sta per riportare un grafico ripreso dalla versione Web della piattaforma demo di FP Markets: come si vedrà, altamente professionale ma facilmente consultabile.

FTSE MIB - analisi tecnica dell'indice
Fare trading sul medio periodo su FTSE MIB

Come puoi vedere, abbliamo applicato al grafico un indicatore di momentum, l’RSI Stocastico.

Specialmente per gli indici di Borsa, che sono titoli a volatilità contenuta, è necessario utilizzare indicatori che monitorino il trend o la forza dell’evoluzione dell’indice.

In questo modo potrai ricevere segnali di ingresso e di inversione di trend chiari, che ti permetteranno di realizzare investimenti della durata di qualche giorno o una settimana, come quello che puoi osservare nel grafico.

Il FTSE MIB è un ottimo indice sul quale speculare per periodi medi: il mercato italiano in generale è particolarmente incline ad un’alternanza definita tra rialzi e ribassi.

FTSE MIB - andamento dell'indice nel lungo periodo
Andamento FTSE MIB nel lungo periodo

Ciò che predomina nel lungo periodo, come puoi vedere, è sempre e comunque il movimento rialzista. Ecco perché il FTSE MIB si presta anche ad investimenti diretti grazie all’offerta dei broker DMA come eToro o FP Markets.

Per investire sul lungo periodo, tuttavia, è necessario inervenire con l’analisi fondamentale.

Analisi fondamentale FTSE MIB

L’analisi fondamentale sul FTSE MIB è di fondamentale importanza per conoscere tutti quei fattori micro e macro economici che influenzano l’andamento dell’Indice.

Si ricorda che, per non lasciarsi cogliere impreparati, broker professionali come Trade.com propongono un calendario economico quotidianamente aggiornato.

Più precisamente, si consiglia di prestare attenzione a fattori come:

  • Eventuali problematiche geopolitiche, con particolare attenzione agli sviluppi della Borsa di Londra (FTSE 100), a cui Piazza Affari è strettamente connessa;
  • Dichiarazioni improvvise del Governo, sia Italiano che Inglese;
  • Tasso di disoccupazione/PIL;
  • Decisioni della BCE/FED;
  • Crisi settoriali che, inevitabilmente, si ripercuotono sull’economia di ogni Paese.

Per quanto possa apparire complesso restare al passo con ogni notizia di mercato, in realtà, le migliori piattaforme di trading CFD mettono in evidenza strumenti con cui restare informati su tutto ciò che riguarda il FTSE MIB.

Composizione FTSE MIB

Comprendere quali possono essere gli sviluppi futuri del FTSE MIB significa anche studiare attentamente la sua composizione. Come ti abbiamo detto, si tratta di un indice che racchiude i titoli delle 40 maggiori società italiane per capitalizzazione.

Queste sono:

  • A2a;
  • Amplifon;
  • Atlantia;
  • Azimut Holding;
  • Banca Generali;
  • Banca Mediolanum;
  • Banco Bpm;
  • Bper Banca;
  • Buzzi Unicem;
  • Campari;
  • Cnh Industrial;
  • Diasorin;
  • Enel;
  • ENI;
  • Exor;
  • Ferrari;
  • FCA;
  • Finecobank;
  • Generali;
  • Hera;
  • Interpump Group;
  • Intesa San Paolo;
  • Inwit;
  • Italgas;
  • Leonardo (Finmeccanica);
  • Mediobanca;
  • Moncler;
  • Nexi;
  • Pirelli & C.;
  • Poste Italiane;
  • Prysmian;
  • Recordati;
  • Saipem;
  • Snam;
  • Stmicroelectronics;
  • Telecom Italia;
  • Tenaris;
  • Terna;
  • Unicredit;
  • Unipol;

Investire su FTSE MIB: consigli pratici

Fare trading online sull’Indice FTSE MIB significa avere l’opportunità di diversificare il proprio wallet e conferirgli maggiore liquidità. Allo stesso tempo, risulta una mossa strategica per traders ancora inesperti: offre un livello di rischio contenuto, se paragonato all’investimento sulle singole azioni.

L’Indice principale della Borsa italiana comprende delle società ormai apprezzate a livello mondiale e con ottime prospettive di crescita, come ad esempio, l’Enel.

Seguire l’andamento di un Indice risulta un’operazione molto più semplice che seguire l’andamento di una singola società. Il motivo è legato al fatto che è difficile che le 10 società principali del paniere italiano subiscano una crisi nel medesimo momento.

Per coloro che necessitano prima di fare pratica, si consiglia di mettersi alla prova con un conto demo gratuito e senza limiti.

FTSE MIB: attenzione alla finanza italiana

Un altro consiglio pratico estremamente utile è quello di prestare particolare attenzione alla salute del sistema finanziario italiano, strettamente connresso alle relazioni tra il Governo e la Banca Centrale Europea (BCE).

Come puoi constatare controllando la composizione del FTSE MIB esposta sopra, infatti, il 25% dell’indice è composto da società coinvolte nel settore finanziario.

Sono 8 le banche e 3 le società assicurative comprese nel FTSE MIB. Queste sono molto suscettibili alle variazioni del valore dello Spread Bund-BTP, motivo per cui anche il FTSE MIB risente significativamente dei rapporti tra Italia e BCE.

Le variazioni dello Spread Bund-BTP, infatti, non sono legate solo ai bilanci nazionali, ma anche e sopratutto alle decisioni e alle svolte politiche del Paese, che possono innalzare o far crollare l’affidabilità dei Titoli di Stato.

Ecco perché, sopratutto per gli investimenti sul breve/medio periodo, oltre ad un conto su broker CFD come Trade.com, ti sarà indispensabile seguire quotidianamente le notizie di politica finanziaria ed economica europea.

FTSE MIB: opinioni degli investitori

Piuttosto che passare ore e ore leggendo le informazioni e le opinioni che si possono leggere sui forum di trading dedicati agli investimenti in indici di Borsa, ti sarà decisamente più utile scoprire cosa ne pensano gli investitori.

I forum, infatti, spesso riportano informazioni confuse o poco aggiornate: per investire responsabilmente ti serviranno notizie precise, recenti e mirate.

Ecco perché ti consigliamo in primis di far riferimento al Social Trading di eToro (clicca qui). Grazie alla sezione di news feed, infatti, puoi leggere direttamente le opinioni dei principali investitori sul FTSE MIB.

In generale ti possiamo anticipare che la maggior parte dei trader che hanno investito sul FTSE MIB sia sul lungo che sul medio/breve periodo condividono opinioni positive in merito.

L’indice di Borsa di Piazza Affari, infatti, è un titolo solido, estremamente utile per comprendere lo stato di salute del mercato italiano e per diversificare il proprio portafogli.

Trattandosi di un indice, infatti, presenta rischi minori e minore volatilità. Per questo motivo è impiegato per abbassare il tasso di rischio del proprio portafogli e per assorbire variazioni nella propria esposizione di mercato.

Molti investitori, infatti, piuttosto che ritirare capitali da operazioni che reputano essere diventate troppo rischiose decidono di re-investirli nel FTSE MIB. Un esempio?

Dopo il crash di Marzo 2020 le principali banche italiane non hanno visto un vero e proprio rialzo in quanto il Governo Conte e la BCE si sono trovati spesso in contrasto sui temi legati ai piani di soccorso economici.

Le azioni Unicredit, ad esempio, sono rimaste, a distanza di un semestre, sotto di ben il 51%. Il FTSE MIB, invece, dopo 6 mesi si è riportato al -35,8% rispetto a Febbraio 2020.

A seguire alcune delle domande più frequenti sul FTSE MIB:

Cos’è il FTSE MIB?

Il FTSE MIB è l’indice di Piazza Affari, che comprende un paniere di 40 titoli appartenenti alle società con maggiore capitalizzazione quotate alla Borsa di Milano.
Si tratta dell’indice di riferimento per tutti coloro che sono interessati al mercato italiano.

Investire sul FTSE MIB conviene?

In generale tutti gli investimenti in indici di Borsa convengono. Il FTSE MIB in particolare in quanto comprende numerose società di eccellenza, leader mondiali nel proprio settore.
Esempio ne sono la Campari, Amplifon, FCA, Finmeccanica, etc.
Società, queste, affermate da decenni e con una forte posizione di mercato.

Come investire in FTSE MIB?

Per investire in FTSE MIB è necessario innanzitutto comprendere che tipo di operazioni si intende realizzare. Si vuole speculare? Si vuole investire sul lungo periodo?
Nel primo caso la soluzione migliore è rivolgersi ad un buon broker di CFD. Nel secondo caso, invece, bisogna far riferimento a broker DMA.

Speculare o investire in FTSE MIB?

Sono due soluzioni molto diverse che, tuttavia, presentano un grado di opportunità equivalente.
Speculando si opera sul medio periodo, in modo da avere subito i risultati delle proprie operazioni.
Investendo sul lungo termine, invece, permette di maturare negli anni maggiori profitti, ma non permette di ritirare immediatamente i propri profitti.

FTSE MIB: considerazioni finali

Investire sul FTSE MIB significa inserire nel proprio wallet l’Indice rappresentante l’economia italiana. Sebbene fosse poco considerata dagli investitori, i risultati ottenuti hanno fatto sì che diventasse uno dei più negoziati sul territorio europeo.

Con l’opportunità di abbassare il profilo di rischio e puntare ad un paniere di titoli ben variegato, si potranno avere maggiori chances di subentrare nei mercati finanziari.

Come già accennato durante la guida, la soluzione più efficace e gratuita per fare trading FTSE MIB è optare per una piattaforma CFD professionale ed autorizzata.

Scegliendo tra broker come eToro, FP Markets o Trade.com, ogni utente potrà trovare il servizio di trading più adatto per generare profitti dall’Indice FTSE MIB.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.