Gli Investimenti Finanziari a 360°.

Investimenti sicuri

Fare investimenti sicuri è difficile? Non è detto, anche se il momento economico è quello che è. Perché conoscendo quello che ci viene messo a disposizione dai mercati finanziari e del risparmio, imparando a riconoscere rischi e retribuzione degli stessi, possiamo scegliere da soli la strada che ci porterà ad un impiego sicuro del nostro capitale.

Abbiamo preparato una guida completa, un approfondimento che ti permetterà di capire:

  • Cosa vuol dire investimento sicuro

Perché non è assolutamente detto che – dopo decenni di disinformazione economica su TV e giornali – tutti siano al corrente di cosa voglia dire investimento sicuro.

  • Strumenti di investimento sicuri

Perché oltre ai mercati, sono gli strumenti che possono fare la differenza.

E scegliere quelli più adatti al nostro bisogno di sicurezza è l’unico modo per procedere sul binario giusto.

  • Intermediari sicuri per l’investimento

Perché oggi non tutti gli intermediari possono essere considerati sicuri. Anche chi tradizionalmente è stato nostro intermediario verso il mondo del risparmio e degli investimenti non dovrà essere necessariamente considerato, oggi, come sicuro.

  • Come creare portafogli di investimenti sicuri

Perché come vedremo più avanti nel corso della nostra guida, la sicurezza negli investimenti è in realtà un problema di allocazione del proprio capitale e di scelta di diversi strumenti, tramite la diversificazione.

Guida agli investimenti sicuri
Investimenti sicuri: la nostra guida completa

Il nostro staff ha preparato un documento completo per te, che si chiuderà anche con le 5 regole fondamentali degli investimenti sicuri. Per avere quello sprint in più che gli altri risparmiatori, purtroppo, spesso non hanno.

Cosa sono gli investimenti sicuri

Non siamo di quelli che badano troppo alla forma, non siamo degli accademici e su InvestimentiFinanziari.net abbiamo sempre voluto prediligere un approccio pratico al mondo degli investimenti. Dobbiamo però, prima di muovere i primi passi, capire di cosa parliamo quando ci riferiamo agli investimenti sicuri.

Perché nonostante i nostri colleghi si ostinino a considerare come sicuri soltanto quegli investimenti che tutelano il capitale e lo garantiscono, in realtà ci sono diversi modi di approcciarsi alla sicurezza.

  1. Investimenti sicuri come investimenti a capitale garantito

Sono gli investimenti sicuri per eccellenza, quelli che ci garantiscono (quasi mai al 100%) che il capitale che abbiamo investito non perderà mai di valore. Avremo modo di vedere insieme come questa promessa spesso si riveli non esattamente corrispondente al vero.

E parleremo anche del fatto che scegliere la sicurezza assoluta degli investimenti spesso vuol dire – soprattutto in questo periodo storico – rinunciare completamente agli eventuali profitti.

  1. Investimenti sicuri come investimenti stabili

Per molti altri gli investimenti sicuri non sono una questione di mantenimento costante del capitale, ma di assenza di eccessiva volatilità.

Le azioni – almeno sul lunghissimo periodo – con un buon portafoglio diversificato possono essere considerate come sicure.

Ma chi è alla ricerca di un percorso senza saliscendi, non potrà sicuramente guardare a questo tipo di mercato.

  1. Investimenti sicuri come investimenti dal guadagno certo

Anche qui però siamo davanti ad un argomento particolarmente spinoso. Perché il guadagno garantito, a meno che non sia di entità davvero ridotta, non può esistere. Parleremo anche di quegli strumenti dunque che sono investimenti sicuri nel senso di investimenti a rendimento garantito.

Fatta questa doverosa premessa, possiamo finalmente passare all’analisi di quello che riguarda le modalità operative, la scelta di strumenti e titoli sicuri e anche l’analisi delle tecniche per abbattere il rischio.

Tecniche che oggi puoi mettere in pratica anche se non hai enormi capitali a disposizione. Ricordandoti sempre che quando scegli accesso ai mercati tramite intermediari completi, la sicurezza puoi costruirtela da solo.

Scegliendo magari tra i tantissimi titoli messi a disposizione da broker di qualità come eToro.

Investimenti sicuri: quali sono?

Ci sono diversi tipi di investimenti sicuri che andremo a segnalarti nel corso del nostro approfondimento.

Nello specifico ti parleremo di:

  • Investimenti sicuri a capitale garantito: gli investimenti nei quali tutto il capitale che versi rimarrà sicuramente intatto;
  • Investimento sicuro in banca: cercando di capire cosa hanno da offrire oggi in termini di sicurezza gli istituti bancari (come ad esempio i conti deposito);
  • Investimenti alle Poste (sono sicuri?): possiamo ancora fidarci di quello che offre Poste Italiane per i nostri investimenti sicuri?
  • Investimenti sicuri a breve termine: per chi vuole del rendimento, senza aspettare troppo a lungo;
  • Investimenti in immobili (sicuri anch’essi?): conviene ancora investire nel mattone? È sicuro?
  • Come fare investimenti sicuri: perché le tecniche di investimento sono importanti tanto quanto gli strumenti.

Una rassegna completa, che ti aiuterà a muoverti in un mondo complicato, ma che può offrirti dei frutti molto, molto interessanti.

Investimenti sicuri a capitale garantito

Partiamo con la nostra analisi scegliendo la definizione più comune e accettata di investimenti sicuri, ovvero quegli investimenti che garantiscono il capitale.

Questa è la scelta migliore per chi non vuole correre nessun rischio e vuole che il capitale versato rimanga sempre intatto, sia sul breve che sul lungo periodo.

Sembrerebbe una questione semplice e immaginiamo che tu che ci leggi ti aspetti una disamina del tipo titolo 1, titolo 2, investimento in banca X e investimento in posta Y.

In realtà separare quelli che sono gli investimenti a capitale davvero garantito da quelli che invece promettono di garantire il tuo capitale ma non lo fanno, non è semplice. E per questo ti consigliamo di leggere a fondo ognuno dei capitoli che ti stiamo per offrire.

Investimento sicuro a capitale garantito: il conto deposito.

  • Garanzia del capitale: fino a 100.000 euro per conto e per correntista
  • Garanzia effettiva?: Sì, tramite il Fondo Interbancario di Tutela dei Depositi.

Il conto deposito è uno degli strumenti maggiormente utilizzati da chi è a caccia di un investimento sicuro e soprattutto che abbia anche un rendimento, per quanto piccolo, altrettanto garantito.

Uno strumento di investimento assolutamente ideale per chi non vuole problemi, per chi non vuole seguire i mercati e soprattutto non vuole oscillazioni del valore del suo capitale.

Investimento conto deposito
Al crescere del vincolo crescono anche gli interessi riconosciuti

È facilissimo da usare, perché basta accenderne uno presso una delle tante banche che lo offrono, depositare il denaro e iniziare a riscuotere periodicamente (o a scadenza) gli interessi.

È davvero sicuro?

Assolutamente sì, anche se nel limite di 100.000 euro per conto e per correntista. Questo perché la tutela del fondo interbancario opera entro queste soglie.

Se investirai meno di questa cifra, potrai considerare il conto deposito come uno strumento di investimento sicuro al 100%. Che è un investimento sicuro anche per quanto riguarda il rendimento, che viene fissato all’inizio e viene necessariamente versato dalla banca.

  • Quando non è sicuro il conto deposito?

C’è una sola possibilità, ovvero quella del fallimento della banca. In questo caso verrai comunque rimborsato dal fondo interbancario. Perderai soltanto gli eventuali interessi ancora non riscossi.

  • Conto Deposito: Investimento sicuro per chi?

Per tutti coloro i quali non vogliono investire più di 100.000 euro e si accontentano di rendimenti bassi.

Investimento sicuro in obbligazioni

  • Garanzia del capitale: da parte dell’emittente. Se fallisce perdiamo tutto.
  • Garanzia effettiva? Dipende. È comunque lo stato che ha emesso i bond/obbligazioni ad offrire ogni tipo di garanzia.

Le obbligazioni sono da sempre un prodotto che fa gola a chi è a caccia di investimenti sicuri e garantiti. Anche qui il funzionamento è relativamente semplice: ci si reca in banca (anche online), si apre un deposito titoli e si decide di acquistare un titolo di debito emesso da uno qualunque degli stati mondiali.

Tecnicamente con le obbligazioni stiamo prestando denaro ad uno stato e dunque la sua sicurezza non può che concedere con la sicurezza propria dello stato al quale stiamo prestando i soldi.

Anche il rendimento è sicuro: perché ogni obbligazione incorpora un tasso di interesse che ci viene riconosciuto periodicamente (oppure talvolta, come nelle zero coupon, a scadenza).

  • Quando non sono sicure le obbligazioni?

Quando vengono emesse da stati con potenziali problemi economici futuri. Il rating può aiutarti a scegliere investimenti 100% sicuri (o quasi) in questo settore.

  • Per chi sono l’investimento sicuro ideale?

Per chi vuole uno strumento meno tassato (per i paesi in White List parliamo di solo il 12,5%, contro il 26% degli altri strumenti) e per chi ha fiducia nella tenuta degli stati delle economie sviluppate.

Esistono investimenti non sicuri in obbligazioni

Ti rubiamo ancora qualche secondo mentre parliamo di obbligazioni. Occhio, perché esistono anche degli investimenti non sicuri in questo settore. Basta pensare a chi ha investito in obbligazioni argentine, venezuelane, libanesi.

Anche se garantite ai tempi da stati apparentemente solidi, si son rivelate per essere un grandissimo flop, con zero sicurezza per chi ha investito. Anche in questo caso puoi trovare comunque modi per controbilanciare l’investimento inserendo altri titoli, più o meno sicuri. Qui da IQ Option trovi centinaia di titoli tramite i quali organizzare il tuo investimento scegliendo tra più titoli.

Investimenti sicuri in banca

Gli istituti bancari sono ancora oggi il canale principale attraverso il quale il grosso dei piccoli risparmiatori si avvicina al mondo degli investimenti. Ma esistono degli investimenti sicuri in banca che possiamo scegliere per dormire sonni tranquilli e magari far crescere – anche lentamente – il nostro capitale?

Di obbligazioni e di conti deposito abbiamo già parlato, ma ci sono anche tanti altri strumenti che in genere vengono proposti dalle banche che possono essere più o meno sicuri.

Anche in questo caso ci preoccuperemo di andare a segnalarti quelli che sono davvero sicuri, con tutte le avvertenze del caso, rimandandoti poi a maggiori approfondimenti per capire quali scegliere.

Fondi investimento sicuri

  • Garanzia del capitale: non direttamente
  • Garanzia effettiva: dipende dalla composizione del fondo

fondi comuni di investimento sono diventati il jack of all trades delle proposte bancarie, ovvero dello strumento che viene proposto praticamente a tutti, perché, almeno a detta di promotori finanziari con i quali spesso siamo in disaccordo, sicuri per il capitale e sicuramente redditizi.

In realtà basta poco per rendersi conto che le cose non stanno sempre così.

Fondi comuni non sicuri
I Fondi Comuni? Non sono sempre sicuri

Non tutti i fondi possono essere ritenuti sicuri, perché dipende largamente dalla composizione effettiva del fondo stesso.

  • Fondi obbligazionari: sono mediamente i più sicuri, perché investono in obbligazioni a basso rischio.

Pur quando hanno una componente liquida o in altri strumenti, tendenzialmente hanno una componente di rischio davvero ridotta.

  • Fondi azionari: sono sicuri? Secondo noi no, e gli indici sintetici di rischio sono dalla nostra parte.

Sull’indice sintetico di rischio torneremo più avanti con maggior dettaglio. Per ora ti basti sapere che anche una composizione piuttosto conservativa del portafoglio di un fondo azionario, i rischi ci sono e siamo molto lontani da quello che definiremmo un investimento sicuro al 100%.

  • Fondi immobiliari: fortunatamente se ne vedono sempre meno, perché nonostante l’amore degli italiani per il mattone, sono tra i meno sicuri.

Sì, non è vero che l’investimento immobiliare sia sicuro, anche quando questo è amministrato da chi, almeno sulla carta, dovrebbe sapere quello che fa.

Oggi, dopo il crack del 2009, se ne vedono sempre meno. Ma basta chiedere a chi ne aveva acquistate quote tempo fa per rendersi conto che siamo davvero distanti da un investimento davvero sicuro.

  • Fondi bilanciati: anche questo un piccolo trucco del marketing, perché di bilanciato spesso c’è poco o nulla.

Sono composti di azioni e di obbligazioni ma non sempre ci coprono totalmente dai rischi.

La componente obbligazionaria può aiutare in questo senso, ma spesso non è sufficiente.

  • Fondi flessibili: vuol dire firmare un assegno in bianco al gestore. E non sempre questo è sinonimo di sicurezza.

Perché i fondi flessibili spesso si sbilanciano verso strumenti che non possono essere considerati come sicuri (con scorribande anche nel mondo delle materie prime e delle valute esotiche).

L’indice sintetico di rischio come indice di investimento sicuro

L’indice sintetico di rischio oggi deve accompagnare qualunque proposta di investimento da parte della banca. È una scala che va da 1 (investimento massimamente sicuro) a 7 (investimento massimamente rischioso).

È un buon riassunto dell’effettiva rischiosità di un investimento? Sì, ma ricordati sempre che il mondo degli investimenti è molto complesso e pertanto va preso con le proverbiali pinze.

Certificates, warranties, futures, options: non sono investimenti sicuri

Le banche offrono ormai anche a clienti cosiddetti retail, ovvero non istituzionali, strumenti derivati e altri tipi di contratti che non possono essere considerati come sicuri.

Non riteniamo gli investimenti che abbiamo appena elencato come investimenti sicuri per tutta una serie di motivi:

  • Il capitale non è garantito e quando lo è non lo è effettivamente;
  • Costi di transazione alti: con commissioni enormi da parte della banca che sono effettivamente perdita di capitale nostro;
  • Troppo complessi: perché spesso non si capisce bene come funzionano, a meno che non dovessimo essere dei veri esperti di finanza.

Investimenti sicuri alle Poste

Le Poste rappresentano, praticamente da sempre, il non plus ultra per gli investimenti sicuri per gli italiani.

Dopotutto cosa c’è di più rassicurante di un libretto oppure di un buono fruttifero? Ma siamo davvero davanti ad investimenti sicuri? Scopriamolo insieme.

Investimento Sicuro: il libretto postale

Capitale garantito: sì, dalla Cassa Depositi

Investimento effettivamente sicuro: sì, anche se…

Il libretto postale è forse lo strumento ancora più utilizzato in Italia, soprattutto da parte dei più anziani, per mettere al riparo il proprio capitale e custodirlo in modo altrettanto sicuro.

Ci sono però almeno due problemi per quanto riguarda il libretto postale:

  1. Secondo noi non è un investimento: perché i rendimenti sono da tempo a zero (o poco di più).

Il che vuol dire che stai semplicemente parcheggiando il tuo denaro da Poste, senza ricavarne nulla.

  1. Sicuro, tanto quanto lo stato italiano: il che potrebbe essere poco o molto poco, oppure tanto.

I capitali che sono depositati presso Poste sono garantiti, lo ripetiamo ancora una volta, dalla Cassa Depositi e Prestiti. Che non dovrebbe fallire, anche se…

Buoni fruttiferi postali: sono investimenti sicuri?

  • Capitale Garantito: sì, dalla Cassa Depositi
  • Rendimento garantito: sì, se vogliamo chiamarlo rendimento..

Anche per i buoni fruttiferi postali permane lo stesso identico problema dei libretti postali, ovvero:

  1. Rendimento a zero: il che vuol dire che purtroppo anche investendo parecchio nei buoni fruttiferi, non avrai rendimento. E dunque abbiamo difficoltà a considerarli investimenti.

Vuoi investire? Investire vuol dire altro, anche se volessimo correre praticamente zero rischi.

  1. Sicurezza dei fondi: Poste non è mai fallita e non è mai stat neanche vicino a farlo.

Ma vale la pena di sottolineare che la sicurezza della stessa è simile a quella delle obbligazioni italiane.

Investimenti sicuri a breve termine

Se sei di quelli che non hanno un orizzonte temporale particolarmente lungo per fare trading oppure per investire puoi anche metterti a caccia di investimenti sicuri a breve termine. Conscio però sempre di un fatto.

Ovvero che quando scegli investimenti a breve termine:

  • Non puoi assolutamente aspettarti dei grandi rendimenti: perché la componente temporale è una di quelle che contribuisce a aumentare i rendimenti di un investimento;
  • In combinazione con la sicurezza, spesso vuol dire ottenere rendimenti prossimi allo zero.

Quello che il mondo della finanza e degli investimenti non può in alcun modo garantirti è un investimento sicuro e al tempo stesso redditizio di breve termine. Perché non si può avere tutto dalla vita e perché quando un investimento rende o è poco sicuro, oppure è di lungo termine.

I migliori investimenti sicuri a breve termine

Ti segnaliamo di nuovo quelli che sono gli investimenti sicuri che possono essere modulati anche sul breve termine:

  • Conto deposito

Puoi scegliere o libero e senza vincoli (ma con rendimenti molto bassi) oppure anche con un vincolo annuale o anche semestrale in alcuni casi.

  • Obbligazioni

I Buoni Ordinari del Tesoro hanno scadenza a brevissimo termine, sono sicuri e hanno anche un rendimento, seppur non eccezionale

Per tutto il resto, come indici e azioni, non è il caso mai di parlare di investimenti sicuri a breve termine, perché se è vero che sul lungo e sul lunghissimo periodo possono essere sicuri, sul breve termine sono troppo volatili per pensare di investire con profitto e senza correre rischi.

Investimenti sicuri: immobili

  • Capitale garantito: no
  • Rendimento garantito: no

Gli immobili sono, nell’immaginario degli italiani, l’investimento sicuro da sempre.

L’investimento nel mattone – sempre secondo la vulgata – dovrebbe essere quello che è in grado di offrirci sempre e comunque un approccio sicuro al mondo degli investimenti.

Investimenti sicuri immobili
Il mattone non è sempre un investimento sicuro

Perché crescerebbe sempre, perché si rivaluta, perché non presenta rischi di sorta. Se è vero che ci sono oggi molti sistemi che permettono di avere investimenti relativamente sicuri nel mondo degli immobili, è sempre bene sottolineare un paio di punti.

  1. Non è vero che gli immobili si rivalutano sempre: perché basta controllare i dati in moltissime città italiane (ed europee) per rendersi conto che invece è spesso il contrario.

Moltissimi immobili finiscono infatti per perdere valore, anche al lordo delle enormi spese di cui sono oggetto.

  1. Spese: sono sempre molto alte per il mantenimento di questo specifico tipo di investimenti

Anche quando si affittano gli immobili, ci sono da pagare tasse, interessi in banca e manutenzione. Non sempre questo è un buon affare.

Come fare investimenti sicuri

Te lo abbiamo anticipato durante l’apertura della nostra guida. Spesso fare investimenti sicuri concerne il come invece che il dove.

E ci sono dei modi per rendere più o meno sicuro il nostro investimento.

  • Diversificazione: scegliere tra tantissimi titoli per comporre il portafoglio distribuisce il rischio e rende i nostri investimenti più sicuri.

In questo caso il modo migliore di operare non può che essere quello di scegliere tra diversi mercati e tra diversi comparti.

  • Calcolo del rischio effettivo: non basta fermarsi agli indici sintetici di rischio. Il nostro consiglio è quello di muoverci sempre studiando a fondo gli strumenti che abbiamo davanti.

Perché spesso l’indice sintetico di rischio non racconta tutta la storia.

  • Testare, se possibile, in demo: i conti demo oggi sono a disposizione di tutti e ti permettono di testare le tue strategie prima di operare con capitale reale.

Qui puoi aprirlo gratuitamente con FP Markets e testare molti degli investimenti che abbiamo proposto. Quando ti sentirai sicuro, potrai cominciare a fare trading con il capitale reale.

5 regole d’oro per gli investimenti sicuri

Mentre ci avviciniamo alla chiusura della nostra guida, vogliamo offrirti 5 regole d’oro per gli investimenti sicuri.

5 regole che ti aiuteranno a capire come funzionano i mercati e gli investimenti e soprattutto, cosa decisamente più importante, ad individuare quanto viene offerto di veramente sicuro dal mondo degli investimenti.

  1. Sicurezza e rendimento sono agli antipodi

È la legge fondamentale degli investimenti. Se vuoi un investimento sicuro dovrai accontentarti di un rendimento più basso.

Se vuoi un rendimento più alto, dovrai accontentarti di un investimento meno sicuro.

  1. Puoi modulare il rischio, per la sicurezza e per il rendimento

Oggi hai a disposizione broker come eToro – che puoi testare in demo qui che ti permettono di scegliere tra diversi titoli, tra quelli sicuri e quelli rischiosi, per avere un portafoglio che rispecchi esattamente quanto vuoi rischiare e quanto vuoi guadagnare.

  1. Non fidarti di chi ti offre formule magiche

Internet pullula di soggetti poco raccomandabili che offrono investimenti sicuri, almeno a detta loro, sia per la conservazione del capitale, sia invece per quanto riguarda il rendimento.

Sono al 100% truffe, perché nessuno, neanche l’investitore più bravo, è in grado di coniugare queste due caratteristiche.

  1. Investimento sicuro vuol dire limitarsi

Investire in modo sicuro è molto più difficile che farlo con rischi enormi. Per un motivo molto semplice: bisogna sapersi limitare. Bisogna evitare di andare in tilt e di farsi ingolosire da promesse che poi potrebbero non realizzarsi.

Se vuoi investire in modo sicuro davvero, coltiva anche la tua disciplina mentale.

  1. Sicuro sì, ma non a rendimento zero

Ci sono tonnellate di investimenti sicuri nel senso di investimenti garantiti che però offrono rendimenti nulli. Ecco, qui la sicurezza è massima, ma almeno a nostro modo di vedere le cose, non possiamo neanche parlare di investimenti veri e propri. Perché ne mancano certamente le basi.

Conclusioni e opinioni finali sugli investimenti sicuri

Anche in una fase di crisi che si protrae ormai da tempo è sicuramente possibile scegliere investimenti sicuri. Questa guida non può che essere un punto di partenza per te che sei a caccia del modo migliore per impiegare il tuo capitale senza correre rischi.

Il nostro consiglio finale non può che essere quello di studiare in proprio e di creare le tue strategie e i tuoi percorsi. Perché nessuno meglio di te può occuparsi della sicurezza dei tuoi investimenti.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.