Gli Investimenti Finanziari a 360°.

Come fare trading: consigli per non commettere errori!

Oggi si può fare trading direttamente online, senza eccessivi intermediari, prendendo le decisioni migliori per il nostro capitale. Questo ovviamente presuppone un certo controllo della situazione, che andremo ad esplicitare tra pochissimo.

Chi fa da sé fa per tre, anche sui mercati. Per farlo però dovrà anche cercare di imparare a fare trading, ovvero ad immagazzinare informazioni pratiche che consentano di conoscere i mercati e di fare trading nel modo giusto, riducendo al lumicino gli errori che si commettono.

Si può imparare a fare trading unendo studio teorico e pratica. Oggi abbiamo, anche se è la prima volta che pensiamo di avvicinarci ai mercati, delle possibilità straordinarie, che in passato non sarebbero state neanche immaginabili.

Oggi il mondo del trading è infatti estremamente più accogliente per chi arriva, anche se con pochi capitali. Sia perché ci sono tanti broker che si prendono cura di chi vuole investire poco, sia perché gli strumenti per imparare sono abbondantissimi.

Essere meno preparati degli altri vuol dire – quasi sicuramente – fallire. Motivo per il quale continuiamo ad insistere fortemente sulla necessità di formazione. Con questa guida capiremo insieme come muoverci per imparare davvero a fare trading.

Come imparare a fare trading online

Per imparare a fare trading servono conoscenze teoriche, che si possono acquisire tramite corsi e libri – e conoscenze pratiche, che possiamo maturare oggi con i conti virtuali e dunque senza rischio per il nostro capitale.

Perché se è vero che da un lato è necessario conoscere i concetti più importanti, saper impostare una strategia, conoscere mercati e titoli, dall’altro lato è assolutamente fondamentale andare a mettere in pratica quello che si è appreso. Come in ogni arte, come in ogni mestiere, teoria e pratica non possono che andare di pari passo.

Come fare trading
Come fare trading? Oggi le possibilità sono tantissime

Come abbiamo già accennato durante l’apertura della nostra guida, il vantaggio competitivo che abbiamo rispetto a chi ha iniziato a fare trading tanti anni fa, è che oggi è possibile scegliere un conto demo gratuito (qui uno dei migliori) che permette di accedere a tutti i mercati, con capitale virtuale sufficiente per testare le nostre conoscenze, la nostra capacità di creare e sostenere strategie e soprattutto le nostre performance sul mercato.

Nel frattempo, con il conto demo è possibile anche imparare ad utilizzare le piattaforme che ci vengono messe a disposizione dai broker. Non tutte sono immediatamente intuitive e molte di queste, inoltre, hanno un numero di funzionalità molto elevato. In entrambi i casi avere modo di praticare è di grandissimo aiuto.

Non lasceremo poi indietro la teoria – che è a nostro modestissimo avviso comunque la base sulla quale andare a fondare il nostro futuro – si spera – successo sui mercati. Qui la situazione si fa però decisamente più complicata. Perché dobbiamo necessariamente orientarci in un settore dove non tutti i corsi, non tutti i libri e non tutti gli strumenti di formazione hanno la stessa validità.

In aggiunta, in molti continuano a spacciarsi online e offline come sedicenti guru del mondo della finanza, vendendo corsi e libri paccottiglia che hanno fatto arricchire sempre e soltanto i creatori dei corsi stessi.

La buona notizia è che ci sono addirittura broker con formazione inclusa, che offrono piattaforme integrate per imparare e mettere subito in pratica, sempre con il già citato conto demo, quello che si apprende. Non può ovviamente limitarsi a questo la formazione di chi vorrebbe davvero fare trading con possibile profitto.

Ci sono libri e ci sono corsi di trading anche esterni ai broker che hanno tanto da dire, e che citeremo appunto nel corso della nostra guida. La prima risposta a come fare trading, per il momento, non può che esser questa: prepararsi, perché senza conoscenze teoriche e pratiche non si può assolutamente pensare di fare trading online con successo.

Anticipiamo anche un tema che affronteremo più avanti nel corso della nostra guida a come fare trading: la forma mentis del trader di professione, o comunque di chi riesce ad ottenere dei buoni profitti sui mercati, è quella di chi ha sempre voglia di imparare. I mercati cambiano e così cambiano le conoscenze di cui abbiamo bisogno per ottenere dei guadagni e per prosperare.

Come fare trading con conto virtuale

Il conto virtuale o demo è la chiave di volta per chi vuole sapere come fare trading: è didattico, è sicuro e non attacca il nostro capitale.

Sono caratteristiche assolutamente uniche che pongono, almeno nella nostra visione del mondo del trading, il conto demo in posizione di assoluta preminenza rispetto a quanto invece viene offerto da altri strumenti. Ma perché lo riteniamo importantissimo? Per tutta una serie di motivi che andremo ad esplicitare tra pochissimo.

  • Un’ottima palestra di trading

Il motivo fondamentale che ci spinge a consigliare a chi ci legge l’apertura di un conto demo (qui è gratis con eToro) è che il conto in questione rappresenta la migliore palestra per il trading che si possa avere a disposizione.

Da un lato infatti abbiamo la possibilità di testare la piattaforma che avremo scelto – ogni broker ne ha una – dall’altro appunto di testare le nostre idee di investimento e le nostre strategie: è la magia del capitale virtuale – soldi del Monopoli, metaforicamente parlando, che possiamo utilizzare per fare investimenti e imparare senza rischiare.

come fare trading demo
eToro offre un conto demo completo per imparare come fare trading
  • Gratis

Tutti i migliori broker offrono conti di pratica completamente gratuiti. Qui si può aprire con Trade.com e più avanti indicheremo anche come aprirli per fare trading con altri broker. La buona novella in questo specifico caso è che appunto non dovremo pagare nulla per utilizzare questa palestra.

  • Quotazioni reali

Il conto demo non è una borsa virtuale, non è per capirci un videogioco. Le quotazioni di tutti i titoli è in tempo reale e soprattutto segue quella dei mercati veri. Quindi se acquisteremo delle azioni FCA con il nostro conto demo, il prezzo rappresentato dalla piattaforma sarà quello effettivo, appunto, delle azioni FCA alla Borsa di Milano.

Si può controllare facilmente aprendo un demo con FP Markets, broker che offre accesso a più di 11.000 titoli, suddivisi lungo tutti i principali mercati del mondo. Siamo davanti ad un altro aiuto fondamentale da parte di questa categoria di conto.

Corsi per imparare a fare trading

Ci sono diversi corsi che possiamo utilizzare per imparare a fare trading. Abbiamo già dedicato un approfondimento ai migliori corsi di trading online, che invitiamo tutti a consultare, per un approfondimento ulteriore su quelli che sono i migliori percorsi disponibili online.

Alcuni sono gratuiti, altri a pagamento. Alcuni sono offerti da professionisti terzi, altri invece dai broker. La notizia qui è che in realtà ci sono tantissimi corsi che potremmo prendere in considerazione per andare ad imparare come fare trading.

Trade.com (qui troviamo il sito ufficiale) è uno dei broker che offre formazione integrata all’interno della sua piattaforma. Una formazione che passa anche da corsi video che spiegano tutti gli argomenti che riguardano il come fare trading.

Corsi che abbiamo seguito anche noi – pur da divulgatori – e che riteniamo essere il meglio che oggi si può trovare online, soprattutto tra quelli gratuiti. La prova che dai broker, oltre che ottenere una buona piattaforma per il trading e accesso ai mercati, si possa anche trovare dell’ottimo materiale informativo.

I corsi sono aperti a tutti e sono anche suddivisi per livello di preparazione. Il nostro consiglio è quello di andare a seguirli, anche per chi dovesse già sentirsi relativamente preparato. Siamo davanti ad ottimi corsi, senza alcun dubbio.

  • I Segreti pre fare trading, di Enrico Lanati

Un corso che avevamo già segnalato nel corso di uno dei nostri tanti approfondimenti sul tema. Enrico Lanati è uno dei formatori principali a tema trading in Italia e propone questo ulteriore corso a pagamento, che affronta tutti gli argomenti più importanti per chi vuole fare iniziare a fare trading con il piede giusto.

Dalle piattaforme di trading, passando per gli strumenti, i titoli e i mercati, la leva finanziaria, la gestione degli ordini condizionali e la gestione del proprio capitale. Il che vuol dire avere un corso che affronta tutto quanto ci sia effettivamente da sapere sul tema.

Consigliatissimo: costa 249,00 euro –  qui si può ottenere il 10% di sconto esclusivo per i lettori di InvestimentiFinanziari.net.

  • Smart Trading, fare soldi (al rialzo e al ribasso) sulle azioni, di Luca Discacciati e Riccardo Zago

Altro corso molto interessante, destinato però a chi ha già una base solida nel campo del trading. Questo corso è concentrato sulle possibilità offerte dal mercato azionario, sia al ribasso che al rialzo, per un totale di 6 ore di corso.

Anche se concentrato sulle azioni, è un ottimo corso per capire il funzionamento del mercato e su come fare trading. Costo 600 euro – qui per avere uno sconto del 10% esclusivo per i lettori di InvestimentiFinanziari.net.

Bisogna necessariamente pagare per ottenere un corso su come fare trading di qualità? No. E lo abbiamo dimostrato segnalando la Formazione di Trade.com, tra le migliori che abbiamo avuto modo di incontrare durante le nostre analisi e le nostre recensioni.

Come fare trading: testi consigliati

Anche i libri possono giocare un ruolo fondamentale per capire come fare trading. Abbiamo selezionato insieme al nostro staff tre testi che riteniamo fondamentali e che oggi, fortunatamente, sono disponibili anche nella nostra lingua.

  • Manuale dell’investitore consapevole, di Gabriele Bellelli

Un testo di base, che aiuta soprattuto a capire quali siano i fondamentali di mercato, compresa la protezione del proprio capitale, cosa della quale si parla purtroppo sempre troppo poco. Un testo che riteniamo essere tra i migliori attualmente disponibili in italiano e che dovrebbe far parte della biblioteca di chiunque vorrebbe davvero iniziare a fare trading online con il piede giusto.

  • Analisi tecnica dei mercati finanziari: di John Murphy, T. Oteri

Testo che interesserà maggiormente chi vuole fare trading sul breve e dunque che ha bisogno di avere una buona formazione in termini di analisi tecnica. Un libro più che da leggere… da consultare. E da tenere sempre sulla scrivania mentre si fa trading.

  • Warren Buffett e l’interpretazione dei bilanci, di Mary Buffett e David Clarke

Un testo concentrato sul mercato azionario, del quale l’Oracolo di Omaha è sicuramente il maggior conoscitore a livello mondiale. Ottimo, perché insegna a valutare un’azienda sulla quale investire in modo corretto e concreto.

Pietra miliare del mondo del trading, per chi vuole fare come Warren.

Come fare trading: step fondamentali per non sbagliare

Passiamo ad una parte maggiormente tecnica che riguarda appunto il come fare trading. Partiremo con la scelta del broker, per passare poi alla scelta dei mercati, per finire su qualche operazione di trading pratica.

1° Scelta della piattaforma

Scegliere una buona piattaforma trading è il primo passo per fare trading in modo corretto. Ed è anche il più importante, perché non possiamo assolutamente pensare di fare trading con profitto scegliendo un intermediario di scarsa qualità.

Sono diversi i fattori che dovremmo tenere in considerazione per scegliere il broker più adatto alle nostre tasche e alle nostre esigenze. Sono inoltre molti gli approfondimenti su questo tema che abbiamo già pubblicato sul nostro sito. Per brevità, richiameremo qui soltanto i concetti principali che dovrebbero informare la nostra scelta.

  • Broker europeo e in regola con le licenze

Si tratta di un passaggio fondamentale. I broker europei sono gli unici a poter offrire un certo grado di tutela a chi investe e sono assolutamente gli unici a poter operare nella legalità nel continente. Per questo consigliamo ai nostri lettori di rivolgersi sempre e soltanto a operatori che siano in possesso di regolare licenza.

  • Accesso ai mercati

Si tratta di una questione estremamente importante: un broker che non sia in grado di fornirci il giusto accesso ai mercati è un broker da scartare assolutamente. Proprio perché si tratta di un broker che non ci offre tutte le possibilità che invece mercati potrebbero proporci.

Broker come FP Markets offrono oltre 11.000 titoli tra i quali scegliere – e non sono gli unici. In questo specifico caso, come dicevano i latini, melius abundare quam deficiere.

  • Minimi di investimento

Non tutti vogliono o possono iniziare a fare trading con capitali enormi. La buona notizia per chi vuole iniziare a fare trading oggi che ci sono broker che fanno partire addirittura con un minimo di 10 euro per un conto reale.

IQ Option è uno di questi ed è uno di quelli consigliati per fare trading da principianti, anche perché risponde in modo positivo anche agli altri criteri che abbiamo appunto segnalato nel corso di questa guida.

  • Conto demo gratis

Deve essere sempre presente, perché nessuno dovrebbe “acquistare” i servizi di un broker a scatola chiusa. I broker che non hanno nulla da nascondere possono proporre oggi tutti un conto demo gratis (qui quello di eToro).

Le recensioni delle migliori piattaforme da scegliere:

2° Scelta dell’asset e studio del mercato

Con i broker online oggi si possono scegliere tra migliaia di titoli e centinaia di mercati, come scegliere dunque quello che fa maggiormente al nostro caso?

Ci sono anche qui diversi criteri di cui tenere conto, criteri che devono essere tutti considerati prima di fare la nostra scelta. Li elencheremo per brevità, rimandando poi ad ulteriori approfondimenti nel caso in cui se ne volesse sapere di più.

  • Rischio incorporato

Non tutti i mercati sono uguali e non tutti i titoli sono uguali in questo rispetto. Tipicamente un’obbligazione tripla A presenta rischi molto minori rispetto ad una criptovaluta.

Così come le azioni di un’azienda storica, solida e magari protetta da un monopolio sono maggiormente sicure di quelle di una quasi start-up. Si deve scegliere innanzitutto avendo contezza della propria strategia di rischio, per poi muoversi soltanto verso quei titoli che possano realizzarla.

Sempre però ricordandoci che siamo davanti ad una dicotomia imprescindibile: ad un maggiore rischio corrispondono sempre o quasi dei potenziali guadagni più alti. Quindi no, non esiste un modo ultra-sicuro di ottenere dei rendimenti molto alti.

  • Tipologia di titolo

È un titolo che paga interessi, come ad esempio un’obbligazione? Oppure è un titolo che paga dividendi, come un’azione? Oppure ancora è un titolo puramente da speculazione sul prezzo, come le materie prime?

Anche qui le differenze sono sostanziali, al fine di ottenere quello che ci eravamo prefissati appunto con la nostra strategia.

  • Mercato di appartenenza

Non tutti i mercati hanno gli stessi costi di trading, sebbene in questo senso abbiano fatto moltissimo i broker più moderni, che offrono lo stesso piano di commissioni a prescindere da quale sia il mercato di appartenenza. Se investire però in un determinato mercato diventa troppo costoso, meglio ripiegare su titoli simili, ma su mercati più vicini e dunque più economici.

3° Inizia a fare trading

Dopo un’infarinatura sulle basi dei broker e dei titoli, possiamo fare un trade di prova con un broker adatto a questo scopo. Lo faremo con eToro, broker che permette di aprire un conto demo in pochi secondi e di cominciare a fare trading con capitale virtuale senza troppe lungaggini burocratiche.

  • Apriamo un conto demo

Si può aprire qui senza costi e ci permette di fare trading al top senza avere appunto nessun tipo di costo aggiuntivo. Ci verrà fornito un capitale virtuale di 100.000 USD che potremo utilizzare come palestra per il nostro trading.

  • Facciamo accesso alla piattaforma

Dovremo utilizzare le credenziali che abbiamo creato in fase di registrazione, ovvero il nostro nome utente e la nostra password. Ricordiamoci inoltre che su eToro possiamo andare a registrarci anche direttamente con il nostro account Facebook, o ancora con il nostro account Google.

  • Entriamo nella dashboard e analizziamo i mercati

L’interfaccia offerta da eToro (qui per i dettagli sul sito internet) è molto semplice e permette una rapida navigazione di tutti i mercati che abbiamo a disposizione. Scegliamo sulla sinistra il tab mercati e spulciamo quello che il broker mette a disposizione.

Basta cercare ENI nella Ricerca per trovare il titolo che ci interessa oggi

Noi sceglieremo i titoli azionari – perché eToro è broker specializzato anche in azioni e permette di accedere a tantissimi mercati di questo tipo. Clickiamo dunque su mercati prima, poi su azioni, poi su scambio e selezioniamo Milano. Per il nostro esempio sceglieremo infatti le azioni ENI, che sul b broker vengono indicate dal ticker ENI.MI.

  • Piazziamo il primo ordine

Clickando su INVESTI potremo piazzare, come nella schermata che abbiamo allegato, il nostro primo ordine. Inseriamo la cifra da investire, selezioniamo l’eventuale leva, impostiamo gli ordini di stop loss e take profit. Nel caso in cui pensassimo che le azioni ENI saranno soggette ad un calo, potremo andare ad investire al ribasso, semplicemente clickando prima su VENDI e poi impostando l’ordine.

Azioni ENI come fare trading
La schermata per piazzare l’ordine sulle azioni ENI

Abbiamo così fatto il nostro primo trading: ora possiamo rispondere facilmente alla domanda “come fare trading?” e magari condividere questa conoscenza anche con i nostri amici o parenti interessati.

Come fare trading copiando i migliori

Oggi si può fare trading anche andando a copiare i migliori trader che operano online. È una delle opportunità che vengono offerte da eToro (qui per il conto demo gratuito), broker che è campione nel CopyTrading.

Il CopyTrader è un sistema che permette a tutti di copiare appunto i trader che stanno avendo i migliori risultati sulla piattaforma di cui sopra. Per farlo, potremo seguire la prossima guida in 4 punti.

Nel caso in cui l’avessimo fatto per l’esempio prima, potremo comunque utilizzare lo stesso identico account

  • Facciamo accesso

Anche questo punto può essere evitato se abbiamo fatto già il login poco sopra, per fare il nostro primo trading virtuale

  • Scegliamo il tab Persone

È il tab che ci permette di accedere alla sezione di eToro che è dedicata appunto al Copy Trading. All’interno della schermata potremo selezionare il trader che fa maggiormente al caso nostro, selezionandolo per nazionalità, profitti ottenuti e profilo di rischio.

Copy Trading come fare
La schermata dalla quale filtrare i trader da copiare

Una volta individuato il trader che vogliamo copiare, clickiamo sul suo nome. Verremo trasferiti nella pagina di approfondimento sulle sue posizioni aperte, sul suo capitale e i suoi risultati. Clickiamo poi su COPIA e saremo pronti ad impostare il nostro ordine.

  • Impostiamo denaro e stop loss

Nella schermata di ordine – che alleghiamo – possiamo impostare l’importo da destinare a questa operazione e poi andare a impostare anche lo stop loss. Ovvero un valore al di sotto del quale la nostra posizione di copia verrà automaticamente chiusa. Clicchiamo anche su Copia Trade aperti e poi su Copia.

Copy trading come fare ordine
Qui possiamo impostare il nostro trade/copia

Avremo così copiato il trader in questione. La posizione sarà consultabile nella sezione Portafoglio e potrà essere chiusa poi in qualunque momento.

Considerazioni finali

Si può imparare come fare trading: oggi ci sono davvero tutte le risorse possibili e immaginabili per farlo anche se non si è ricchi o se non si è avuta un’istruzione particolare.

Nella guida di oggi abbiamo raccolto tutto quanto c’è da sapere per partire all’esplorazione, tenendo però fermo un fatto: c’è bisogno di formazione, anche se non universitaria, per affrontare i mercati nel modo giusto.

FAQ Come fare trading: domande e risposte

Come imparare a fare trading?

Pratica con i conti demo, libri e corsi sono un ottimo punto di partenza. In questa guida abbiamo scelto i migliori per i nostri lettori, il punto di partenza ideale.

Come scegliere un broker per fare trading?

Sicurezza, licenza, mercati, costi e piattaforme: sono questi i criteri principali per scegliere un broker che faccia davvero al caso nostro.

Come fare trading senza avere grossi capitali?

Tanti broker offrono oggi la possibilità di iniziare a fare trading anche soltanto con 10 euro. Nella nostra guida spieghiamo come.

Conviene seguire corsi per imparare a fare trading?

, sia gratuiti che a pagamento. Quello che importa è che sano corsi di qualità che possono davvero fare la differenza per il nostro futuro di trader.

Posso imparare da autodidatta come fare trading?

Assolutamente sì. Oggi il trading è un mondo aperto a tutti e le informazioni sono facilmente accessibile. Basta voglia di studiare, volontà e pratica.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.