Gli Investimenti Finanziari a 360°.
navigazione Categoria

Conti Correnti

Il conto corrente è uno strumento bancario che prevede il deposito di denaro da parte del correntista, che può successivamente utilizzare la cosiddetta moneta bancaria.

La definizione di scuola – come purtroppo spesso accade – non è dirimente ed è per questo che abbiamo preparato insieme alla nostra redazione una guida completa al conto corrente bancario che aiuterà chiunque a comprendere il funzionamento di questo preziosissimo strumento.

Individueremo anche i migliori conti correnti del 2020, in una lista che siamo riusciti a compilare analizzando centinaia di offerte e testandole una ad una.

Con la possibilità anche di comprendere le differenze tra le varie tipologie di conto corrente, che oggi offrono a diversi tipi di clienti diversi tipi di vantaggi.

Banca Mediolanum

La nostra recensione completa sul conto di banca mediolanum. a cura dello staff di InvestimentiFinanziari.net.

Banca Fineco

Banca Fineco nasce nel 1982 come GI-FIN S.r.l., trasformandosi mesi dopo in una società per azioni. In seguito a…

Banca Sella

Banca Sella è una realtà che affonda le proprie origini nell’800, più precisamente essa vede la sua fondazione nel…

C/C Online: cos’è e come funziona

Oggi tutti i conti correnti sono online, o meglio, quasi tutti. Rimane comunque praticamente impossibile aprire un conto corrente che non possa essere utilizzato principalmente o esclusivamente online.

Il conto corrente online ha lo stesso identico funzionamento di un conto corrente classico: l’online è soltanto un canale di accesso alle funzionalità tipiche di un conto corrente. Tramite App o accesso tramite browser è infatti possibile:

  • Trasferire denaro da un conto ad un altro di nostra proprietà, con gli ormai vetusti giroconto;
  • Effettuare bonifici verso qualunque tipo di altro conto di altra persona o nostro;
  • Effettuare pagamenti, limitatamente alle banche italiane anche il pagamento di bollettini, F24, ricariche telefoniche;
  • Accedere ai servizi per il risparmio, come le piattaforme per i titoli finanziari, i prodotti gestiti.

E tutte le altre funzionalità che oggi ci aspetteremmo da un normalissimo conto corrente. Diventa dunque completamente superfluo recarsi in filiale, se non per operazioni che dobbiamo necessariamente svolgere con il personale della banca, che sono oggi comunque sempre più poche e rare.

Tipologie di Conti Correnti

I conti corrente possono essere categorizzati lungo diversi binari: tipologia di commissioni, destinatari, funzionalità attivate.

La prima grande distinzione che si può fare è quella tra conti ordinari o a consumo e conti invece a pacchetto o a piano.

  • Conto corrente ordinario

È una formula ormai sempre meno scelta dai clienti, perché meno conveniente. Chi sceglie un conto corrente ordinario o a consumo sceglie di fatto di pagare ogni singola operazione.

  • Conto corrente a pacchetto

In questo caso si paga in genere un canone, in cambio del quale vengono corrisposte un tot di operazioni ogni mese o ogni trimestre. Si tratta di una formula maggiormente gettonata per il cliente comune, dato che oggi tutti comunque hanno da fare un alcune operazioni ogni mese.

  • Conto corrente di base

Frutto di un accordo tra la Repubblica Italiana e le banche del nostro Paese. Sono incluse un certo numero di operazioni ad un prezzo calmierato. Non ne parleremo in questa guida, perché li riteniamo appunto dei conti inadeguati per la maggior parte delle persone. Sono stati concepiti per offrire un accesso calmierato ai servizi bancari per le fasce più deboli.

Le differenze tra i diversi conti possono passare anche lungo la linea che distingue consumatori e privati da realtà aziendali.

  • Conto corrente per liberi professionisti

È un unicum del nostro Paese, dove chi opera con partita IVA in genere viene costretto indirettamente ad utilizzare un conto business, pur se tagliato sulle scarse necessità di un’attività economica gestita in proprio. .

  • Conto corrente aziendale

Qui invece le funzionalità incluse sono sicuramente più complesse, perché puntano appunto ad offrire tutto il nucleo di servizi che sono assolutamente necessari per un’attività di impresa articolata.

Quello di cui ci occuperemo oggi nel corso della nostra guida, andando ad indicare i migliori conti correnti del 2020 sono i conti generici riservati a chi ha bisogno di un conto personale.

Per quanto concerne infatti il sistema dei conti correnti per aziende, rimanderemo, nel caso, ad un ulteriore approfondimento, trattandosi comunque di conti che coprono necessità molto diverse da quelle del singolo privato.

Migliori Conti Correnti Online: TOP Lista 2020 [10 più Convenienti]

Abbiamo selezionato 10 conti correnti per il 2020, indicando soltanto quelli che secondo l’attenta disamina del nostro staff offrono le migliori condizioni economiche e funzionali.

  • Crédit Agricole conto corrente online

Conto corrente bancario completo, offerto da uno degli istituti principali a livello europeo. Qui per la nostra recensione di Conto Corrente Online di Credit Agricole

  • Conto corrente online Illimity

Una nuova banca italiana, completamente online, permette di accedere ad un nucleo di strumenti e servizi moderni, a costi assolutamente incredibili. Qui la nostra recensione del conto corrente di Illimity

  • BUNQ

Un servizio europeo che permette di avere diversi IBAN e diversi conti, da aprire con un solo click da App, carte di debito, carte prepagate virtuali e account di deposito per guadagnare sui risparmi.

Qui la nostra recensione dei servizi BUNQ.

  • VIALET

Carta Conto con IBAN che permette di gestire il proprio matrimonio, tutto tramite App. Senza costi aggiuntivi e con tutta la comodità di avere un vero conto corrente online.

Recensione completa di VIALET e del suo conto corrente.

  • Revolut

Uno dei primi servizi ad offrire un IBAN, possibilità di effettuare bonifici, carte virtuali, carte di debito e tutto quello che ci aspetteremmo da un conto corrente completo.

Recensione dei servizi offerti da Revolut.

  • N26

Altro servizio carta conto corrente, dotato di IBAN e che permette di fare e ricevere bonifici. Funzionalità di base che possono essere integrate a pagamento da assicurazioni sul viaggio e sui nostri bagagli.

Qui per leggere la nostra recensione completa di N26

  • Widiba

Banca completamente online che offre diversi vantaggi per chi vive in Italia, come lo sconto sul Telepass. Anche qui siamo davanti ad un prodotto conto corrente completo, che possiamo integrare anche con servizi di investimento.

La nostra recensione di WIDIBA è qui.

  • WeBank IT di Banco BPM

Anche WeBank offre un conto corrente completo, direttamente online e senza la necessità di recarsi mai in filiale. Ottimo per chi ha bisogno delle funzionalità di un conto corrente senza spendere una fortuna e gestendo tutto tramite App o browser.

Qui per la nostra recensione completa di WeBank e del suo conto corrente.

  • BuddyBank

Altro servizio completamente via App, gestito da UniCredit, che permette di accedere a conto corrente, carta di credito, carta di debito e tutti gli altri servizi che ci aspettiamo da un buon conto corrente. Anche qui ottime funzionalità e costi minimi.

BuddyBank: qui la nostra recensione completa

  • CheBanca! – Conto corrente Digital

Un conto corrente da usare ogni giorno e che permette di operare sia online, sia al telefono, sia in filiale. Carta di debito, carta di credito, possibilità di accreditare pensione o stipendio ed effettuare tutti i pagamenti.

Recensione Completa di CheBanca! dello staff di InvestimentiFinanziari.net

Conti Correnti a confronto

  • Credit Agricole conto corrente online

Canone: zero Carte: Mastercard Debit, American Express Funzionalità: bonifici, F24, MAV, Bollettini, Alert SMS, Servizi di investimento

  • Illimity conto corrente

Canone: zero per i primi 12 mesi Carte: Mastercard prepagata, di credito, di debito Funzionalità: bonifici, pagamenti, MAV, F24, App controllo completo, Progetti Spese

  • BUNQ

Canone: 7,99 euro al mese Carte: Mastercard Debit Funzionalità: gestione completa via App, Depositi per il risparmio con interessi, cambio valute a costo zero, carte virtuali illimitate

  • VIALET

Canone: zero, 1,40 euro al mese per ogni carta; Carte: Mastercard Funzionalità: Gestione totale via App, cambio gratis, bonifici gratis, pagamenti istantanei tra utenti Vialet.

  • Revolut

Canone: zero per il conto standard Carte: Mastercard Funzionalità: IBAN UK, cambio valute gratuito, carta gratuita, criptovalute, conto per minore incluso, 1 bonifico gratis al mese.

  • N26

Canone: zero per la versione standard Carte: Mastercard Debit Funzionalità: IBAN tedesco, cambio valute a tassi convenienti, carta gratuita, pagamenti NFC, bonifici SEPA gratis, spazi per risparmiare.

  • Widiba

Canone: zero per dodici mesi per i nuovi clienti Carta: Mastercard Funzionalità: trading online, carta debito e credito personalizzabili, bonifico istantaneo, PEC e Firma digitale incluse.

  • WeBank Conto Corrente

Canone: zero Carta: Mastercard Funzionalità: bonifici, versamento contante e assegni in filiale, bollettini, MAV, F24, fidi e prestiti

  • BuddyBank

Canone: zero Carta: Mastercard, 80 euro per la carta di credito Funzionalità: bonifici SEPA, MAV, F24, Carta di credito a pagamento, prelievi gratis da UniCredit.

  • CheBanca! Conto Corrente Digital

Canone: 1 euro al mese senza filiale, 3 euro al mese in filiale Carta: Mastercard Funzionalità: operazioni in filiale, operazioni online, carta di credito, massimali di prelievo alti

Come scegliere un Conto Corrente

Scegliere un conto corrente non è facile: bisogna tenere conto di diversi criteri, da incrociare con le nostre necessità.

Cercheremo di analizzare quali sono le caratteristiche più importanti che devono orientare la nostra ricerca di un conto corrente online ideale per le nostre necessità, tenendo a bada i costi e soprattutto non utilizzando servizi che non ci servono (e che vanno poi sempre pagati).

  • Costi

Vanno valutati attentamente e non soltanto a livello di canone. Come abbiamo visto dalla lista che abbiamo proposto poco sopra, ci sono conti a costo zero a livello di canone ed altri invece con canoni importanti. I secondi però offrono in genere più servizi e sono più convenienti per chi fa un uso avanzato del proprio conto in banca.

Una buona idea è quella di analizzare le nostre recensioni, dove è possibile trovare anche una simulazione dei costi che dovremo affrontare per ogni caso d’uso. Ricordiamoci sempre che le banche sono delle attività commerciali che hanno come obiettivo il profitto e dunque, in qualche modo, dovranno pur guadagnare.

  • App e accesso via homebanking

Oggi è imprescindibile avere un conto che ci liberi per sempre dalla filiale. Da un lato la filiale è inefficiente, perché fare decine di minuti di coda per un bonifico che si può gestire direttamente da casa o ovunque noi siamo, non ha più senso.

Dall’altro perché le banche fanno pagare a carissimo prezzo le operazioni in filiale. Se dovessero servirci, poco male. Ma dobbiamo avere l’assoluta libertà di poter evitare la filiale.

  • Carta di credito

Siamo davvero sicuri di averne bisogno? Molti conti correnti online puntano a conquistare clienti offrendo la possibilità di avere una carta di credito. Dall’altro lato però evitano di raccontarci, almeno sul materiale pubblicitario, che le carte di credito in realtà sono a pagamento e che gli interessi che innescano sono altissimi.

Valutiamo bene se avremo o meno bisogno di una carta di credito, che non è quasi mai una buona idea. È comoda, ma di una comodità che sempre si fa pagare a carissimo prezzo.

  • Trading

Alcuni conti offrono la possibilità di accedere anche al trading online: anche qui però c’è un caveat. Riteniamo infatti di dover tenere ben separate le due cose e di evitare di scegliere un conto corrente in virtù del fatto che offra o meno la possibilità di investire.

Ci sono tantissimi broker per il trading online ai quali possiamo accedere separatamente e che spesso offrono condizioni migliori di quelle che ci vengono offerte dalla banca.

Conti correnti caratteristiche

Ci sono conti correnti con diverse caratteristiche che sono concepiti per diverse tipologie di clienti: ci limiteremo anche in questo caso ad elencare le più comuni, per rimandare poi i nostri lettori ai nostri approfondimenti.

  • Conto corrente gratis

Ci sono ormai diversi conti corrente che non costano nulla, né a livello di canone né a livello di operazioni incluse. Ne abbiamo elencati diversi nel corso di questa guida e potremo sapere di più accedendo al nostro approfondimento specifico.

  • Conto corrente junior / per minorenni

I minorenni oggi possono avere un conto corrente, in grado di rispondere alle loro – minime – esigenze bancarie e soprattutto di mantenere i costi bassi. Anche qui oggi c’è l’imbarazzo della scelta, anche se non tutti i conti possono essere ritenuti come di egual livello.

  • Conto corrente per partite IVA

La scelta di un conto corrente sbagliato può facilmente tradursi, per chi lavora, in costi enormi che vanno ad impattare in modo importantissimo sul budget. Anche qui il nostro staff arriva in soccorso dei nostri lettori e offre una vasta scelta di quelli che sono i migliori conti correnti per partite IVA.

  • Conto corrente business

I conti correnti business devono offrire un gran numero di funzionalità, soprattutto in presenza di dipendenti e devono essere, ove possibili, assolutamente economici. I nostri approfondimenti permetteranno a chi gestisce un’impresa di consultare rapidamente soltanto i migliori.

  • Conto corrente per viaggiare

Oggi siamo tutti un po globetrotters e avere un conto che permetta prelievi all’estero – in valuta locale – a costi bassi e tassi contenuti può davvero fare la differenza. Oggi sono tanti i conti che offrono questo tipo di funzionalità e li abbiamo recensiti tutti, indicando ancora una volta i migliori.

Considerazioni finali

È difficile muoversi tra migliaia di offerte di conti correnti oggi: per questo abbiamo realizzato una mini guida che sarà il primo passo per chi vuole trovare un conto corrente ideale, spendendo poco e avendo tutte le funzionalità di cui abbiamo bisogno.

Occhio a quanto offrono poi le banche tradizionali: non hanno perso la loro morsa sul mercato e cercano sempre di vendere servizi aggiuntivi, a carissimo prezzo, a chi non ne avrebbe bisogno. Anche nel caso dei conti correnti, rimane il fatto che chi fa da sé fa per tre.

Non abbiamo trovato nulla

Sembra che non siamo in grado di trovare quello che stai cercando. Forse la ricerca può aiutare.