Gli Investimenti Finanziari a 360°.

Azioni Banco BPM

Il Banco Popolare di Milano (BPM) è un istituto fortemente localizzato nel Nord Italia, ma che occupa ogni regione eccetto il Trentino Alto Adige a partire dalla sua fondazione: il 2017.

Nato come una cooperativa, la banca così come è conosciuta oggi, si deve alla fusione tra il Banco Popolare di Verona e quello di Milano. La quotazione sui mercati non esita ad arrivare: nel gennaio 2017, BPM debutta in Borsa.

La guida nasce con lo scopo di placare i principali dubbi che attanagliano i traders prima di cimentarsi in un investimento del genere, come: “comprare azioni BPM conviene?” oppure: “Che impatto potrà avere sui miei investimenti finanziari?

Si giungerà alla riposta a tale questione attraverso un dettagliato studio del titolo BPM, mediante un’attenta analisi tecnica e fondamentale sul gruppo. Allo stesso tempo, ci si soffermerà anche su un altro quesito in voga tra investitori meno esperti: “come si fa ad investire in Borsa? Anticipando la risposta, la guida tratterà del trading online, e delle migliori piattaforme con cui poter accedere ai mercati finanziari, in sicurezza e a zero spese.

Principali caratteristiche del titolo BPM:

ISINIT0005218380
Quotata in borsa dal2017
Indice di riferimentoFTSE MIB
SettoreMTA / Bancario
Capitalizzazione2,47 mrd €
Target Price Medio2,60€
Come comprareAzioni DMA / Trading in CFD
Dove comprareeToro / Capital.com / Trade.com
Principali caratteristiche del titolo BPM

Come comprare azioni BPM: CFD e azioni reali

Prima di addentrarsi nell’aspetto più complesso degli investimenti, cioè l’analisi dell’asset scelto, bisogna capire quali sono le possibilità più adatte con cui entrare sui mercati finanziari.

Una scelta che sta accomunando un numero crescente di traders, in questi ultimi tempi, è il trading on-line. Trattandosi di un’attività finanziaria interamente gestibile sul Web, è altrettanto semplice adattarla alle proprie esigenze personali.

Il trading online comporta, principalmente, due possibilità d’accesso ai migliori titoli di Borsa:

  • Investimenti in CFD, acronimo che sta per “Contracts for Difference”, cioè strumenti finanziari derivati;
  • Investimenti in modalità DMA: acronimo che indica “Direct Market Access.

Nel primo caso, comprare azioni BPM mediante CFD significa poter negoziare sul titolo senza doverlo necessariamente acquistare. A ciò consegue l’opportunità di generare profitti dalle continue variazioni di prezzo riportate.

In più, il vantaggio principale legato a tali strumenti derivati riguarda un’esposizione diretta a qualsiasi occasione di mercato, potendo investire sia al rialzo, che al ribasso. Nello specifico, si parla di vendita allo scoperto: operazione che non richiede l’acquisto previo di un asset e con cui tentare di trarre il meglio anche da situazioni sfavorevoli.

azioni BPM - guida completa all'investimento ed analisi previsionale a cura dello staff di InvestimentiFinanziari.net.
Storica sede del gruppo BPM a Milano – La nostra guida completa sull’analisi tecnica e previsionale del titolo Banca BPM

Il trading DMA, al contrario, è un’opzione più adatta per traders che operano in long, pienamente consapevoli dei rischi intrinsechi del mercato azionario. In effetti, implica un acquisto diretto delle azioni, diventando soci del gruppo e avendo diritto, se previsti, anche ai dividendi annuali.

Purtroppo, in questo caso, i profitti cresceranno proporzionalmente all’aumentare del valore del titolo sul mercato. In caso contrario, si esporrebbe il proprio capitale a delle perdite irreversibili. L’accesso diretto è possibile affidandosi a dei validi broker DMA, il cui ruolo è piazzare un ordine seguendo la scia della “migliore esecuzione”, cioè quando l’asset scelto sta per imboccare una strada in evidente rialzo.

I migliori broker cui cui acquistare in modalità DMA le azioni BPM sono:

Comprare azioni BPM: migliori piattaforme

Per poter approfittare di titoli appetibili e garantirsi un’esperienza di trading positiva, è necessario porre particolare attenzione alla scelta della piattaforma.

Considerando il numero crescente di truffe nel settore, la guida vuole brevemente sintetizzare le caratteristiche che denotano servizi di trading affidabili e sicuri al 100%.

Prima di tutto, per i traders europei è vivamente consigliato operare con broker ESMA, cioè che rispondono perfettamente al quadro normativo imposto sul territorio per la tutela dei loro stessi diritti ed interessi.Nello specifico, le autorità preposte per i controlli sono: CySEC e CONSOB.

Un altro fattore da non sottovalutare riguarda le commissioni: il trading online non ne prevede. Di conseguenza, bisogna diffidare da servizi che applicano tariffe sulle singole operazioni da effettuare.

L’unica cifra a cui si andrà incontro è lo spread, di norma una somma irrisoria che indica il divario tra il prezzo iniziale e finale di un asset. Una volta che ci si assicura che il broker scelto sia regolamentato ed autorizzato, si potrà fare una selezione in base a dei criteri soggettivi. In linea generale, le migliori piattaforme di trading vanno incontro sia alle esigenze dei più esperti, che dei principianti.

Per velocizzare la ricerca del broker giusto, la guida proseguirà citando quelli che, attualmente, risultano i servizi più affidabili ed efficienti per accedere alle azioni BPM.

eToro

eToro (qui il sito ufficiale) è il primo broker da dover necessariamente menzionare, perchè detiene ormai la posizione di leader nel settore. Autorizzato e regolamentato, propone una piattaforma gratuita ed intuitiva, da cui accedere agli assets più interessanti del momento.

eToro offre servizi come broker CFD, ma propone anche allettanti offerte di trading DMA sui migliori titoli azionari, a zero spese. Puoi scoprire l’offerta sulle Real Stock eToro visitando questo indirizzo. Il successo della piattaforma è dovuto all’innovazione introdotta nel campo del trading online, grazie a funzioni brevettate, gratuite e di supporto come il Social Trading.

Funzionante come un social network di trading, gli utenti possono far parte di una community di traders, da cui ottenere velocemente consigli e previsioni di Borsa.

In verità, lo strumento da dover sottoporre all’attenzione di investitori inesperti è il Copy Trading, con cui seguire dei popular investor, personalmente scelti. Dopo ciò, in automatico, la piattaforma replicherà i risultati da loro ottenuti sul proprio profilo. Visita questa pagina per seguire i guru del trading gratuitamente con eToro.

Infine, è importante sapere che la piattaforma consta anche di un conto demo gratuito da cui iniziare per familiarizzare con tali strumenti ed ottimizzare il proprio livello operativo.

FP Markets

FP Markets (qui per il sito ufficiale) è un broker australiano apparso sui mercati nel 2005 e che detiene, ormai, una visibilità mondiale. Chiaramente, è autorizzato CySEC e CONSOB, per cui investitori europei possono stare tranquilli nell’affidarsi a tale piattaforma.

FP Markets rientra tra i broker più versatili, che si adattano facilmente alle richieste di investitori affermati, ma anche di neofiti. Infatti, propone la piattaforma Iress, semplice, chiara e ben strutturata per consentire operazioni rapide ai principianti.

Inoltre, traders già esperti possono scegliere la più apprezzata e utilizzata al mondo: MetaTrader. Il broker, esattamente come eToro, consente di investire sia con CFD, che in modalità DMA: in entrambi i casi, senza incorrere in commissioni. Per approfondire le proposte di trading FP Markets, visita questo link.

La piattaforma appare anche ricca di strumenti con cui studiare, nel migliore dei modi possibili, gli assets scelti. In verità, offre anche dei materiali didattici gratuiti da cui iniziare a porre le basi teoriche per la propria attività finanziaria.

Per poter attuare le strategie studiate, basterà accedere al conto di prova gratuito e senza vincoli FP Markets: vantaggioso per verificare il risultato dei propri studi sui mercati, senza esporsi a rischi reali.

Trade.com

Un’ultima piattaforma ampiamente consigliata e che ha già un elevato numero di utenti è Trade.com (qui per il sito ufficiale). Anche in quest’ultimo caso, si sta proponendo un broker che ha tutte le carte in regola per prestare la propria piattaforma a traders online.

Il fiore all’occhiello di Trade.com è sicuramente l’are didattica resa gratuitamente accessibili agli utenti, ricca di materiali formativi da cui studiare per colmare eventuali lacune teoriche. Puoi scaricare gratuitamente il pacchetto didattico Trade.com qui.

Il broker permette di investire sia con strumenti come i CFD, ma anche di acquistare azioni in modalità reale (DMA). In effetti, possiede un’ampia selezione dei titoli finanziari più promettenti del momento, su cui negoziare senza commissioni.

Fare trading azionario con Trade.com significa anche avere l’opportunità di aprire un conto di trading con soli 100 euro: cifra accessibile a chiunque voglia davvero veder moltiplicare i propri risparmi col trading online.

Azioni BPM: analisi completa del titolo

Dopo un breve cenno alle migliori piattaforme di trading, si può iniziare ad analizzare l’istituto bancario BPM come attivo di Borsa.

Ci si soffermerà su due aspetti principali del trading online:

  • Analisi fondamentale: studio di elementi interni ed esterni alla società, di natura microeconomica e macroeconomica, da cui comprendere quali sono i fattori che determinano variazioni di prezzo del titolo in questione. Inoltre, è importante per mettere in evidenza le prospettive di crescita del gruppo;
  • Analisi tecnica: disciplina che, mediante l’ausilio di grafici, prevede lo studio di rendimenti passati per capire, nel futuro, come potrà posizionarsi il titolo.

Bisogna immediatamente specificare che, per avere una visione completa dei rischi e dei guadagni da poter trarre da un asset, è meglio affiancare lo studio di entrambe le tipologie di analisi.

Per coloro che vedono tali discipline troppo lontane dalle proprie capacità, basterà iniziare a far pratica mediante un apposito conto demo di trading gratuito.

Analisi fondamentale azioni BPM

Partendo dall’analisi fondamentale sulle azioni BPM, è bene conoscere la storia del gruppo, così per capire meglio quale posizione occupa sul mercato. Il Banco BPM, come già accennato durante l’introduzione, è una società cooperativa nata di recente, dopo la fusione tra l’istituto popolare milanese e quello veronese.

Attualmente, s’impone come la terza banca in Italia più importante, dopo Unicredit e IntesaSanpaolo. Il gruppo è, infatti, ormai presente in tutta Italia, anche se con una maggiore concentrazione al Nord. In verità, possiede anche filiali in Europa, con cui si è assicurato una maggiore visibilità ed un più elevato numero di clienti.

BPM ricopre le principali attività legate al settore bancario ed assicurativo, assicurandosi una porzione di mercato pari al 7%.

l’IPO per il gruppo bancario avviene nel gennaio del 2017, con una capitalizzazione di mercato pari a .787,95 milioni di euro. Le azioni venivano scambiate a 2,50 euro, rialzando le quote legate all’ex banco popolare.

BPM: quotazione e dati storici

La storia dell’istituto bancario popolare è molto recente, come si può ben intuire. Rientra tra le società dalla più elevata capitalizzazione, in quanto è quotato presso l’Indice italiano FTSE MIB.

Il massimo storico viene raggiunto dal gruppo nel medesimo anno in cui debutta in Borsa, raggiungendo la quota di 3,02 per azione. In effetti, il 2’17 è stato un anno abbastanza positivo: BPM registra, solo nel primo trimestre, un incremento dei ricavi del +2,8%. Raggiunge, così, 1,21 miliardi di entrate nette.

Purtroppo, il 2018 è stato un anno più duro per il gruppo: ha subito una perdita pari a 59,43 milioni di euro. Da questo momento in poi, infatti, il gruppo ha subito espresso la volontà di voler migliorare la gestione interna entro il 2019, aumentando nuovamente la redditività del gruppo.

Infatti, l’anno successo riesce a chiudere con un utile pari a 797 milioni di euro, anche se con un peggioramento nella gestione operativa.

Paragonando i risultati ottenuti nell’ultimo anno, il titolo ha registrato una performance negativa sul lungo termine pari al -18,92%, mentre risulta positiva per gli ultimi sei mesi, con un miglioramento del +33,33%.

Azioni BPM: principali competitors

Il settore bancario è, senza dubbio, uno dei più scelti dai traders, ma rientra anche tra i più competitivi.

Nello specifico, i principali competitors BPM sono:

Attualmente, la BPM occupa, per importanza e grandezza, il terzo posto in Italia, con buone prospettive di crescita sia in Europa, che al di fuori, soprattutto sul territorio asiatico.

Azionariato BPM

L’azionariato BPM è così suddiviso:

Capital Research and Management Company4,99%
Invesco Ltd.2,57%
Ente Nazionale di Previdenza ed Assistenza dei Medici e degli Odontoiatri – FONDAZIONE ENPAM1,95%
Fondazione Cassa di Risparmio di Torino1,78%
Fondazione Cassa di Risparmio di Lucca1,24%
Calzedonia Holding S.p.A.1,75%
Principali azionisti BPM

Con 4 milioni di clienti ed un patrimonio di 13 miliardi, la BPM si rivela anche uno dei titoli più ricercati quotati presso il mercato italiano.

BPM: Business plan e piani strategici per il futuro

Alla base di una società vincente, ci sono sempre delle strategie di crescita e sviluppo sui mercati ben definite. A proposito del business plan del gruppo BPM, è stato da poco agigornato per coprire il triennio 2020/2023.

Il principale obiettivo del gruppo è quello di assumere un ruolo di fondamentale importanza nel sistema economico, supportando continuamente la propria clientela. Il pian elaborato è stato portato avanti nonostante fattori macroeconomici avversi nel 2020, dovuti principalmente al covid-19.

La conferma della solidità patrimoniale è stato il primo punto affrontato dal CEO dell’istituto bancario, assicurando agli azionisti dei dividendi in crescita su base annua. Allo stesso tempo, il gruppo mira ad un rafforzamento interno: consolidando ogni segmento in cui opera, vuole raggiungere una solidità tale da dominare il settore.

In effetti, le strategie per il futuro s’incentrano su una trasformazione radicale del vecchio modello business. La Banca BPM ha così deciso di destinare circa 600 milioni in sviluppo e digitalizzazione, offrendo i propri servizi secondo le nuove esigenze della società.

Tutto ciò, dovrebbe servire ad avvalorare il gruppo anche sul mercato, aumentandone la competitività e migliorandone le prospettive di crescita future. Infine, anche la banca non esclude uno dei concetti portanti nei tempi moderni: la sostenibilità. La banca s’impegna costantemente per consolidarsi, in maniera durevole, nel tempo.

Dunque, è possibile individuare nel gruppo un focus tanto sui clienti, quanto sulla digitalizzazione e verso gli azionisti che danno fiducia al titolo BPM.

Analisi tecnica azioni BPM

Passando ora a quello che, per molti traders alle prime armi, è l’aspetto più complesso del trading online, si fornirà un esempio concreto di analisi tecnica sulle azioni BPM.

Il grafico è stato offerto dal conto demo gratuito eToro:

Azioni BPM - analisi tecnica
Grafico per l’analisi tecnica sulle azioni BPM

Al grafico soprastante è stata applicata una delle strategie di trading più utilizzate, in quanto semplice ma efficiente. Bisogna chiarire che si tratta di un punto di partenza: usufruire di più indicatori tecnici, naturalmente, porterà a dei risultati più concreti.

In breve, la DEMA consiste nel calcolo di due medie mobili differenti (una veloce, l’altra lenta) per determinare i punti d’ingresso e di uscita dal mercato, durante un preciso arco temporale.

Nel grafico di eToro riportato nella guida, sono stati evidenziati i punti in cui le linee s’intersecano, poichè mostrano chiari segnali:

  • Di vendita: se la media mobile veloce (linea rossa) incontra la lenta con un movimento dall’alto verso il basso;
  • D’acquisto: al contrario, quando la media mobile veloce interseca quella lenta dal basso verso l’alto.

Come si può facilmente notare, sul grafico appaiono entrambi i casi, rivelando ai traders quali sono i momenti in cui è meglio protendere per l’acquisto (primo cerchio), oppure per la vendita (secondo cerchio).

Per coloro che non hanno esperienza nel settore, potrebbe apparire un’impresa davvero troppo ardua da portare a termine in completa autonomia. Per questa ragione, si consiglia di fare Social Trading con il broker eToro, così da ottenere il supporto di traders già esperti.

Azioni BPM: grafico con quotazione in tempo reale

Per poter investire correttamente sul titolo BPM, partendo da precise previsioni di mercato, è importante monitorarne l’andamento sul mercato. Per questo motivo, ecco un grafico da cui consultare, in tempo reale, le quotazioni delle azioni BPM:

[GRAFICO PREZZO AZIONI BPM, QUOTAZIONE IN TEMPO REALE]

Azioni BPM: Prospettive future e Target price

La guida non vuole lasciare nulla al caso: avere una panoramica più ampia sul futuro dell’istituto bancario significa anche approfondire la questione legata alle previsioni sul titolo.

Inoltre, verranno presentati più probabili target price previsto per il medio periodo.

Target price azioni BPM

Iniziando dal target price, si tratterà semplicemente dei range di prezzo stimati dagli analisti, dalla quotazione minima a quella massima.

2,60 TM1,80 TB3,30 TA
target price medio, basso e massimo per le azioni BPM

Attualmente, le quotazioni BPM si aggirano su quota 1,61 euro. Dunque, per il medio periodo, è già possibile affermare che il titolo potrebbe incamminarsi verso una fase rialzista abbastanza interessante.

Rientrando in target price così contenuti, è chiaro che ogni traders avrà maggiori disponibilità di accesso al titolo, da rigirare in benefici personali col tempo.

Il minimo raggiunto nell’ultimo anno è stato di circa 1,01 euro per azione, mentre il massimo è stato di 2,59 euro: ulteriore segnale che i target di prezzo fissati indicano performance positive per il medio periodo.

Importante nota sull’aggiornamento dei dati: previsioni e dati riportati durante questa guida sulle azioni BPM, sono soggette ad aggiornamenti frequenti da parte del nostro team di esperti, in modo che si rivelino utili e valide per investimenti consapevoli e corretti.

Azioni BPM: previsioni 2021/2022

Il secondo trimestre del 2020 non è stato dei migliori per l’istituto bancario BPM, che ha generato una volatilità giornaliera poco apprezzata dagli investitori.

Purtroppo, fornire previsione per il titolo in questione risulta ancora più complesso se s’inserisce nel contesto in cui opera: il settore bancario; tra i più esposti ad eventuali crisi economiche del Paese, ma anche mondiali.

Per il biennio 2021/2022 gli spunti per eventuali rialzi accomunano numerosi analisti, positivi principalmente per il medio termine. Sul breve termine, appunto, consigliano di operare con cautela, poichè il titolo non è ancora riuscito a superare definitivamente il trend ribassista in cui riversa.

Sulla base di 22 analisti, ben 17 consigliano l’acquisto, con quattro che spingono per l’hold e solo uno spinge per la vendita delle azioni BPM.

In effetti, nel biennio considerato il gruppo dovrebbe aver già attuato alla grande i piani volti ad una crescita esterna, ma anche interna, avendo con elevate probabilità riscontri positivi anche sui mercati finanziari. Nell’ultimo mese, le azioni BPM hanno riportato un rialzo del +8,31%, auspicando negli investitori una chiusura definitiva della fase negativa di mercato.

Comprare azioni BPM: conviene?

Dopo una dettagliata analisi circa la Banca BPM, si può finalmente risolvere il quesito: “comprare azioni BPM conviene”? Attualmente, non è possibile fornire un’unica risposta a tale domanda, poiché molto dipende dai propri obiettivi di trading e le strategie che più si preferiscono.

In linea generale, è innegabile che il titolo italiano abbia innumerevoli punti di forza che giocano a suo favore. Prima di tutto, la Banca riesce ad occupare diversi comparti del settore bancario, rivelandosi d’aiuto sia per privati che per aziende e società.

Inoltre, la società è, da sempre, ben attenta a presentare una certa solidità patrimoniale, così da non allontanare azionisti e traders fiduciosi verso un titolo.

Nonostante la concorrenza aggressiva, il gruppo è riuscito a posizionarsi sul podio tra le banche italiane più importanti di questi anni. Difatti, il gruppo riesce perfettamente a gestire la clientela, destinando parte dei ricavi alla digitalizzazione, rientrando tra gli istituti più efficienti in questo campo.

Se il Banco Popolare nato dalla fusione tra due istituti già ben noti riuscisse a garantirsi una maggiore visibilità anche sui mercati europei, avrebbe sicuramente maggiori chances di dominare la Borsa Italiana, prevalendo anche nel settore bancario.

Si ricorda che, optando per le migliori piattaforme di trading online, si potrà ricavare il meglio dal titolo anche se dovesse subire flessioni negative.

Azioni BPM: considerazioni ed opinioni finali

Le azioni BPM sono legate ad uno dei maggiori gruppi bancari italiani. Trattandosi di una società recente, ha ancora ampi margini di crescita. Se si prende in considerazione il piano attuato anche per migliorare i dividendi per gli azionisti, è chiaro che rientri tra i titoli più ambiti quotati presso la Borsa di Milano.

Tuttavia, molti traders temono di accedere alle azioni BPM perché appartenenti ad una società che occupa il settore bancario, uno tra i più esposti ai rischi del mercato.

Per tale motivo, si può reintrodurre il concetto di trading online con CFD. Così facendo, anche situazioni di mercato negative, con la vendita allo scoperto, potrebbero rivelarsi un vantaggio per i traders.

Operando con broker affermati e professionali come eToro, FP Markets o Trade.com, anche i meno esperti potranno comprare azioni BPM ed avere concrete opportunità di rendimenti positivi.

FAQ Azioni BPM: domande frequenti?

Come comprare azioni BPM?

La soluzione che propone condizioni flessibili, versatili e adatte a qualsiasi tipologia di investitore ricade sul trading online.

Dove compro azioni BPM?

Fare trading online necessita dell’intermediazione di un broker, il quale propone una piattaforma, valida solo se regolamentata, autorizzata ed esente da commissioni.

Posso comprare azioni BPM in modalità diretta?

Sì, fare trading implica anche poter investire direttamente sul titolo BPM, diventando soci a tutti gli effetti del gruppo.

Posso investire al ribasso sulle azioni BPM?

Sì, ma ciò richiede investimenti mediante i CFD, strumenti derivati con cui poter vendere allo scoperto.

Comprare azioni BPM conviene?

Trattandosi di un gruppo fondato di recente, i margini di crescita risultano ancora ampi per il titolo in questione.

Qual è il target price delle azioni BPM?

Il target price medio previsto per le azioni BPM è di 2,60 euro per azione.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.