InvestimentiFinanziari.net
Gli Investimenti Finanziari a 360°.

Coinbase: Opinioni e recensioni 2021 [Come funziona Coinbase PRO]

Dopo il boom che le criptovalute hanno ottenuto sui mercati finanziari, una delle conseguenze dirette è stata la rapida di diffusione di exchange online per consentire la negoziazione di tali asset. Tra questi, uno dei più noti a partire dal lancio sul mercato, cioè il 2012, è Coinbase (qui per scoprire il suo sito).

Stando agli ultimi dati, sembra che l’exchange di criptovalute in questione conti più di 30 milioni di utenti attivi, conducendo numerosi traders a domandarsi se Coinbase offra servizi affidabili per scambiare le migliori criptovalute online, oppure sia una piattaforma da evitare.

Lo scopo della guida è proprio quello di fornire, nel dettaglio, informazioni circa tale exchange, rispondendo alla frequente questione: “Coinbase è una truffa? Conviene comprare criptovalute con Coinbase?.

Naturalmente, per offrire indicazioni valide ai fini di investimenti online su asset promettenti come le criptovalute, si presenteranno anche delle alternative all’exchange in analisi. Nello specifico, si presenterà il trading online CFD: una delle opzioni più valide per cimentarsi nel mondo degli investimenti, senza doversi preoccupare di iniziare da piccole somme.

Tipologia:EXCHANGESito ufficiale
Nascita:2012
Valute accettate:euro/dollari
Conti disponibili:Customer/Pro/Prime
Criptovalute disponibili:Bitcoin, Ethereum, litecoin, etc.
Registrazione:SEC
Opinioni e Voto:Positive – 9,8
Alternative:Trading CFD con eToro, FP Markets, Trade.com
Affidabilità:Alta
Principali caratteristiche del servizio Coinbase.

Cos’è Coinbase

Per chi non è estraneo al mondo degli investimenti online, il nome di Coinbasequi per visitare il sito ufficiale – non sarà sicuramente sconosciuto. In effetti, rientra tra gli exchange più noti al mondo, occupando ben 30 paesi e detenendo un elevato numero di utenti. 

Apparso nel 2012, è anche uno dei primi exchange appositamente realizzati per facilitare lo scambio di asset innovativi come le criptovalute, considerato persino un leader su scala mondiale. La scalata verso il successo di Coinbase è andata di pari passo con l’affermarsi delle valute digitali come gli asset più interessanti del momento.

Inoltre, non sono mancati svariati finanziamenti, come quello di ben 25 milioni di dollari versato da società come La Ribbit Capital e la Union Square Ventures, gruppi occupanti il settore finanziario. Ciò ha condotto l’exchange ad espandere i servizi e le crypto scambiabili, assicurandosi una crescita mensile costante dei visitatori del sito.

Un’altra mossa vincente per la società di San Francisco è stata la recente collaborazione (2019) con PayPal, consentendo agli utenti di realizzare prelievi istantanei. 

Tutto ciò non ha fatto altro che accrescere la fama di Coinbase, rendendolo una delle piattaforme più note per la negoziazione di crypto online, facendosi forte della reputazione positiva in contrasto con la fama truffaldina di cui gode la maggior parte degli exchange.

Coinbase come funziona

Di solito, qualsiasi tipologia di traders è alla ricerca di un servizio per investire online non solo in totale sicurezza, ma anche con leggerezza e serenità nell’affrontare l’analisi finanziaria degli asset scelti.

Tutto ciò diventa possibile solo se ci si affida a piattaforme friendly user, strutturate in maniera chiara per agevolare il processo operativo agli utenti. Di conseguenza, è naturale chiedersi: “come funziona Coinbase?

analisi e recensione completa di Coinbase
Homepage principale Coinbasequesto è il suo sito ufficiale

Come si può facilmente notare, l’interfaccia di Coinbase appare abbastanza chiara, strutturata in modo che un utente riesca facilmente trovare il servizio di cui necessita. Per aprire un conto, basterà cliccare in alto a destra.

Intanto, al primo accesso si noterà che l’exchange propone la possibilità di realizzare un portafoglio per conservare le criptovalute acquistate. Inoltre, offre anche l’opportunità di accedere al mercato con operazioni graduali e programmati personalmente, così da monitorare periodicamente l’andamento dei propri investimenti finanziari.

Analisi servizi Coinbase
Servizi offerti da Coinbase

Quest’immagine, invece, mostra le offerte di Coinbase. Prima di tutto, specifica che l’exchange consente sia di acquistare che di vendere criptovalute, in un portafoglio da gestire in totale autonomia.

Oltre al conto per traders anche inesperti, c’è un’intera sezione dedicata ai professionisti e alle aziende, offrendo funzioni specifiche. Ad esempio, i privati potranno usufruire di esecuzioni rapide e gratuite con cui accettare pagamenti in criptovalute, il cui scambio equivale al prezzo stabile di mercato della stessa.

Per numerosi utenti si è rivelato un servizio allettante, in quanto hanno la possibilità di effettuare immediatamente operazioni su una rete globale, senza la necessità di un intermediario finanziario: il tutto sarà autonomamente gestito.

Dunque, per coloro che sono interessati non solo alla negoziazione, ma ad un servizio intuitivo e veloce con cui vendere o archiviare le crypto d’interesse. Da questa prima analisi iniziale, sembrerebbe che Coinbase abbia le carte in regola necessarie per considerarsi come un exchange adatto anche ad investitori alle prime armi.

Coinbase: come comprare criptovalute?

Lo scopo dei traders in cerca dell’exchange adatto per fare trading online sulle criptovalute emergenti più promettenti del momento è servizi di un servizio che risponda perfettamente alle proprie esigenze operative. Dunque, la guida vuole mostrare cosa propone Coinbase riguardo la compravendita delle monete digitali perseguibile mediante la piattaforma proposta:

Esempi criptovalute coinbase
Come comprare criptovalute su Coinbase

L’immagine è stata ricavata dall’interfaccia dell’exchange in questione. Naturalmente, sono state catturate solo le prime 10 crypto sulle 50 disponibili. Oltre la possibilità di effettuare transazioni, come si può notare, Coinbase offre anche informazioni, aggiornate in tempo reale, sul valore e la variazione registrata dalle valute digitali.

Questo potrebbe rivelarsi uno strumento che favorisce le proprie operazioni: approfittando tempestivamente delle occasioni di mercato, si potranno ottenere risultati concreti se si applicano le strategie di trading più adatte al momento.

Tutto ciò sarà possibile solo dopo aver aperto un conto con Coinbase, avendo verificato la propria identità ed ottenuto un profilo per iniziare a fare trading. Dopodichè, l’exchange proporrà una sezione come questa mostrata per valutare le crypto su cui investire.

Nello specifico, bisognerà decidere se:

  • Acquistare una criptovaluta;
  • Vendere una criptovaluta;
  • Convertire una crypto con un’altra.

La parte più interessante è che si potrà scegliere l’importo da acquistare/vendere, prendendo come riferimento la propria valuta fiat, oppure un altro asset digitale.

Sembra che la rapidità di esecuzione sia un punto a favore di Coinbase, consentendo agli utenti di verificare che l’operazione andata a buon fine è stata effettuata ad un prezzo molto simile a quello visualizzato prima di investire definitivamente.

Tutto ciò avviene nelle modalità che si preferiscono, potendo selezionare tali metodi di pagamento:

  • Carta di debito;
  • Carta di credito;
  • Bonifico bancario;
  • PayPal.

Dunque, sembra che comprare criptovalute con Coinbase proponga un iter abbastanza semplice, soprattutto se osservato dal punto di vista di novizi traders.

Coinbase: criptovalute disponibili

Una questione molto importante quando si fa trading online riguarda la verifica degli asset negoziabili sull’exchange/piattaforma scelta. Il motivo è molto semplice: diversificando il proprio wallet, si aumenteranno le possibilità di ridurre il rischio e, di conseguenza, di incrementare i profitti. 

CRIPTOVALUTASIGLA
BITCOIN
ETHEREUM
XRP
LITECOIN
BITCOIN CASH
CHAINLINK
STELLAR LUMENS
EOS
WRAPPED BITCOIN
TEZOS
FILECOIN
COSMOS
DAI
AAVE
DASH
UNISWAP
TEARN.FINANCE
ZCAHS
ETHEREUM CLASSIC
COMPOUND
SYNTETHIX NETWORK TOKEN
UMA
MAKER
OMG NETWORK
ALGORAND
BASIC ATTENTION TOKER
OX
REN 
LOOPRING
CELO
KYBER NETWORK
AUGUR
BANCOR NETWORK TOKEN
BAND PROTOCOL
DECENTRELAND
NUMERAIRE
ORCHID
BALANCER
CIVIC
NUCHYPER
DISCRICT0X
BTC
ETH
XRP
LTC
BCH
LINK
XLM
EOS
WBTC
XTZ
FIL
ATOM
DAI
AAVE
DASH
UNI
YFI
ZEC
ETC
COMP
SNX
UMA
MKR
OMG
ALGO
BAT
ZRX
REN
LRC
CGLD
KNC
REP
BNT
BAND
MANA
NMR
OXT
BAL
CVC
NU
DNT
Offerta sulle principali tipologie di criptovalute disponibili su Coinbase

L’offerta appare abbastanza variegata, in quanto Coinbase include sia crypto di spicco come Bitcoin, Ethereum e Dash, che valute minori con cui equilibrare il proprio wallet. In effetti, l’exchange sembra ampiamente apprezzato anche per la continua revisione degli asset presenti, aggiungendone dei nuovi per offrire servizi in aggiornamento con l’evoluzione dei mercati stessi.

Coinbase commissioni e costi

Un altro argomento che sembra toccare molto i traders riguarda i costi e le commissioni applicate per ogni transazione da effettuare. Attualmente, gli exchange non godono di una gran fama al riguardo.

Nello specifico, Coinbase per investitori europei applica commissioni pari all’1,49% per operazioni il cui valore è superiore ai 78 euro (in caso di bonifico). Se si opta per una carta di credito, ammontano al 3,99% del totale dell’operazione. Inoltre, l’exchange propone uno spread fisso pari allo 0,50%: un’ulteriore cifra da aggiungere a quelle sopracitate.

Lo spread indica semplicemente la variazione di prezzo riportata da una crypto dal momento di acquisto a quello di vendita, per cui è una somma davvero irrisoria. Tuttavia, il totale potrebbe rivelarsi troppo elevato nel caso di investitori che iniziano investendo piccoli capitali. I depositi sono gratuiti, mentre la piattaforma prevede 15 centesimi per ogni prelievo da effettuare.

Sebbene possano sembrare cifre competitive se paragonate con altri exchange per lo scambio di crypto, si può già anticipare che il discorso si ribalta nel momento in cui il paragone viene condotto con una piattaforma di trading CFD. In questo caso, non ci si dovrà preoccupare di commissioni e/o costi che potrebbero limitare le proprie possibilità.

Analisi commissioni Coinbase
Coinbase commissioni

L’immagine riporta chiaramente come funzionano le commissioni per Coinbase, specificandone la percentuale in base al costo totale delle transazioni. Un’informazione aggiuntiva che potrebbe rivelarsi utile riguarda le commissioni per la conversione di crypto: lo spread è di circa il 2%, con variazioni previste in base ai movimenti riportati sul mercato.

Da questo punto di vista, si apprezza la trasparenza con cui l’exchange avverte gli utenti delle spese a cui dovrebbero far fronte, in modo da riuscire a gestire al meglio il capitale destinato al piano di trading elaborato.

Coinbase: servizi disponibili

Ogni trader di successo fonda le basi della propria attività di trading stabilendo obiettivi ben precisi. Tutto ciò diventa possibile solo affidandosi ad una piattaforma affidabile e sicura, ma che rispecchi le proprie abilità e, soprattutto, che consenta di attuare investimenti alla propria portata. Per tale ragione, è bene approfondire i servizi proposti da Coinbase.

Una volta effettuata la registrazione alla piattaforma, sarà possibile scegliere tra diverse tipologie di account. E’ bene sapere che per i nuovi utenti vengono applicate delle restrizioni: nel caso in cui si utilizzi la carta di credito, si potrà acquistare un massimo di 50 euro alla settimana. Dopodiché, si giungerà ad una soglia settimanale massima di 6.000 euro. Per acquisti tramite bonifici bancari, invece, si ha un limite più elevato: 25.000 euro.

Tra i servizi disponibili, le ricerche più frequenti riguardano le tipologie di account e prodotti come:

  • Coinbase Pro;
  • Coinbase Earn;
  • Coinbase Prime.

Coinbase Pro: cos’è e come funziona

Le principali differenze tra un account comune e Coinbase pro riguardano le commissioni e anche la piattaforma da utilizzare. Sembra che sia il più scelto tra i professionisti, poiché per quanto intuitiva, la piattaforma proposta è ricca di strumenti per l’analisi finanziaria e grafici per seguire l’andamento in tempo reale delle crypto scelte. 

A tal proposito, si ricorda che per trarre il meglio da asset come le valute digitali, tanto liquide quanto volatili, è essenziale l’analisi tecnica delle singole criptovalute. Dunque, grafici di trading si rivelano di primaria importanza per studiare i dati storici registrati e prevedere, per quanto possibile, come si muoverà l’asset nel futuro.

Analisi coinbase pro
Coinabse PRO piattaforma

Il design della piattaforma di Coinbase pro appare moderno e funzionale, dimostrandosi alla portata di quanto offre la competizione.

Uno svantaggio riportato dagli utenti riguarda il limito giornaliero fissato per i prelievi: a prescindere da quanto si guadagnerà, si potranno ritirare solo 10.000 dollari. Un’altra questione riguarda le commissioni: di recente, sembra che siano aumentate.

L’exchange ha deciso di fornire delle spiegazioni in merito, affermando che la scelta compiuta è stata dettata semplicemente dal fatto che si voleva incrementare la liquidità, intensificando il volume degli scambi. Ovviamente, ciò non è bastato per placare il malcontento dei traders, costretti ad investire somme maggiori per eguagliare l’ammontare dei costi.

In linea generale però, Coinbase pro sembra offrire immediatezza nelle esecuzioni e strumenti come lo stop loss per una gestione più completa dei propri investimenti. 

Coinbase Earn

Un servizio davvero interessante è Coinbase Earn, principalmente focalizzato sullo studio di specifiche criptovalute. Il motivo che rende il tutto più allettante riguarda il fatto che si ha persin la possibilità di guadagnare imparando. 

Ma come funziona Coinbase Earn? E’ molto semplice: basterà seguire un corso, o meglio dei video specifici per una criptovaluta. Una volta selezionato l’asset, di cui l’exchange propone anche il valore, basterà sottoporsi al quiz proposto dopo aver studiato dal materiale formativo offerto. Nel caso di risultati positivi, il premio sarà l’ottenimento di token gratuiti.

COINBASE EARN: GUADAGNARE STELLAR
COINBASE EARN: GUADAGNARE STELLAR

Ad esempio, in questo caso si ha come riferimento la crypto Stellar. Come si può visionare, l’exchange propone delle lezioni per principianti, in modo da scoprirne il funzionamento e l’uso che trova sul mercato. Per ogni video seguito, si potrà accedere ad un quiz ed ottenere un determinato valore di Stellar.

Il servizio in questione appare doppiamente valido: non solo è concretamente educativo, ma permette di acquisire determinate criptovalute che si possederanno, così da poterle archiavare o convertirle. 

Coinbase Prime

Infine, l’exchange propone Coinbase Prime: una soluzione interamente dedicata alle istituzioni. 

Coinbase prime
Coinbase Prime

Anche in questo caso, si avrà a disposizione una piattaforma potenziata con cui operare a livelli più complessi. Come riporta l’exchange, si utilizzerà “una piattaforma realizzata da traders, per traders”. Approfittando dei servizi Coinbase e traendo il meglio dalle condizioni di mercato, si potrà realmente ottenere il meglio dalle criptovalute.

Tutto ciò si mostra agli occhi delle imprese quando noteranno la presenza di algoritmi e strumenti ad essi collegati: un tocco di classe da non sottovalutare per investire con maggiore consapevolezza.

Naturalmente, Coinbase Prime garantisce un accesso semplice ed immediato, in modo da agire sulla base di dati ed informazioni aggiornati. Con livelli di liquidità interessanti e una struttura flessibile per cià che concerne le commissioni, si tratat di un account che trova l’approvazione di molteplici istituzioni interessate al mercato criptovalutario.

Coinbase Wallet

Un’ultima ricerca abbastanza consueta tra i traders riguarda Coinbase Wallet. Infatti, è bene chiarire immediatamente che si tratta di un servizio gestito dalla medesima società, ma non è necessario aprire un account con Coinbase per usufruire del Wallet. 

In questo caso, ci si riferisce ad un’applicazione gratuitamente scaricabile dallo store del proprio smartphone. Dunque, è chiaro che si tratta di un portafoglio appartenente ad un’app decentralizzata, su cui conservare ed archiviare le crypto che si possiedono. 

Coinbase Wallet integra circa 20 tokens, tra cui i più noti come Bitcoin ed Ethereum da poter persino inviare ai propri amici. 

Coinbase Wallet
Coinbase Wallet

Come riporta l’exchange stesso, Coinbase Wallet nasce per offrire un servizio sicuro e semplice da utilizzare, per archiviare le valute digitali che si possiedono, ma anche per effettuare rapide operazioni.

Coinbase è una truffa?

Dopo aver menzionato i servizi e i prodotti disponibili sull’exchange di criptovalute più popolare degli ultimi anni, si può giungere finalmente a fornire una risposta ad uno dei dubbi più comuni: Coinbase è una truffa?

Sebbene non si possa catalogare tra i servizi più efficienti con cui fare trading online, non si può nemmeno affermare che sia una truffa. In effetti, Coinbase offre ai propri utenti una maggiore sicurezza grazie all’autentificazione a due fattori, in modo da poter accedere all’exchange sia dal proprio smartphone, sia tramite Web, senza doversi preoccupare.

In più, un’ulteriore conferma del fatto che non è il solito servizio truffaldino è confermata dalla presenza di un’assistenza clienti, attiva H24 per qualsiasi tipologia di informazione si necessiti. Purtroppo, però, è disponibile solo in lingua inglese.

In conclusione, nonostante sia un pensiero abbastanza diffuso, l’exchange Coinbase non è una truffa.

Leggi anche:

Opinioni e testimonianze sul trading online

Coinbase: sicurezza

Il discorso della sicurezza necessita di un maggiore approfondimento, in quanto sono numerose le esperienze negative vissute da utenti poco esperti, i quali hanno perso tutti i propri risparmi a causa di servizi non regolamentati né autorizzati. 

Nel caso d Coinbase, sembra che il player principale nel mondo delle crypto presti parecchia attenzione alla privacy e alla sicurezza dei traders che decidono di affidarsi a tale piattaforma.

Difatti, propone una polizza assicurativa nel caso in cui si subiscano delle perdite dovute a violazioni, sia interne che da parte di hacker. Naturalmente, ciò non copre i rischi intrinsechi del trading, dunque derivanti da operazioni personalmente effettuate.

Un’altra rassicurazione da parte di Coinbase deriva dall’archiviazione dei fondi offline, così che i dati appartenenti agli utenti vengano crittografati e trasferiti in backup così da tenerli lontani da hacker informatici.

Coinbase: malfunzionamenti e controversie

Nonostante si sia lungamente affermato che Coinbase non è paragonabile ai soliti exchange truffaldini, ciò non significa che sia stato al centro di controversie. Inoltre, sono presenti numerose recensioni al riguardo in cui gli utenti lamentano precisi malfunzionamenti da parte della piattaforma. Tuttavia, dal 2012 sino ad oggi non è mai stato fuori uso a causa di attacchi da parte di hacker: una situazione non sconosciuta nella storia di numerosi exchange. 

Negli ultimi tempi, molteplici traders hanno purtroppo notato che nei momenti in cui il mercato criptovalutario ha mostrato un’elevata liquidità, Coinbase non era utilizzabile: la piattaforma era offline.

Purtroppo, l’improvvisa interruzione del servizio causa non pochi disagi agli utenti, costretti a rimandare le operazioni elaborate in base alle previsioni di mercato effettuate. Come ben si sa, nel trading il tempismo è tutto, soprattutto per asset che, anche in pochi minuti, riportano fluttuazioni di prezzo da poter sfruttare a proprio vantaggio.

Sembra che questa situazione stai diventando ricorrente, tanto che alcuni traders hanno iniziato a sconsigliare l’uso di Coinbase; appare troppo strano che i malfunzionamenti ricorrano nelle fasi di mercato più interessanti per incrementare i propri profitti. Infatti, sembra che la piattaforma sia andata offline in casi in cui il BTC ha registrato variazioni al rialzo del 3/4%, insospettendo non pochi utenti.

Alla richiesta di trasparenza, la società ha risposto che si stanno impegnando per gestire l’elevata crescita di utenti, cercando di migliorare la prestazione dei servizi Coinbase. Attualmente, non sembra che tali rassicurazioni abbiano avuto effetto: numerosi traders hanno deciso di abbandonare definitivamente l’exchange, valutando alternative valide che non vadano in down nei momenti più propizi di mercato.

Alternative a Coinbase: il trading online CFD

Sebbene gli exchange siano stati appositamente realizzati per la negoziazione delle criptovalute, la popolarità ottenuta dalle piattaforme di trading online CFD non è passata inosservata, facendo nascere una vera e propria community di traders.

Il trading CFD comporta numerosi vantaggi, soprattutto se si comparano i servizi proposti con quelli presenti su exchange come Coinbase. Prima di tutto, una volta che ci si affida a piattaforme autorizzate e regolamentate, si potrà operare in totale tranquillità: non sono riportati casi di utenti che lamentano malfunzionamenti.

In effetti, broker professionisti detengono l’autorizzazione, sul territorio europeo, di autorità di controllo come CySEC e CONSOB, il cui principale scopo è tutelare l’interesse dei traders stessi attraverso normative restrittive. 

Anche per quanto riguarda le commissioni, fare trading online CFD appare una scelta molto più conveniente: non si applicano costi, se non spread minimi, variabili e realmente competitivi. Infatti, una volta effettuato un deposito minimo (anche solo 10 euro in certi casi), si potrà iniziare ad investire in criptovalute nonostante si possegga un capitale limitato.

Un vantaggio di fare trading riguarda proprio gli strumenti che si andranno ad utilizzare per investire: i Contracts for Difference; strumenti finanziari derivati. In breve, si potrà speculare su un asset senza possederlo, così da generare profitti grazie alle frequenti variazioni di prezzo riportate. Ancor più in breve: si potrà sfruttare a proprio favore l’elevata volatilità giornaliera tipica delle criptovalute.

Infine, i CFD consentono una doppia chance di profitto, potendo investire tanto al rialzo, quanto al ribasso. Procedendo con l’operazione conosciuta come “vendita allo scoperto”, un trader potrà tentare di registrare risultati positivi anche quando il mercato appare sfavorevole.

In conclusione, il trading CFD appare flessibile e versatile, rispondendo positivamente anche ai bisogni di coloro che partono da zero. Intanto, ecco i migliori broker in criptovalute nel caso voi abbiate già in programma questo tipo di investimento:

Come scegliere la giusta piattaforma di trading online?

Nel caso in cui le informazioni soprariportate abbiano stuzzicato il vostro interesse, è bene elencare i criteri principali su cui basarsi per scegliere la giusta piattaforma di trading.

Nello specifico, si consiglia di dare un’occhiata a:

  • Autorizzazioni e regolamentazioni: solo broker che riportano il numero di licenza rilasciato da appositi enti di controllo possono essere definiti dei veri professionisti, poiché dimostrano di rispettare la legislazione imposta per salvaguardare i traders e rendere i mercati trasparenti;
  • Commissioni Trading: come già affermato, il trading online non prevede costi o commissioni aggiuntive, se non uno spread. In caso contrario, sarebbe meglio cambiare strada: non vale la pena operare se i costi saranno maggiori dei ricavi;
  • Intuitività: per agevolare gli utenti alle prime armi e consentire a chiunque di focalizzarsi esclusivamente sulla propria attività, le migliori piattaforme risultano sempre chiare e friendly user.

Sulla scia di quanto appena affermato, la guida proseguirà trattando dei migliori broker per trading in criptovalute: adatti a qualsiasi traders, s’impongono come un’alternativa sicura ed efficiente all’exchange Coinbase.

eToro

eToro (qui il sito ufficiale) è il primo broker a cui far riferimento nel momento in cui si è alla ricerca di un servizio di trading affidabile, intuitivo, privo di commissioni e adatto anche a neofiti. Naturalmente, si tratta di una piattaforma autorizzata, il cui elevato numero di utenti è più che meritato.

La fama di eToro è principalmente dovuta al lancio di funzioni gratuite e brevettate di supporto per i principianti, come:

  • Social Trading: nascente come la prima piattaforma che replica il funzionamento di una rete sociale, pone al centro di tutto l’interazione tra gli utenti. Dunque, i meno esperti sapranno di poter ottenere consigli e previsioni dai più esperti in tempo reale;
  • Copy Trading: strumento con cui scegliere personalmente dei popular investor, cioè i traders più performanti della piattaforma. Dopodiché, sarà come fare trading automatico, in quanto la piattaforma replicherà i risultati da loro ottenuti sul proprio profilo.

eToro nasce anche come piattaforma muti-assets, su cui è possibile speculare sulle crypto migliori del mercato, come il Bitcoin.

Per poter testare il tutto personalmente, basterà iniziare da un conto demo di prova: valido anche per mettersi alla prova senza correre rischi. Clicca qui per aprire un conto demo con eToro se pensi che questa modalità di investimento possa fare per te.

Leggi la guida al broker:

FP Markets

Un’altra piattaforma al centro dell’attenzione di traders in tutto il mondo è FP Markets (qui per il sito ufficiale). Anche il broker in questione possiede tutte le carte in regola per prestare servizi di trading in maniera professionale ed affidabile, riscuotendo un numeroso successo.

In effetti, la piattaforma è ricca di strumenti per condurre un’analisi finanziaria corretta, basata naturalmente sul mercato a cui si vuole accedere. In Più, il broker rende disponibile un’area didattica da cui ottenere diversi materiali formativi da cui partire per porre le basi per un’attività di trading online consapevole e vincente. Scopri la proposta di trading FP Markets visitando quest’indirizzo.

FP Markets è tra le prime scelte di diverse tipologie di traders, poiché combina innovazione ed efficienza, consentendo di operare attraverso due piattaforme:

  • IRESS: principalmente adatta ai principianti, risulta semplice da utilizzare e l’interfaccia varia in base al mercato selezionato, così da avere immediatamente gli strumenti giusti per studiare gli asset d’interesse;
  • MetaTrader 4/5: la piattaforma più amata al mondo, soddisfa le richieste e i bisogni dei professionisti. Infatti, è ricca di strumenti con cui assicurarsi modalità operative più complesse, con rapidità di esecuzione e un’intuitività da non trascurare.

Anche per la piattaforma in questione, si consiglia di partire da un account demo di trading, in modo da acquisire familiarità con tali strumenti e far pratica quanto basta a non lasciarsi trasportare dalle proprie emozioni.

Leggi la guida al broker:

Capital.com

Un ultimo broker che potrebbe rivelarsi la giusta alternativa a Coinbase è Capital.com (qui per il sito ufficiale).

La fama mondiale raggiunta dalla piattaforma ha fatto sì che diventasse un leader del settore per l’alta competitività degli spread offerti. In effetti, la proposta di Capita.com è davvero completa: è possibile restare aggiornati sulle principali news di mercato semplicemente accedendo alla sezione notizie: un vero e proprio vantaggio per un’analisi fondamentale valida ai fini dei propri investimenti.

Anche il broker in questione offre servizi educativi, come corsi di trading ed un’app da personalizzare in base agli argomenti finanziari che si necessita di recuperare: il tutto in maniera semplice e gratuita. Inizia a studiare come fare trading online raggiungendo questa pagina.

Naturalmente, Capital.com è stato menzionato per l’interessante offerta sul trading criptovalutario: sono disponibili circa 25 valute digitali, su cui poter operare a zero commissioni 7 giorni su 7. Per non perdere l’opportunità di investire con una delle piattaforme più note di trading CFD, sia in termini di sicurezza che di efficienza, si consiglia di aprire immediatamente un conto con Capital.com.

Leggi la guida al broker:

Coinbase: vantaggi e svantaggi

Dopo un breve focus riguardo i benefici del trading online CFD e le piattaforme migliori a cui potersi affidare, è bene tornare all’argomento principale della guida: l’exchange di criptovalute più utilizzato al mondo. 

Nel dettaglio, si vogliono sintetizzare i vantaggi e gli svantaggi di Coinbase, così da schiarirsi le idee circa la modalità d’investimento più adatta alle proprie esigenze.

Iniziando dai vantaggi, si può già affermare che sono in netta minoranza rispetto agli svantaggi. Tra le caratteristiche più apprezzate, c’è l’intuitività e la chiarezza con cui Coinbase si propone anche a traders inesperti. Inoltre, si è anche notata la vastità dei prodotti offerti: da piccoli traders retail ad imprese ed isituzioni, l’exchange non lascia nulla al caso.

Per quanto inizialmente Coinbase si stesse presentando come una proposta per investire sulle criptovalute priva di svantaggi, con un’analisi approfondita ne sono emersi molteplici. Prima di tutto, non si può tralasciare il discorso legato alle commissioni: purtroppo, non tutti possono permettersi di investire cospicue somme, ma ciò non dovrebbe essere un limite. Diventa, però, così in casi in cui i costi applicati sono troppo elevati, demoralizzando una specifica fascia di utenti.

Un altro problema si cui è impossibile sorvolare riguarda i malfunzionamenti di Coinbase, i quali stanno diventando sempre più frequenti. Purtroppo, i danni causati da down momentanei della piattaforma sono costati caro a diversi traders, i quali si sono visti impossibilitati nell’approfittare di evidenti rialzi di crypto come il Bitcoin.

In effetti, gli exchange sono sempre al centro di controversie simili, inducendo investitori più attenti a non avvicinarsi nemmeno a servizi del genere per la propria attività di trading online. 

Infine, un exchange come Coinbase non riesce a fornire un valido supporto ai propri utenti, essendo disponibile solo in lingua inglese e, molto spesso, sembra non esser d’aiuto come dovrebbe.

Coinbase Opinioni e Recensioni 2021

Per poter avere un’idea complessiva di come funziona Coinbase è necessario riportare le esperienze di utenti che hanno già provato a servizi dell’exchange per la propria attività finanziaria. In linea generale, non mancano recensioni positive in cui i traders elogiano specifiche funzioni.

Ad esempio, sembra che Coinbase Wallet abbia conquistato già numerosi utenti, semplificando i metodi di archiviazione e trasferimento delle proprie crypto. Inoltre, molte opinioni sono direttamente legate alla notorietà indiscutibile raggiunta dalla società statunitense, che da circa 8 anni cavalca l’onda come leader del settore. 

Nonostante questo, intorno a Coinbase aleggia un’aria poco positiva, stimolando una perdita di interesse verso l’exchange. In effetti, il Web straripa di recensioni ed opinioni negative in cui gli utenti consigliano esplicitamente di non iscriversi alla piattaforma.

Purtroppo, si ribadisce che le commissioni troppo elevate sono una questione che per i più esperti del settore dovrebbe ormai essere superata: non a caso, piattaforme di trading come eToro consentono negoziazioni a zero spese. 

In più, non mancano recensioni riguardanti le limitazioni previste: non sarebbe un problema solo se non venissero applicate spesso senza criterio, impedendo agli utenti di effettuare qualsiasi tipo di transazione. Da una sospensione del proprio account ad un down totale dell’exchange il passo è davvero breve: tutto ciò non fa altro che dimostrare che, purtroppo, nemmeno le recensioni giocano a favore di Coinbase in questo momento.

Coinbase conviene?

Dopo aver riportato anche il sentimento generale che accomuna gran parte dei traders che hanno provato personalmente a fare trading con l’exchange, ci si potrebbe chiedere se utilizzare Coinbase conviene, soprattutto nel caso in cui si stesse cercando un’arma di cui servirsi per sfruttare a pieno il potenziale insito in asset innovativi come le criptovalute.

Considerando che è stato già affermato che non nasce assolutamente come un servizio truffaldino, forse la risposta potrebbe prendere più di una direzione. In casi del genere, ogni investitore determina una scelta in base a questioni di natura soggettiva. Dunque, nel caso di istituzioni i traders dinamici che già sanno come muoversi, Coinbase potrebbe non essere una scelta pessima.

Tuttavia, è sempre un discorso relativo: dipende dalle commissioni che si è disposti a pagare e ai rischi che si è pronti a correre, in quanto non è ancora chiaro se possa definirsi un servizio completamente affidabile.

Per tali ragioni, si consiglia di considerare altre opzioni per investire in crypto, così da assicurarsi un’esperienza positiva, garantendosi una probabilità di ottenere risultati visibili pur essendo alle prime armi.

In conclusione, la scelta dipende da fattori variabili da trader a trader, ma sulla base di quanto analizzato finora, Coinbase non rientra tra le proposte migliori con cui fare trading online.

Leggi anche:

Considerazioni finali

Il mercato delle criptovalute ha ottenuto un rapido successo, dimostrando subito di fornire liquidità agli investitori. Inoltre, caratterizzandosi per un’estrema volatilità giornaliera, risulta l’ideale per coloro che opteranno per il trading intraday. 

Ovviamente, non è possibile sfruttare il potenziale delle criptovalute se non si accede al mercato: ragione per cui sono apparsi, a partire dal 2009, diversi exchange. Come si è visto, Coinbase è tra quelli più conosciuti del settore, registrando transazioni pari a miliardi di dollari, mettendosi in risalto anche per gli investimenti ottenuti.

Sebbene sia un exchange che dimostra di porre attenzione ai propri utenti, poiché presenta servizi e prodotti diversificati in base alle più differenti richieste, Coinbase presenta numerosi svantaggi che non lo rendono una scelta ottimale per negoziare crypto allettanti come il Bitcoin o Ethereum.

Non a caso, durante la guida è stata menzionata quella che, attualmente, è l’alternativa principale a Coinbase: il trading online CFD. In effetti, considerando l’affidabilità garantita dalle autorizzazioni di enti appositi e l’assenza di commissioni, è facile comprendere perché può essere la scelta migliore per iniziare ad investire online. 

Scegliendo un broker tra eToro, Capital.com e FP Markets, si avranno a disposizione tutti gli strumenti, le funzioni ed il supporto necessario per districarsi correttamente tra le dinamiche, spesso indecifrabili, che reggono i mercati finanziari.

FAQ Coinbase: domande frequenti

Cos’è Coinbase?

Coinbase è un exchange nato nel 2012 che consente di acquistare o vendere criptovalute.

Coinbase è una truffa?

No, non è una truffa. Si tratta del miglior exchange di criptovalute oggi per acquistare realmente criptovalute, senza servirsi di strumenti finanziari derivati.

Le commissioni di Coinbase sono elevate?

Attualmente, le commissioni previste da Coinbase risultano competitive solo se paragonate ad altri exchange. Valutando l’assenza di costi, il trading online CFD risulta relativamente più conveniente.

Coinbase è adatto a principianti?

, Coinbase risulta adatto anche ad investitori principianti, in quanto presenta un’interfaccia chiara e friendly user.

Coinbase permette di investire in Bitcoin?

Attualmente, l’offerta di criptovalute Coinbase (clicca qui per vederle) è abbastanza variegata, ed include anche il noto Bitcoin.

La valutazione dell'autore

⭐⭐⭐⭐⭐

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.