InvestimentiFinanziari.net
Gli Investimenti Finanziari a 360°.

Investire in azioni

Investire in azioni significa collocare i propri soldi per diventare azionista di una società quotazione in borsa: conviene ancora oggi? Qual è il modo migliore per farlo in modo sicuro e senza incorrere in rischi? Sono questi i dubbi principali che bisogna risolvere, in merito alle possibilità di operazioni finanziarie nel mondo moderno. Come noto, sono dubbi che attanagliano soprattutto chi non ha esperienza di negoziazioni sui mercati finanziari.

Visti gli scenari internazionali apertisi tra il 2021 e il 2022, gli esperti indicano l’attuale situazione come di risk off. In altra parole si tratterebbe di una fase in cui gli investitori sono propensi a correre meno rischi finanziari. È dunque il momento opportuno per imparare e iniziare a investire in azioni?

Attualmente, sembra che l’attrattività dei mercati borsistici internazionali sia in costante aumento, soprattutto grazie alle macrotendenze rialziste riportate da determinati settori. Di conseguenza, anche coloro che decidono di investire in azioni sono sempre più numerosi, poiché consapevoli dei potenziali vantaggi di cui beneficiare se si riescono ad individuare i titoli finanziari più promettenti e performanti quotati in Borsa.

Per ottenere dei risultati soddisfacenti dalle proprie manovre finanziarie, i principianti dovranno occuparsi di curare l’aspetto didattico-formativo relativo al funzionamento del mercato borsistico. Inoltre, sarà altrettanto necessaria una panoramica circa le strategie da attuare e l’importanza di costruire un piano di investimenti prima di avviare qualsiasi attività sul piano pratico.

Investire in azioni – Riepilogo:

❓ Come iniziareTrading online demo / Studio del mercato /  Individuazione dei propri obiettivi
Come investire:Trading DMA / Trading CFD
💡 Dove investire:Migliori Piattaforme per investire in azioni
💰 Capitale richiesto:Variabile (anche solo 10 EUR)
💸 Costi e commissioni:Costi fissi / Commissioni variabili (spread) / Costi overnight
👨‍🎓 Come scegliere le migliori azioniAnalisi Tecnica / Analisi Fondamentale / Valutazione rischi – profitti
🤔 Conviene?Sì – attenzione ai rischi di mercato e alle truffe
Investire in azioni: Principali caratteristiche introduttive

Investire in azioni: Cosa significa?

Per chi non è esperto di questo settore e non sa esattamente di cosa si tratti nello specifico, investire in azioni può sembrare qualcosa di molto complicato e quasi incomprensibile. Molti invece credono di sapere cosa significhi, sperperando il proprio capitale a causa di inesperienza ed un bagaglio di conoscenze non sufficienti a capire come investire in Borsa.

È opinione piuttosto comune, infatti, che investire in azioni significhi comprare azioni quando il loro prezzo è più basso per poi rivenderle nel momento in cui i mercati si trovano in salita. Di certo questo è uno dei metodi per investire in azioni, ma non è sicuramente l’unico.

Investire in azioni guida per principianti 2022
Investire in azioni: Guida completa per principianti 2022 a cura di InvestimentiFinanziari.net

Infatti, chi limita il proprio operato semplicemente al comprare azioni rischia di non raggiungere i guadagni che si è prefissato, anzi a volte c’è anche il rischio che si possano perdere i propri risparmi in relazioni alle oscillazioni della Borsa.

Si può affermare dire, in linea di massima, che limitarsi a comprare azioni può essere una buona strategia se si ha un capitale iniziale piuttosto elevato e se si guarda a una strategia di investimento su lungo termine. Per chi invece possiede un capitale minore non è invece questo il modo migliore di agire. In tal caso infatti la cosa migliore da fare è dedicarsi a piccoli investimenti in azioni che siano in grado di generare dei profitti nel più breve periodo possibile.

Pertanto, investire in azioni oggi significa poter operare in maniera dinamica, seguendo l’attuale situazione di mercato. Naturalmente, l’obiettivo di ogni posizione aperta sarà quello di accrescere il proprio capitale grazie alle azioni sulle quali si sta negoziando.

Tipologie di azioni

Una delle questioni che si pone alla base di uno studio attento e dettagliato per capire come investire sui migliori titoli finanziari, riguarda la distinzione tra le diverse tipologie di azioni presenti. Le principali categorie da ricorsa sono le seguenti:

🔎Tipologie di azioni:🟢Azioni ordinarie🔵Azioni privilegiateAzioni di risparmio
Privilegi nella divisione degli utiliNo
Diritto di votoSì Sempre nelle assemblee straordinarie, non sempre in quelle ordinarieNo 
Altri diritti (impugnativa, informativa, controllo, ecc)Sì Sì 
Investire in azioni: Riepilogo differenti tipologie di azioni

Azioni ordinarie

Le azioni ordinarie sono quelle che possono essere definite semplicisticamente come azioni “normali”, ovvero quelle che non rientrano in nessuna categoria particolare.

Le azioni ordinarie sono nominative e conferiscono al titolare il diritto di partecipare e votare nelle assemblee ordinarie e straordinarie, nonché di avere accesso alla divisione degli utili e di ricevere la propria parte di liquidazione in caso in cui la società venga sciolta.

Il titolare delle azioni ordinarie può inoltre consultare il libro dei soci, visionare i progetti di bilancio, impugnare le delibere dell’assemblea e ha anche il diritto di recesso e di opzione nel caso di aumento di capitale.

Azioni privilegiate

Le azioni privilegiate sono definite in questo modo in quanto offrono un privilegio non solo nella divisione degli utili, ovvero hanno un dividendo minimo garantito, ma anche nella fase di rimborso del capitale in fase di scioglimento della società.

I titolari delle azioni privilegiate, però, possono non avere diritto di voto nelle assemblee ordinarie ma lo mantengono comunque nelle assemblee straordinarie. Hanno inoltre il diritto di opzione e di recesso, nonché quelli di impugnativa e di convocazione, controllo e informativa. 

Azioni di risparmio

Queste godono di una serie di privilegi di natura patrimoniale, nel campo del rimborso patrimoniale e in quello della distribuzione degli utili, ma non c’è alcun diritto di voto a differenza delle altre categorie. Vengono però mantenuti i diritti di impugnativa, convocazione informativa e controllo.

Come iniziare ad investire in azioni

Investire in azioni è un’attività che attira moltissime persone e può essere un modo molto valido e conveniente di utilizzare i propri risparmi, ma bisogna comunque prestarvi una certa attenzione. Molte persone infatti credono di potersi buttare in questo campo improvvisandosi trader, pensando che qualche informazione superficiale trovata magari sul web sia sufficiente per cominciare i propri investimenti, ma chiaramente non è così.

Per cominciare a investire in azioni è necessaria la giusta preparazione a riguardo, nonché possedere dei progetti e dei piani ben precisi per sapere come muoversi e cosa fare per ottimizzare le proprie mosse ed evitare di perdere i propri risparmi. 

Ecco allora quali sono i passi fondamentali da compiere per cominciare ad investire in azioni nella maniera corretta.

Leggi anche la nostra guida: Come comprare azioni

Creazione di un piano trading sulle azioni

Una delle prime cose da fare prima di cominciare a fare trading è la definizione dei propri obiettivi. Ciò che può aiutare a farlo nel migliore dei modi è la creazione di un piano di trading. Cos’è esattamente un piano trading?

Per dirla in poche e semplici parole, un piano trading è un vademecum sul come e il cosa fare per poter fare trading nel modo giusto. Scopo principale di un piano trading è quello di ridurre al minimo la discrezionalità durante la fase operativa, dove il grosso carico emotivo potrebbe giocare brutti scherzi soprattutto agli investitori più inesperti.

Se gli step da seguire sono ben definiti e pensati precedentemente, allora il percorso del trader sarà più semplice e più libero da eventuali errori dovuti non soltanto all’inesperienza ma anche dall’emozione del momento. 

La cosa importante è personalizzare al massimo il proprio piano trading, in quanto per essere davvero funzionale questo deve essere costruito secondo i propri obiettivi e i propri investimenti, mentre i piani pre-confezionati non sono utili e possono anzi essere poco funzionali e pericolosi.

Investire in azioni con un piano di trading
Investire in azioni: l’importanza di progettare un piano di trading

Creare un piano di trading prevede:

  • È necessario stabilire una routine, in modo tale che il piano riesca a coprire tutte le azioni del trader programmandone la giornata, definendo gli asset su cui puntare, i tempi ecc.
  • Bisogna stabilire una o più strategie di trading in base a quelli che sono i propri obiettivi. 
  • È opportuno prevedere eventuali imprevisti e stabilire delle strategie per superarli, evitando di essere impreparati e commettere errori qualora questi si verifichino.
  • È necessario integrare un buon sistema di money management.

Necessità di un percorso formativo

Un altro passo importante se non fondamentale per diventare un buon trader e raggiungere i risultati sperati è avere una buona preparazione. Ci sono infatti dei veri e propri corsi di formazione che possono essere estremamente utili per i futuri trader, ma attenzione perché sul web ci sono numerosi tranelli a riguardo.

Esistono infatti dei corsi che vengono spacciati come estremamente funzionali, promettendo successi e guadagni incredibili e in poco tempo, ma che hanno costi esorbitanti e proibitivi e nella realtà dei fatti risultano poco utili. Tendono infatti ad essere troppo teorici, mentre quello che serve ad un trader è soprattutto la pratica.

I corsi migliori da seguire in questi casi sono quelli proposti dalle stesse piattaforme di trading, che sono completamente gratuiti e permettono di fare moltissima pratica. Le migliori piattaforme di trading offrono la possibilità di accedere a questi corsi, webinar, e-book gratuiti e molto altro.

Parliamo ad esempio di eToro (scopri il sito ufficiale qui) e la sua Academy rivolta a chiunque voglia imparare a fare trading online. Grazie a questi corsi si può cominciare a fare pratica con gli investimenti, con le diverse tecniche, a prendere confidenza con l’analisi tecnica e l’analisi fondamentale, con le leve finanziarie e con tutto quello che ha a che fare con il mondo del trading.

Trading Academy di eToro: ottima per imparare a investire in azioni
Trading Academy di eToro: ottima per imparare a investire in azioni

Un buon sistema per imparare a investire in azioni è anche il trading online demo. Questo è un conto virtuale su cui è appunto presente un capitale virtuale con il quale è possibile simulare ogni aspetto di un investimento. In questo modo si può cominciare a fare pratica con il trading senza mettere in pericolo i propri risparmi.

È infatti normale e fisiologico che nelle prime fasi di investimento si possa commettere qualche errore di inesperienza. Dunque farlo senza utilizzare del denaro reale è senza dubbio molto utile e vantaggioso, per questo scegliere una piattaforma di trading che permetta di utilizzare questo strumento è molto importante.

Costruire il proprio wallet azionario

Costruire un portafogli azionario equilibrato e che sia adeguato ai propri capitali e alla propria disponibilità economica è estremamente importante. È consigliabile, per quanto possibile, cercare di diversificare al meglio il contenuto del proprio wallet azionario, in modo tale da avere sempre la possibilità di guadagnare su qualche asset se altri invece si trovano in una situazione di ribasso.

Il portafogli azionario deve inoltre tenere conto anche di altri fattori molto importanti, ovvero degli eventuali rischi di mercato, della volatilità delle azioni sulle quali si è scelto di investire, della liquidità ecc. Ecco perché è molto importante ponderare bene le proprie scelte in questa fase così delicata.

Ciò significa che bisognerà, senza dubbio, puntare alle migliori azioni da comprare, individuate in base ad un’analisi approfondita di mercato. Tuttavia, un wallet azionario ben progettato risponderà a delle esigenze puramente individuali, in modo da puntare a dei titoli che rispettano le proprie capacità operative, ma riflettono anche l’orizzonte temporale e la frequenza con la quale si decide di investire in azioni.

Investire in azioni: Tipologie di investimento

Ci sono diversi modi di investire in azioni al giorno d’oggi. Quello maggiormente conveniente, soprattutto per i piccoli investitori, è sicuramente, come risarà già compreso, il trading online. Tale metodo verrà messo a confronto ad esempio, con l’investimento in azioni tramite Banca.

💻Trading online🏛️Investire tramite banca
Piattaforme gratuite e convenientiAlti costi proibitivi
Possibilità di accedere a corsi gratuiti Nessuna formazione del trader
Comodo e veloceOperazioni più macchinose e lente
Gestione autonoma dei propri investimentiNecessità di un consulente finanziario
Investire in Azioni: Trading online VS Banca

Il trading online è una soluzione innovativa e accessibile con cui investire in azioni. Difatti, la scelta di affidarsi ad un ente bancario, come si vedrà a breve, può rivelarsi obsoleta e limitante sotto molteplici punti di vista. Tuttavia, è pur sempre necessario decidere come e quando investire intraprendendo il percorso che più si ritene adatto al proprio profilo da investitore.

Investire in azioni online

Investire in azioni online oggi è possibile grazie all’utilizzo delle piattaforme di trading. Queste sono state una vera e propria rivoluzione per il mondo degli investitori, in quanto hanno semplificato molto il modo di investire in borsa e soprattutto hanno reso questa attività accessibile praticamente a tutti.

Un inizio può essere cominciare a capire la differenza tra investimenti tramite CFD e DMA:

  • DMA: questo acronimo sta per Direct Market Access, ovvero accesso diretto al mercato. Con questa tipologia di investimento si vanno ad acquistare direttamente delle azioni. In questo modo sarà possibile guadagnare nel momento in cui tale azione si trova in un trend positivo, altrimenti si perderà il proprio investimento;
  • CFD: con CFD si intende Contract For Difference. Questi sono dei prodotti derivati delle azioni, il che vuol dire che con questo tipo di investimento non si acquista realmente un’azione ma si va a compiere un’operazione di natura speculativa. In questo modo si ha la possibilità di guadagnare sia se il trend sarà positivo sia se sarà negativo, basta soltanto capire e cercare di prevedere quale sarà il movimento del mercato in quel dato momento.

Queste sono quindi due modalità di investimento molto differenti, che si adattano di conseguenza a diverse tipologie di trader. In linea di massima possiamo dire che il trading con i CFD è più adatto a coloro che non hanno ancora molta esperienza nel campo degli investimenti o che comunque non hanno grandi capitali alle proprie spalle, mentre i broker DMA sono più adatti a trader con maggior esperienza e maggiore disponibilità economica.

Investire in azioni con la Banca

Fino a pochi anni fa l’unico modo per investire in azioni per parlare con un intermediario presso una banca, dove occorreva recarsi fisicamente. In realtà i clienti che possedevano maggiori capitali e che quindi erano più rinomati e potevano offrire maggiori garanzie, potevano permettersi anche di investire in azioni semplicemente tramite una telefonata, ma era appunto un privilegio di pochi.

Le operazioni tramite banca erano molto lente e costose. Ad oggi esse si sono sicuramente velocizzate, grazie alle tecnologie attuali, infatti molte banche hanno messo a disposizione dei propri clienti delle piattaforme e delle applicazioni attraverso le quali è possibile fare trading.

Se i problemi di velocità e praticità sono stati risolti in questo modo, quelli legati ai costi però restano quasi del tutto invariati. Infatti investire in azioni tramite Banca è poco conveniente e presenta dei costi piuttosto elevati. È per questo che solitamente gli investitori preferiscono usare delle piattaforme di investimento più adatte a questa attività, sia in termini economici che di usabilità.

Investire in azioni: Migliori piattaforme consigliate 2022

Una delle cose più importanti per fare trading online in tutta sicurezza è scegliere la piattaforma di trading con cui si vuole operare. Questo è un passo cruciale per il trader, poiché tutto il suo operato sarà in qualche modo influenzato da questa scelta. 

Migliori piattaforme consigliate per investire in azioni [2022]

TRADING

Voto: 10/10

Tipo: CFD / DMA

Licenze: FCA / CYSEC / ASIC

Demo: 100.000$

VANTAGGI:

  1. Copia Trader Migliori
  2. App Gratis
  3. Portafogli gestiti
  4. Azioni pure a 0 spese
TRADING

Voto: 9,9/10

Tipo: Market Maker CFD

Licenze: FCA / CYSEC

Demo: Illimitato

VANTAGGI:

  1. Intelligenza Artificiale
  2. App Gratis
  3. Zero commissioni
  4. Formazione avanzata
TRADING

Voto: 9,9/10

Tipo: STP / DMA

Licenze: FCA / CYSEC / ASIC

Demo: 100.000$

VANTAGGI:

  1. Trading Automatico
  2. Expert Advisor e Segnali
  3. Spreads bassi
  4. Social e CopyTrading
TRADING

Voto: 9,7/10

Tipo: Market Maker CFD

Licenze: FCA / CYSEC

Demo: 10.000$

VANTAGGI:

  1. Social Trading
  2. Conto VIP
  3. Deposito 10€
  4. Trade min. 1€
TRADING

Voto: 9,5/10

Tipo: CFD / DMA

Licenze: FCA / CYSEC

Demo: 100.000$

VANTAGGI:

  1. Segnali gratuiti
  2. MetaTrader 4
  3. Live Coaching
  4. Azioni reali DMA

È bene affidarsi a piattaforme che espongano ben chiare sui propri siti web le loro certificazioni, come ad esempio la CONSOB e la CySec, e che soprattutto siano chiare sui costi delle operazioni e dei servizi offerti: caratteristiche che rispettano i broker inseriti nella tabella sovrastante.

La buona notizia è che le migliori piattaforme di trading online disponibili sul mercato sono completamente gratuite (con necessità di un deposito minimo iniziale) e presentano commissioni di trading applicate agli investimenti molto basse e competitive. Nel campo del trading, infatti, una piattaforma costosa non equivale ad una piattaforma di qualità maggiore ad un’altra più conveniente.

Intanto, si consiglia di approfondire il funzionamento e le proposte delle piattaforme di trading migliori con cui cominciare ad investire in azioni:

  1. eToro;
  2. Trade.com;
  3. IQ Option;
  4. Capital.com;
  5. FP Markets.

Investire in azioni sicure

Bisogna subito fare una precisazione molto importante: nell’ambito del trading online e degli investimenti in borsa in generale non esiste nulla di sicuro al 100%. Non si possono infatti fare investimenti che siano del tutto liberi da rischi, c’è sempre un margine di incertezza che non è mai del tutto eliminabile. 

Bisogna allora investire alla cieca senza sapere quello che succederà? Ovviamente no. Ci sono degli ambiti e delle azioni il cui andamento, in un determinato periodo storico, può essere in qualche modo prevedibile. Per prevedere il movimento delle azioni in borsa bisogna tenere presente che queste sono influenzate da tanti fattori differenti e prestare attenzione a ciascuno di essi.

Questi sono i cosiddetti market movers e un buon trader è in grado di trarre le proprie conclusioni e di attuare la propria strategia di investimento tenendoli bene a mente e osservando quello che succede ai titoli in determinate situazioni. È importante quindi attuare un preciso studio delle performance e fare le giuste previsioni per individuare quali sono i titoli più convenienti sui quali investire i propri soldi e con quale strategia farlo.

Un esempio, per gli investitori che sono interessati a profitti sul lungo termine, potrebbe essere quello di investire in titoli che hanno un potenziale di crescita su un periodo di tempo più lungo, ovvero quelle azioni che hanno meno volatilità rispetto ad altre. In realtà, in questo caso, i traders potranno decidere di fare trading DMA per beneficiare di eventuali dividendi se previsti dalla società emittente delle azioni.

Migliori azioni su cui investire oggi

Nel caso in cui si possedessero già delle conoscenze di base per iniziare ad inserirsi sul mercato, ecco un breve ma esaustivo elenco delle azioni da comprare consigliate dagli analisti:

📝Titolo 📖Settore 🔥Valore di mercato🚀Rendimento da dividendo🤔Opinioni
Walt DisneyIntrattenimento 278,7 miliardi di dollariN/A⭐⭐⭐⭐⭐
Uber TechnologiesSoftware applicativo75,3 miliardi di  dollariN/A⭐⭐⭐⭐
LHC GroupStrutture per assistenza medica4,3 miliardi di dollariN/A⭐⭐⭐⭐⭐
Alibaba Groupe-commerce339,1 miliardi di dollariN/A⭐⭐⭐⭐
Starbucks  Food e bevande136,4 miliardi di dollari1,7%⭐⭐⭐⭐⭐
Bank of AmericaBancario361,4 miliardi di dollari1,9%⭐⭐⭐⭐⭐
LittelfuseComponenti elettronici7,6 miliardi di dollari0,7%⭐⭐⭐⭐
Investire in azioni – Titoli consigliati

Quelli illustrati in tabella sono solo alcuni dei titoli che gli esperti del settore ritengono meritevoli di attenzione per il 2022. Sono dei nomi importanti, che fanno riferimento ad ambiti che vedranno una crescita molto probabile per tutto il 2022 e che quindi possono rappresentare una buona idea di investimento anche per i trader che si affacciano per la prima volta a questo mondo.

Investire in azioni: Consigli pratici per principianti

Alcuni trader alle prime armi hanno una certa sicurezza nel momento in cui si approcciano al mondo degli investimenti, credendo quasi che investire in azioni sia una cosa semplice che chiunque può fare anche senza sforzo, al contrario, altri sembrano esserne estremamente spaventati e se ne tengono grandemente alla larga, credendo che sia un modo per perdere sicuramente i propri risparmi e per collezionare fallimenti.

Nessuno di questi due approcci è quello giusto. È vero che questa è un’attività che comporta una serie di rischi, ma è vero anche che con la giusta preparazione, il giusto spirito e il giusto modo di affrontare la situazione, investire in azioni può diventare un’attività molto soddisfacente per il trader. Ecco quindi alcuni consigli molto utili per coloro che vogliono cominciare questa attività con maggiore coscienza e sicurezza:

  • Seguire un percorso formativo

Come già accennato in precedenza, un corso di trading può essere molto utile se non fondamentale per costruire la formazione del trader futuro. Non è importante scegliere un corso di trading molto costoso per avere la sicurezza che questo sia valido, anzi bisogna stare attenti a quei corsi che millantano grossi risultati a prezzi esorbitanti.

La cosa migliore è seguire i corsi e sfruttare i vari strumenti formativi che vengono proposti dalle piattaforme di trading, che sono di solito completamente gratuiti e che incentrano la loro formazione sulla pratica, il che è importantissimo per un trader alle prime armi.

Formazione di Trade.com: ottimo modo per muovere i primi passi con le azioni
Formazione di Trade.com: ottimo modo per muovere i primi passi con le azioni

Tra i percorsi formativi disponibili oggi non si può fare a meno di segnalare quello gratuito per principianti di Trade.com. Assolutamente un’opportunità da non perdere per chi inizia ora a investire in azioni.

  • Fare pratica con un conto demo

Tra gli strumenti offerti dalle migliori piattaforme di trading online abbiamo sicuramente i conti demo. Alcune non richiedono neanche di effettuare prima l’iscrizione alla piattaforma per poterne usufruire. Sono, come accennato più sopra, dei conti virtuali sui quali è presente un ammontare a volte anche molto cospicuo di denaro virtuale.

Con quest’ultimo è possibile fare tutte le operazioni che si farebbero con un conto reale e dunque simulare in tutto e per tutto un investimento, utilizzando tutti gli strumenti messi a disposizione dalla piattaforma. In questo modo il conto demo acquisisce valore di attività formativa e pratica allo stesso tempo, mettendo il trader nelle condizioni di arrivare ad una certa sicurezza e dimestichezza con gli investimenti prima di mettere in gioco i suoi risparmi.

Tra le piattaforme disponibili sul mercato uno dei migliori conti demo consigliati è certamente quello dell’eccellente broker eToro, che lo offre in modo gratuito e illimitato.

  • Money Management

Il money management è la gestione del rischio sul proprio capitale. In esso sono racchiuse una serie di tecniche e strategie che sono volte a massimizzare i profitti e allo stesso tempo a minimizzare i rischi. Imparare a fare il giusto money management è fondamentale per poter investire in azioni in modo sicuro e con profitto.

Si suddivide in due ambiti. Da un lato, c’è il risk management, che analizza i rischi che corre il capitale investito tenendo conto della posizione che questo ha sul mercato. Dall’altro, si rivela importante conoscere il position sizing, che individuali il capitale da investire su ogni posizione e la suddivisione sui vari asset.

Investire in azioni: Come scegliere i migliori titoli 2022?

Precedentemente abbiamo segnalato alcuni dei migliori titoli su cui investire nel 2022 secondo gli esperti. Ma come fare, nel pratico, a scegliere qual è quello più adatto al proprio caso? Quali sono i fattori da tenere in considerazione per arrivare ad essere autonomo nella scelta dei titoli su cui investire?

INVESTIRE IN AZIONI TITOLI
Investire in azioni: Come scegliere i migliori titoli?

Ci sono dei criteri che possono essere tenuti a mente per fare la propria scelta nel modo più oculato possibile, ovvero:

Dall’elenco è possibile comprendere il background che si nasconde dietro ogni ordine piazzato su un singolo titolo finanziario. Si tratta di informazioni essenziali, le quali non hanno lo scopo di intimorire i principianti, ma quello di informarli riguardo il percorso da seguire per investire in azioni.

Settori su cui investire nel 2022

Quali sono, secondo gli esperti, i settori che vedranno una maggiore crescita nel 2022? Anche questa si pone tra le domande più frequenti che pongono i principianti che non hanno ancora le capacità necessarie per analizzare autonomamente le migliori occasioni per investire in azioni.

Settori 2022 per investire in azioni
Investire in azioni: Settori consigliati 2022

Ecco, intanto, tre settori che sembrano destinati ad un trend rialzista quasi certo durante questo anno:

  1. Cybersecurity. Possiamo considerare questo settore come un sottoinsieme dell’industria del “tech”, che è ormai indispensabile per il mondo moderno. Il digitale è ormai parte della vita di tutti i giorni di ognuno di noi ed ecco perché il settore della sicurezza informatica sta vedendo (e vedrà) una crescita sempre maggiore nel corso degli anni. La cybersecurity di occupa di proteggere i sistemi informatici computerizzati, gli hardware, i network e tutto ciò che è contenuto su di essi;
  2. Healthcare. Con questo termine si fa riferimento a tutto ciò che fa parte del mondo della sanità e della cura della persona. È evidente che dopo due anni di pandemia da Covid 19, con la continua ricerca di cure mirate e la produzione di vaccini, questo settore non possa far altro che crescere sempre di più, e questo lo rende un ottimo ambito su cui investire i propri soldi;
  3. Fintech. Questo settore si occupa della digitalizzazione e delle tecnologie da applicare alle attività finanziarie e bancarie per proiettarle in un futuro sempre più smart e veloce. In un mondo che è sempre più digitale e futuristico, un settore del genere non soltanto può crescere moltissimo, ma si rivela anche estremamente utile. Leggi anche: Migliori azioni Fintech.

Quanto si guadagna investendo in azioni?

I principianti dovrebbero subito assimilare un punto importante per investire in azioni correttamente: il guadagno di un trader dipende da tantissimi fattori differenti e non si può dire con esattezza quale sarà il profitto per un singolo caso specifico senza conoscerne tutti i dettagli.

A influire sul guadagno sono ad esempio l’esposizione al rischio, la frequenza con cui si accede al mercato, il capitale investito in partenza, la leva utilizzate, la strategia scelta e molto altro. Importanti e da non sottovalutare sono anche le commissioni applicati alle azioni di trading. 

Alcune piattaforme impongono infatti delle commissioni così elevate da rendere addirittura infruttuosi i guadagni, quindi si ricorda di prestare molta attenzione a questo aspetto prima di scegliere il broker con cui investire i propri soldi.

Quello che possiamo fare qui per dare un’idea dei guadagni possibili al lettore, è fornire indicativamente dei range di guadagno generali basati sulle statistiche e sulla “grandezza dell’investitore“. Ad esempio, nell’ambito finanziario, è frequente attuare una distinzione tra:

  • Investitore principiante

È un investitore alle prime armi o che magari non se la sente di mettere in gioco troppa parte dei suoi risparmi e preferisce cominciare con investimenti minimi, che dipendono comunque dal deposito minimo previsto dalla piattaforma di trading scelta.

Il guadagno mensile, in questi casi, può essere dai 500 euro in su. Si tratta quindi di persone che non vogliono rendere il trading la propria professione, ma magari intendono dedicarvisi come seconda attività o quasi come un hobby che però permette di guadagnare anche qualcosa in più alla fine del mese.

  • Investitore professionista

Qui le cose cambiano, perché il trading diventa un vero e proprio lavoro e l’investitore vi si dedica completamente, studiando e mettendo in pratica le strategie migliori per ottimizzare i proprio guadagni. Il profitto qui dipende sempre dall’investimento, ma può variare da 1000 euro al mese a cifre ben più grosse nel momento in cui si diventa esperti e navigati investitori.

La cosa importante da sapere riguardo al trading è che questo non è una bacchetta magica che permetterà agli investitori di diventare ricchi in poco tempo. È un’attività a cui ci si deve dedicare con attenzione per poter vedere dei buoni risultati e soprattutto non si deve essere impazienti o frettolosi. Con le giuste strategie le soddisfazioni e i guadagni arriveranno nei tempi giusti.

Quali sono i rischi di investire in azioni?

A questo punto, dovrebbe essere chiaro che investire in azioni non è un’attività scevra di rischi, anzi bisogna prestare particolare attenzione in quanto perdere il proprio investimento diventa molto facile se non si ha la giusta preparazione e la giusta strategia di azione. Quando si fa un investimento bisogna quindi tenere presente una serie di rischi, eccone alcuni:

  • Rischio di mercato o rischio sistematico: è il rischio legato alle variazioni di prezzo del prodotto finanziario su cui si è scelto di investire ed è quindi la probabilità di perdere una parte o il totale valore di acquisto.
  • Rischio di liquidità: si verifica quando si vuole vendere o liquidare una posizione e non ci sono acquirenti o comunque c’è mancanza di liquidità sul mercato, il che costringe a vendere ad un prezzo inferiore.
  • Rischio non sistematico: è il rischio che dipenda da fattori intrinsechi a ciascuna azienda. È controllabile diversificando il proprio portafogli azionario.
  • Rischio operativo: riguarda le perdite finanziarie di una società quotata che sono causate da guasti i carenze di processi, strutture tecnologiche, persone, sistemi interni ecc.
  • Rischio di controparte: si verifica quanto in un negoziato una della parti non adempie ai propri obblighi.

Valutare il rapporto rischi/profitti dovrebbe essere una delle prima preoccupazioni per un trader prima di investire su un determinato titolo finanziario. Certo, non è possibile eliminare completamente ogni fattore di rischio, ma un investitore consapevole e attento, sebbene principiante, riuscirà a capire come muoversi per investire esclusivamente quando il mercato sembra favorevole ai propri piani.

Investire in azioni oggi: conviene?

Attualmente i mercati sembrano essere in un momento di ripresa, soprattutto se questo viene paragonato ai due anni appena trascorsi in cui l’economia mondiale è stata messa a dura prova dalla pandemia da Covid 19. Adesso la situazione è ben diversa e sembra essere conveniente investire in azioni, soprattutto puntando sul medio termine.

Questa è l’opinione degli esperti, che nonostante le attuali situazioni critiche non prevedono crolli o momenti di down troppo marcati. La Borsa di Milano, ad esempio, sta registrando da inizio anno una ben decisa accelerata, nonostante qualche battuta di arresto negli ultimi tempi.

Gli analisti dunque invitano gli investitori a mantenere la rotta e a proteggere la ricchezza continuando ad investire, approfittando delle opportunità di acquisto guadando ad un’ottica sul medio e lungo periodo. 

Si consiglia di dare un’occhiata al grafico sottostante, il quale compara l’andamento di alcuni Indici di Borsa (FTSE MIB; CAC40; DAX30):

Andamento indici per investire in azioni
Indici di Borsa: il leggero calo dopo l’Invasione russa

La scelta di inserire tale immagine non è casuale: gli investitori principianti dovrebbero prestare attenzione all’andamento di tali Indici, in quanto si configurano come dei “termometri” che misurano lo stato dell’economia di un dato Paese. In questo caso, si nota un leggero e progressivo calo delle performance sia dell’Indice italiano, che francese, che tedesco, causato dall’improvviso conflitto che vede impegnata la Russia contro l’Ucraina.

Tale approfondimento evidenzia come la convenienza di un investimento sia influenzata da numerosi e, spesso concatenati, parametri. Pertanto, si consiglia di non tralasciare mai la questione relativa alle news di mercato: per restare sempre aggiornati, sarà possibile sfruttare gratuitamente strumenti come il calendario economico.

Investire in azioni opinioni

Se si da un’occhiata sul web alle opinioni e alle recensioni dei trader si può avere un’idea più specifica riguardo al mondo degli investimenti. È importante infatti sentire le opinioni e i pensieri di chi si trova e agisce già in questo ambito da più tempo e può anche fornire qualche consiglio extra a chi invece si trova alle prime armi.

Le opinioni che si trovano sono soprattutto positive e c’è una tendenza a spingere gli altri a cominciare questa attività. È chiaro che anche in questo caso viene spesso consigliato di non arrivare impreparati e di esercitarsi molto prima di cominciare a investire davvero, oltre al fatto di essere pazienti e aspettare i risultati senza arrendersi di fronte alle prime difficoltà.

Nel caso in cui si trovassero opinioni negative, è bene non lasciare che queste influenzino le proprie decisioni, in quanto molto spesso derivano da scelte sbagliate compiute in totale autonomia. Ad esempio, coloro che legano l’attività di investire in azioni col trading online a delle truffe, hanno semplicemente operato con una piattaforma non realmente affidabile.

Infatti, molti traders alle prime armi suggeriscono di scegliere uno tra i migliori broker azioni più affidabili e competenti del settore, in modo da imparare come investire in maniera graduale e, sopratutto, proteggendosi dai rischi più comuni di chi inizia da zero.

Considerazioni Finali

Come abbiamo avuto modo di analizzare operare sulle azioni nel 2022 può essere un’operazione consigliata, ma è necessario sottolineare ancora la necessità di arrivare preparati all’incontro con i mercati finanziari.

Ogni giorno i prezzi subiscono fortissime oscillazioni dovute alle grandi tensioni degli ultimi tempi. Gli avvenimenti internazionali stanno cambiando i prezzi di materie prime e valute. Tutto questo avrà un impatto enorme sulla valutazione azionaria dei principali titoli di borsa.

Bisogna quindi domandarsi sempre se ci si sente pronti a lunghe ore di studio allo scopo di investire in azioni efficacemente. Detto questo, è chiaro che le occasioni di profitto non mancano di certo soprattutto grazie alla possibilità di speculare anche al ribasso nei periodi di maggiore affanno per i mercati.

FAQ – Investire in azioni: Domande e Risposte Frequenti

Quanto si guadagna quando si investire in azioni?

Il guadagno dipende da diversi fattori e quindi non può essere prevedibile per il singolo caso. L’importante è avere la pazienza di aspettare i profitti senza essere frettolosi e valutare le commissioni di trading più adatte alle proprie tasche.

Come iniziare ad investire in azioni?

Per i principianti che intendono investire in azioni è consigliabile iniziare facendo trading online, in modo da assicurarsi costi accessibili e strumenti didattici di supporto per capire come diventare trader.

Come imparare ad investire in azioni?

Per imparare come investire in azioni e quali titoli selezionare, è opportuno iniziare da un percorso didattico, da accompagnare ad un periodo di pratica.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.