InvestimentiFinanziari.net
Gli Investimenti Finanziari a 360°.

Azioni Uber

Uber è un’azienda americana, con sede a San Francisco, che si occupa di servizi di trasporto automobilistico privato. Tutto ciò, grazie ad un’applicazione mobile  nazioni e che collega direttamente autisti e passeggeri. La società è ormai attiva in 77 paesi, rendendo le azioni Uber sempre più visibili sui mercati internazionali.

La sua attività nel corso degli anni si è ampliata notevolmente, includendo sempre nuovi servizi come la consegna di cibo a domicilio, con la nascita di Uber Eats, nata dalla fusione con dei concorrenti in Russia e Asia sud-orientale. I due proprietari principali di Uber sono il SoftBank Group e Benchmark Capital Partners.

Come ben si sa, da qualche anno l’azienda è entrata a far parte anche del mercato italiano, scatenando non poco malcontento tra le società, come anche privati, che offrono servizio taxi. Le vicende burocratiche che hanno travolto Uber non l’hanno minimamente scoraggiata dal perpetrare il proprio scopo, riuscendo così a ricavarsi la sua fetta di mercato.

Sebbene negli ultimi anni la situazione finanziaria di questa società non sia sempre stata particolarmente rosea, situazione sulla quale la Pandemia ha sicuramente inciso nel 2020, si intravedono dei segnali di ripresa che vedono Uber come un potenziale buon investimento per molti investitori sia professionisti che retail.

Azioni Uber– Riepilogo:

📑ISIN & SIGLA:US90353T1007 – UBER
💼Quotata in borsa dal:maggio 2019
⭐Indice di riferimento:Nasdaq
❓Settore: Servizi Tecnologici
💰Capitalizzazione:83.251 miliardi di dollari
📈Target Price medio:70,00$
🤑Come comprare:Azioni DMA / CFD
👍Dove comprare:eToro / Capital.com / Trade.com
Principali caratteristiche azioni Uber

Dove comprare azioni Uber: Migliori piattaforme consigliate

Migliori piattaforme per comprare azioni Uber affidabili e sicure [CLASSIFICA]

TRADING

Voto: 10/10

Tipo: CFD / DMA

Licenze: FCA / CYSEC / ASIC

Demo: 100.000$

VANTAGGI:

  1. Copia Trader Migliori
  2. App Gratis
  3. Portafogli gestiti
  4. Azioni pure a 0 spese
TRADING

Voto: 9,9/10

Tipo: Market Maker CFD

Licenze: FCA / CYSEC

Demo: Illimitato

VANTAGGI:

  1. Intelligenza Artificiale
  2. App Gratis
  3. Zero commissioni
  4. Formazione avanzata
TRADING

Voto: 9,9/10

Tipo: STP / DMA

Licenze: FCA / CYSEC / ASIC

Demo: 100.000$

VANTAGGI:

  1. Trading Automatico
  2. Expert Advisor e Segnali
  3. Spreads bassi
  4. Social e CopyTrading
TRADING

Voto: 9,7/10

Tipo: Market Maker CFD

Licenze: FCA / CYSEC

Demo: 10.000$

VANTAGGI:

  1. Social Trading
  2. Conto VIP
  3. Deposito 10€
  4. Trade min. 1€
TRADING

Voto: 9,5/10

Tipo: CFD / DMA

Licenze: FCA / CYSEC

Demo: 100.000$

VANTAGGI:

  1. Segnali gratuiti
  2. MetaTrader 4
  3. Live Coaching
  4. Azioni reali DMA

Affidare i propri capitali a delle piattaforme di trading sicure è di vitale importanza per n poter vivere un’esperienza di investimento quanto più possibile serena e consapevole. Per questa ragione scegliere i migliori broker di trading online si rivela essere una priorità, data la moltitudine di attori presenti nel mercato.

Quelli appena presentati sono tutti broker in possesso di regolare licenza per poter operare sul nostro territorio nazionale, adeguatamente regolamentati e monitorati dagli enti preposti al monitoraggio dei mercati finanziari. Difatti, seguono le normative ESMA, imposte per la salvaguardia e la tutela dei traders online.

Le commissioni di trading proposte dai seguenti broker sono tra le più convenienti nel mercato, con tassi di spread davvero interessanti. Inoltre, ciascuna di queste piattaforme offre una modalità demo, con la quale è possibile verificare le proprie competenze e mettersi alla prova con le vere oscillazioni del mercato finanziario, senza però rischiare il proprio capitale.

Come comprare azioni Uber

Una volta scelta con la massima attenzione la piattaforma di trading che più incontra le proprie esigenze, ci si dovrà focalizzare sulla definizione dei propri obiettivi. Sarà molto importante, infatti, per definire una strategia di investimento adeguata, basata su titoli azionari come quelli di Uber.

In linea generale, esistono due diverse modalità per poter acquistare azioni Uber, ovvero tramite:

  • Trading DMA: implica un approccio diretto all’investimento. In questo caso, si acquista e si possiede la quota della società per aspettare che questa acquisti valore. Solo questo punto, poi, si procederà con il rivenderla;
  • Trading CFD: indica degli investimenti effettuabili con strumenti derivati come, appunto, i Contratti per Differenza. Si tratta di azioni prettamente speculative che vengono attuate in un periodo di tempo piuttosto breve.
Azioni Uber: Guida completa al titolo
Azioni Uber: Guida completa per investire sul titolo a cura di InvestimentiFinanziari.net

Si tratta di due tipologie di investimento che non sono alternative tra loro. Possono essere, infatti, eseguite anche nello stesso momento, purchè il loro utilizzo sia consono al raggiungimento degli obiettivi che ci si è originariamente prefissati.

Per operazioni strettamente legate al breve periodo, un investitore probabilmente preferirà operare con strumenti come i CFD, con i quali può operare giornalmente anche con cifre non particolarmente cospicue. Se lo si desidera, invece, si potranno utilizzare capitali più elevati al fine di acquistare delle azioni Uber da tenere in portafoglio anche per un periodo di tempo più lungo.

La differenza tra le due modalità di investimento sta nel fatto che, con il trading DMA, si potranno avere profitti solamente se aumenteranno le quotazioni delle azioni Uber. Utilizzando i CFD, al contrario, si potrà puntare a guadagnare puntando sulle oscillazioni del prezzo dei titoli, operando una vera e propria azione di speculazione.

Analisi fondamentale azioni Uber

Prima di procedere con l’investimento in un certo titolo azionario, è davvero importante effettuare diverse analisi per capire se la società sulla quale si intende puntare sia adeguatamente solida. Questa serie di studi è denominataanalisi fondamentale azioni Uber.

Volendo investire in Uber, l’analisi dei dati si concentrerà sulla necessità di sapere se ci siano effettivamente delle potenzialità di sviluppo del business, oltre che di crescita futura dell’azienda. Sono molte le sfaccettature da dover analizzare dell’azienda Uber, per questo verranno considerati sia sugli aspetti macro che micro economici che potrebbero cambiare l’andamento del titolo nel prossimo periodo.

Scendendo nel dettaglio, andremo ad analizzare:

  • I Dati Societari;
  • Il Modello di Business;
  • I Competitors;
  • L’ Azionariato;
  • Le Acquisizioni e il partenariato strategico.

Unendo tutte queste informazioni sarà poi possibile ottenere dei modelli previsionali che potranno agevolare ogni investitore nell’eventuale acquisto di azioni Uber.

Azioni Uber: Dati societari

Per poter procedere con un’analisi fondamentale delle azioni Uber è necessario esaminare tutti i dati societari relativi al bilancio e allo stato patrimoniale dell’azienda. Per farlo al meglio, si può ricorrere al conto dimostrativo gratuito di eToro, che è in grado di fornire una panoramica dettagliata sulla situazione di Uber.

La prima cosa da considerare è la capitalizzazione di mercato che si attesta intorno agli 87,73 miliardi di dollari e un totale dei ricavi, relativi all’esercizio in chiusura, di 13.13 miliardi.

Azioni Uber: Dati societari
Azioni uber: Dati societari 2017/2020

Proseguendo, poi, con ecco i dati di bilancio Uber:

Periodo2017201820192020
Totale Ricavi7.93B11.27B14.15B11.14B
Profitto Lordo1.73B3.5B4.17B3.94B
Entrate operative-4.02B-2.48B-8.6B-4.32B
Proventi Netti-4.03B987M-8.51B-6.79B
Dati di bilancio Uber: periodo fiscale compreso tra il 2017 ed il 2020

Come è possibile notare dalla tabella, l’andamento dei ricavi è stato in rialzo fino al 2019, con una contrazione nel 2020, probabilmente dovuta alla pandemia che ha colpito duramente molti settori economici.

I dati riportati sono, comunque, di grande aiuto per definire al meglio la situazione economica di Uber. Nell’anno fiscale terminato il 31/12/2021, i ricavi di Uber sono diminuiti di circa il 21.26%, arrivando a un totale di 11.14 miliardi di dollari. I proventi netti, invece, hanno visto un aumento di 20.25%, toccando un totale di -6.79B. Infine, il patrimonio netto ha subito una contrazione del 9.41%, attestandosi a 13.75B, con l’utile per azione che è aumentato da -6.81 a -3.86. 

Azioni Uber: Modello di business

Il modello di business di Uber è sostanzialmente quello di un marketplace. Hanno sviluppato un’applicazione gratuita con lo scopo di mettere in contatto gli utenti con i driver, che paga una commissione sulla corsa. L’azienda propone a coloro che offrono servizi tramite loro, la possibilità di andare a completare la loro attività principale, garantendogli un’entrata supplementare.

Nel 2014, la società decide di ampliare la sua proposta fondando UberPool, un servizio ancora più economico che permette agli utenti di condividere la corsa con chiunque debba andare nella stessa direzione. Con il passare del tempo, però, Uber ha continuato ad ampliare la sua attività, espandendosi anche a servizi come la consegna di cibo a domicilio, con Uber Eats. Per questo motivo, ora il target principale di Uber non è costituito solo dai driver, ma anche dai rider.

Ma l’ampliamento di Uber non finisce qui. Sono, infatti, stati fondati anche altri servizi come:

  • Uber Freight, per supportare le aziende di trasporti;
  • Uber Business, che ha come finalità quella di organizzare dei viaggi di lavoro;
  • Uber Cash, per poter semplificare i pagamenti e ottenere dei punti da convertire poi in soldi o sconti;
  • Uber Air, per poter garantire gli stessi servizi di Uber ma via aerea.
Uber business Model
Modello business Uber

L’espansione di Uber procede senza sosta, nonostante alcuni problemi in mercati come, appunto, l’Italia, nel quale ha dovuto fronteggiare l’ira dei tassisti già attivi nel settore, oltre che dover giustificare la validità e legittimità del suo stesso business model.

Azionariato Uber

In un’analisi fondamentale che si rispetti non può assolutamente mancare un approfondimento sulla struttura dell’azionariato di Uber. Si tratta di un aspetto davvero importante da considerare, in quanto utile per poter constatare l’effettiva solidità della società, attributo che la renderebbe molto più appetibile in un’ottica di investimento.

Tipologia di Azionisti:% Posseduta
Azioni possedute da tutti gli insider0,44%
Azioni possedute dalle istituzioni:75,17%
flottante posseduto dalle istituzioni75,50%
Tipologia di azionisti Uber

Dalla tabella appena riportata si evince quanto l’azionariato di Uber sia formato principalmente dalle istituzioni. Una peculiarità, questa, che va a confermare il forte interesse per l’attività aziendale, che si sta espandendo sempre più in diversi paesi del mondo.

Di seguito si riporta un ulteriore dettaglio circa i maggiori investitori istituzionali di Uber, così da poter comprendere al meglio quanto appena detto.

Principali AzionistiAzioni% in uscitaValore
SB Investment Advisers (UK) LTD129.116.0616,66%6.471.296.977
Morgan Stanley125.630.4836,48%6.296.599.807
FMR, LLC82.399.5524,25%4.129.865.546
Principali azionisti istituzionali Uber

Oltre ai maggiori azionisti istituzionali, è molto importante evidenziare anche la presenza dei fondi comuni d’investimento nell’azionariato complessivo di Uber. Si tratta, anche in questo caso, di un interesse verso questa azienda e, soprattutto, sullo sviluppo futuro che i suoi titoli potrebbero avere in futuro.

Azionisti Fondi ComuniAzioni% in uscita Valore
Vanguard Total Stock Market Index Fund36.993.1201,91%1.854.095.174
Fidelity Blue Chip Growth Fund22.178.5531,14%868.068.564
Vanguard Extended Market Index Fund21.041.6391,09%1.054.606.946
Principali azionisti Fondi Comuni Uber

Sebbene si sia largamente discusso di quanto anche personalità di un certo rilievo abbiano deciso di puntare su Uber, l’andamento del titolo ha incuriosito anche moltissimi trader retail, che puntano ad azioni prettamente speculative servendosi di broker sicuri e affidabili come eToro.

Uber: principali competitors

Tra i competitor diretti di Uber certamente appariranno le numerose aziende che offrono servizi di taxi. La base della concorrenza, in questo caso, si sviluppa interamente sul costo del servizio, che risulta essere generalmente inferiore per quanto riguarda Uber. Le aziende, come anche i privati, che offrono servizi di taxi potrebbero essere avvantaggiati da alcuni punti di vista, come ad esempio:

  • La possibilità di utilizzare corsie preferenziali;
  • Tempi di percorrenza minori, come conseguenza del punto 1;
  • Maggiore affidabilità dovuta al possesso di una licenza.

Per ovviare a quest’ultima problematica, Uber ha provveduto a inserire un apposito sistema di valutazione per permettere agli utilizzatori di esprimere la loro opinione circa il servizio ricevuto dai driver. Per quanto riguarda il settore ride-sharing, però, i competitor non si limitano solamente a coloro che offrono servizi di taxi, ma anche ai seguenti attori del settore:

  • Altre aziende di ride-sharing, come Lyft, Bolt, Ola Cabs e Grabs, sparsi in diverse parti del mondo;
  • Trasporto pubblico, un servizio sostitutivo che può essere visto come un competitor per Uber.

Passando, invece, al settore dei servizi di consegna a domicilio, sicuramente sono diversi i competitor con i quali l’azienda dovrà scontrarsi. Per il solo mercato italiano, appaiono:

Sono davvero molte, allora, le considerazioni e le analisi da fare sui singoli titoli che competono direttamente con Uber prima di procedere con le operazioni di investimento, così da poter capire al meglio come potersi orientare correttamente sul mercato.

Azioni Uber: Partnership e alleanze strategiche

Dalla sua nascita fino ai giorni nostri, Uber ha avuto la possibilità di stringere numerosi accordi con partner davvero molto importanti, al punto da poter essere considerati il vero e proprio motore che ha condotto l’azienda al successo. In effetti, sono moltissime le aziende in tutto il mondo che hanno voluto supportare Uber, contribuendo notevolmente allo sviluppo del suo business. Si sono succeduti tra i risparmiatori personalità come Jeff Bezos, il fondatore Amazon, il fondo sovrano del Qatar, come anche lo stesso Google.

Si tratta di un business nel quale in molti hanno creduto e che, tutt’ora, continuano a sostenere. Basti pensare che, solo nel 2014, la società riuscì a chiudere un round finanziario del valore di 1.2 miliardi di dollari, che la portò a superare i precedenti record detenuti da aziende come Facebook e Airbnb.

Da quando è approdato in Italia, invece, nonostante tutte le vicissitudini affrontate, l’azienda è riuscita a distinguersi ugualmente per accordi davvero molto significativi con le seguenti aziende:

  • Microsoft e Outlook. La collaborazione con il colosso dell’informatica è stata realizzata con l’obiettivo di  implementare nel calendario di Outlook uno spazio apposito per gli appuntamenti di Uber;
  • Jobyourlife, una famosa agenzia interinale che ha stretto una partnership con Uber per elargire un buono di 20 euro ai lavoratori assunti tramite Jobyourlife, raggiungerà il proprio ufficio utilizzando i servizi Uber.

Se è vero, dunque, che le performance finanziarie di Uber negli ultimi anni non sono state sempre in positivo, l’azienda continua comunque ad avanzare cercando di espandere la propria presenza su diversi mercati mondiali. La capacità di stabilire diverse partnership con aziende di un certo calibro sicuramente farà la differenza, come è stato fino a questo momento.

Analisi tecnica azioni Uber (UBER)

Una buona analisi tecnica, così come è stata presentata fino a questo momento, è uno strumento davvero imprescindibile per ogni investitore che intenda conoscere nel dettaglio quali possano essere i possibili margini di crescita dell’azienda che si sta prendendo in considerazione. Per poter completare questo approfondimento, sarà necessario considerare anche un approccio decisamente più analitico, ovvero l’analisi tecnica delle azioni Uber.

Questa comprenderà una sezione appositamente dedicata a grafici ed indicatori di trading, ricavati da broker affidabili e tra i migliori del settore come Capital.com. In questo modo si potranno evidenziare quali sono i trend preponderanti, evidenziando anche quelli che sono i segnali di trading, ovvero dei segnali grafici derivanti dall’utilizzo di uno o più indicatori, che evidenziano i migliori periodo per entrare o uscire dal mercato di riferimento.

Un’efficace analisi tecnica permetterà agli investitori di limitare il rischio operativo derivante naturalmente dagli investimenti, così da poter ottenere anche una tempistica più corretta per le operazioni di trading. Infatti, l’analisi tecnica sulle azioni Uber viene condotta prendendo in esame il breve, medio e lungo periodo.

Analisi tecnica azioni Uber di breve periodo

Se gli obiettivi principali dell’investitore mirano a ottenere dei risultati nel più breve tempo possibile, sicuramente si dovrà puntare su operazioni veloci e utilizzare strategie che puntino sui CFD. Per investire secondo tale approccio, bisognerà effettuare l’analisi tecnica di breve periodo sulle azioni Uber.

Impostando il grafico degli andamenti del titolo su un intervallo di circa 10 minuti e, ampliando l’indicatore di trading più consono, si potranno notare facilmente i momenti nei quali sarà più conveniente vendere o acquistare i titoli. L’immagine seguente è stata realizzata dal conto virtuale gratuito e illimitato del broker eToro, con il quale si può verificare come può essere svolta un’analisi tecnica di breve periodo sulle azioni Uber:

Azioni Uber analisi tecnica di medio periodo
Analisi tecnica di breve periodo sul titolo Uber

Nel grafico appena mostrato è stato utilizzato l’indicatore Alligator, che permette di identificare i momenti più salienti dell’andamento del titolo Uber, per poter individuare i migliori momenti di ingresso o di uscita, come anche i livelli di volatilità che caratterizzano il mercato. L’indicatore Alligator, come si evince dal grafico, è formato da tre medie mobili differenti in grado di fornire diverse informazioni utili all’analisi in corso. Le medie possono essere identificate come: lenta (blu); Normale (rosso) e veloce (verde).

Come è possibile verificare, se la media blu è presente nella parte superiore del grafico incrociano le altre due media dall’alto verso il basso, allora si è in presenza di un possibile ribasso del titolo nel breve termine. Se, viceversa, dovesse essere la media veloce a tagliare il grafico mantenendo la posizione più alta, si avrà un segnale di rialzo. Questa facilità di lettura rende l’Alligator uno degli indicatori più completi e intuitivi da interpretare, utile per poter notare a colpo d’occhio le oscillazioni e le inversioni di trend delle quotazioni delle azioni Uber.

Se si ha intenzione di operare con i CFD, allora, si potranno sfruttare tutte le informazioni rilevate dall’analisi tecnica di breve termine, effettuando le proprie speculazioni sui movimenti di ribasso e di rialzo dell’asset in questo arco temporale ristretto.

Potrebbe interessarti anche:

Analisi tecnica azioni Uber di medio periodo

L’analisi tecnica di medio periodo sarà, invece, utile a tutti quegli investitori che intendono sapere quale sia l’andamento delle azioni Uber in un periodo di tempo leggermente superiore. In questo caso, l’analisi tecnica si baserà sull’analisi di un grafico estrapolato dal conto dimostrativo gratuito di eToro, che terrà conto di un arco temporale che sarà compreso tra i 15 minuti e 4 ore, utilizzando, in particolare, le Bande di Bollinger.

Azioni Uber analisi tecnica di medio periodo
Analisi tecnica di medio periodo sul titolo Uber

Grazie all’utilizzo di questo particolare indicatore si possono individuare tutti i segnali che indicano un cambiamento nel trend di un titolo, in associazione anche ai livelli di volatilità dello stesso. La linea centrale rappresenta graficamente l’indicatore ed è sostanzialmente una media mobile a 20 periodi, mentre “l’alone” grigio che la circonda altro non è che una rappresentazione delle Bande di Bollinger, che informa sul livello di volatilità. Più l’alone grigio è ampio, maggiore sarà la volatilità presente nel mercato in quel momento esatto.

Nel grafico estratto da eToro è possibile notare chiaramente quali sono i momenti esatti in cui si presenta un’inversione del trend, correlati anche ai livelli di volatilità. Gli indizi principali generati dall’indicatore Bande di Bollinger, emergono sostanzialmente quando le “candele”, che nel grafico rappresentano i prezzi, vanno a intersecare l’alone grigio della volatilità fuoriuscendone, come indicato dai cerchi rossi. 

Analisi tecnica azioni Uber di lungo periodo

Si conclude, infine, l’analisi tecnica con uno studio sugli andamenti del titolo Uber in un periodo di tempo più lungo. Da ciò, si potrà capire se l’asset oggetto dello studio possiede tutte le carte in regola per poter garantire una crescita significativa nel tempo. Si tratta di uno step conclusivo per poter verificare quanto si è esaminato durante l’analisi fondamentale, con l’obiettivo di migliorare sensibilmente le possibilità di profitto su operazioni inerenti le azioni Uber.

Effettuare un’analisi di lungo periodo quanto più corretta e precisa possibile è davvero fondamentale per poter cogliere al meglio tutte le sfaccettature necessarie per costruire una prospettiva concreta sulle possibilità di crescita di un titolo finanziario. Per questa ragione ci si servirà di un grafico che riporti gli andamenti dei titoli Uber in un periodo che può variare da 1 giorno fino a un’intera settimana, utilizzando come indicatore quello della Media Mobile. Un esempio di un grafico di questo tipo può essere osservato di seguito, realizzato grazie al conto dimostrativo gratuito e ILLIMITATO eToro:

Analisi tecnica di lungo periodo azioni Uber
Analisi tecnica di lungo periodo sul titolo Uber

Come anticipato in precedenza, è stata utilizzata la Media Mobile, che è sicuramente uno degli indicatori maggiormente utilizzati nel campo del trading. Grazie a esso sarà davvero semplice delineare l’andamento dei prezzi delle azioni Uber nel corso del tempo. Com’è possibile notare dal grafico, sono stati presenti dei trend ribassisti del mese di maggio 2020, come anche un trend in rialzo nel periodo di luglio dello stesso anno.

Queste affermazioni nascono dall’intersezione dell’indicatore Media Mobile con il grafico sull’andamento dei titoli Uber. Ogni punto di contatto dà vita a quei segnali di uscita o ingresso nel mercato, così da poter condurre l’investitore interessato a effettuare trading DMA nel lungo periodo verso investimenti quanto più consapevoli e ragionati possibile.

Azioni Uber: Target Price e Prospettive future

Dopo aver portato a termine tutte le analisi necessarie per una valutazione da svolgere in una fase di pre-investimento, è buona norma cercare di confrontare quanto emerso con quelle che sono le previsioni di prezzo obiettivo, o target price, fornite dagli analisti finanziari.

I target price sono, in sostanza, dei livelli di prezzo ritenuti plausibili da diversi analisti, considerando ovviamente tutte le caratteristiche proprie delle azioni Uber, in termini sia macro che micro economiche. Si tratta, quindi, di obiettivi di prezzo che vengono fissati per il futuro di questa azienda grazie ai quali si potranno verificare le strategie di trading che si intende mettere in atto.

Target price azioni Uber (UBER)

Target Price BassoTarget Price MedioTarget Price Alto
34.0070.00$82.00$
Target price – MEDIO PERIODO azioni Uber a cura di InvestimentiFinanziari.net

Attualmente, la quotazione del titolo Uber si attesta a 47,19$ per ogni asset. Consci di questa informazione e anche delle oscillazioni che il prezzo dei titoli hanno avuto nelle settimane appena trascorse, è possibile effettuare un paragone tra i target price per poter ricavare quella che è l’opinione finale espressa dagli esperti del settore. Si potrà, così, notare una stima di prezzo orientata al rialzo, con un target price di 70.00$, un obiettivo da poter raggiungere nel medio periodo.

Va ovviamente sottolineato che tutti i dati appena riportati hanno una connotazione prettamente previsionale. Per questo non vanno assolutamente concepiti come consigli di investimento in senso stretto. Come ben si sa, i mercati finanziari sono soggetti a numerosi cambiamenti e a inversioni di trend che non sempre è possibile prevedere. Per questa ragione, l’unico modo che si ha per tutelarsi e cercare di fare degli investimenti quanto più possibile consapevoli è studiare approfonditamente le dinamiche aziendali e del mercato di riferimento.

Nota sull’aggiornamento dei dati: tutte le informazioni fin qui riportate, come anche tutti i dati relativi alle azioni Uber, vengono elaborate e costantemente aggiornate da esperti del settore finanziario, per poter continuare a offrire delle informazioni sempre utili nella fase del pre-investimento.

Azioni Uber Previsioni 2022 / 2023

Stando a tutte le analisi svolte fino a questo momento, unitamente ai dati sui target price forniti da analisti finanziari , si può desumere che l’andamento dei prezzi delle azioni Uber possa avere un risvolto positivo nei prossimi anni. Nonostante il trend non esattamente positivo nell’anno 2020, sembrerebbe che l’anno corrente stia, invece, ribaltando le carte in tavola facendo ben pensare a un trend in rialzo per quanto riguarda le azioni Uber.

Di seguito un grafico previsionale realizzato grazie agli strumenti messi a disposizione dal conto demo gratuito eToro:

Azioni Uber previsioni 2022/23
Azioni Uber Previsioni 2022/23 a cura di InvestimentiFinanziari.net

Si potrebbe, quindi, affermare che nei prossimi anni le azioni Uber possano toccare la soglia dei 50$, per poi continuare ad aumentare fino a superare quella dei 60$, molto vicina dunque al target price indicato dagli analisti finanziari. Volendo ipotizzare un andamento alternativo, si potrebbe pensare a un andamento perlopiù lineare, tenendosi sulla stessa quotazione per alcuni mesi, per poi trovare lo slancio necessario per potersi poi innalzare fino alla soglia dei 70$ circa.

Tutte le informazioni fin qui esposte, però, non sono da considerarsi strumenti sostitutivi di una buona e consolidata esperienza nella gestione di diversi strumenti operativi. Ed è proprio per questo che le migliori piattaforme di trading online, visionate all’inizio del presente articolo, hanno elaborato una serie di servizi per poter avvantaggiare i propri clienti. Iscriversi, per esempio, a un conto demo gratuito come quello messo a disposizione da Capital.com potrebbe essere una scelta a dir poco consigliabile per poter mettere alla prova le proprie conoscenze.

Comprare azioni Uber conviene?

Arrivati a questo punto dell’approfondimento, potrebbe sorgere naturale una domanda come “Conviene comprare azioni Uber?”.

Ogni trader o aspirante tale, però, sa bene quanto sia difficile dare una risposta univoca a quesiti di questo genere, poiché devono essere considerati moltissimi fattori. Rimane, però, possibile tirare le somme di quanto appena detto per poter dare un giudizio complessivo.

Sebbene Uber abbia attraversato periodi non esattamente positivi, dovuti anche alla particolare situazione pandemica che ne ha arrestato l’avanzare, il trend generale dell’azienda sembra essere in netto miglioramento. Sicuramente, uno degli intenti dell’azienda è quello di ampliare la propria posizione sul mercato, oltre che consolidarla. Per queste ragioni, sembrerebbe proprio che le azioni Uber possano portare a un buon margine di guadagno nel prossimo futuro per coloro che decideranno di investire in questa società.

Considerazioni finali

Come ampiamente emerso nel corso dell’articolo, è evidente quanto siano molti gli investitori ad aver creduto in Uber, sia agli albori della sua creazione, sia nel corso degli anni continuando a finanziare l’attività. Stiamo parlando di un’azienda che è stata in grado di diversificare il proprio business e che ha intenzione di consolidarsi sempre più nei mercati di suo interesse.

Per questa ragione, ad oggi, non sono interessati all’azienda solamente investitori istituzionali, ma anche trader del livello retail, che riescono a vedere in Uber una possibilità di profitto che può variare dal medio al lungo termine, a seconda della strategia e degli asset con i quali si intende operare.

Dalle analisi svolte emerge, dunque, un profilo economico davvero interessante, che è stato poi confermato dalle previsioni dei migliori analisti di settore circa i prezzi che le azioni Uber possono raggiungere con il passare del tempo.

Si vuole ricordare, in questa sede, che avere un portafoglio quanto più diversificato è la base per poter andare a diminuire il rischio complessivo del proprio portafoglio, per questo motivo si consiglia di tenere in considerazione quanto detto per poter operare secondo questo principio.

FAQ – Azioni Uber: Domande e Risposte Frequenti

Dove comprare azioni Uber?

Per acquistare azioni Uber dovrai assicurarti di rivolgerti a piattaforme di trading che ti consentano di farlo in assoluta legalità e sicurezza. Per assicurarti di ciò, verifica sempre che il broker prescelto sia autorizzato dalla CONSOB o CySEC.

Conviene investire in azioni Uber?

Valutare di orientare parte dei propri investimenti sulle azioni Uber potrebbe essere una buona idea, soprattutto se calata in una strategia di operazioni finanziarie più complesse che possa portare al raggiungimento degli obiettivi di trading prefissati.

Qual è il Target Price delle azioni Uber?

Così come confermano le previsioni di Borsa, gli analisti prevedono un target price alto di medio periodo per le azioni Uber pari a $70, con una stima più bassa di $34.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.