InvestimentiFinanziari.net
Gli Investimenti Finanziari a 360°.

Large Cap

Il mondo del trading è vasto e diversificato e ci sono diverse tipologie di azioni su cui puntare. Molti trader preferiscono dare fiducia alle piccole e medie imprese in attesa di una loro crescita, altri invece puntano su aziende più solide e già affermate: le Large Cap.

Le Large Cap sono le aziende ad alta capitalizzazione, ossia, quelle società che hanno un valore che va oltre i 10 miliardi di dollari. Si tratta di realtà solide e longeve che sono riuscite a farsi strada negli anni e ad assumere una posizione importante nel settore di appartenenza e sui mercati in generale.

Chiaramente, investire in Large Cap non vuol dire necessariamente puntare su un cavallo vincente. Anche in questo caso c’è bisogno di individuare le migliori opportunità di trading ed operare sui mercati con una strategia di trading adeguata. Con un’attenta analisi finanziaria e gli strumenti giusti, sarà possibile costruire un portafoglio di azioni large cap ampio ed equilibrato. 

Large Cap – Riepilogo:

❓Cosa sono:Società quotate sui mercati con una capitalizzazione alta
💡Parametri:Fatturato di oltre 50 mln di EUR;  minimo 3000 dipendenti.
🏅Migliori Large Cap:Elenco migliori titoli Large Cap
💡Dove investire Migliori piattaforme Large Cap
Opinioni⭐⭐⭐⭐⭐
Principali caratteristiche introduttive Large Cap

Large Cap: Definizione

Se si vuole trarre beneficio da un investimento in Large Cap, sarà necessario sapere di cosa si tratta e come individuare le migliori aziende ad alta capitalizzazione su cui fare affidamento. Con la definizione Large Cap ci si riferisce a tutte quelle azioni relative alle aziende che prevedono una capitalizzazione di mercato di elevate dimensioni. Nello specifico, una compagnia può essere definita tale se il valore di tutte le sue azioni in circolazione rientra in una cifra che va dai 10 mrd a 200 mrd USD.

Cosa sono le azioni Large Cap e guida alle migliori da parte di InvestimentiFinanziari.net
Cosa sono le azioni Large Cap e guida alle migliori da parte di InvestimentiFinanziari.net

Il cosiddetto market cap, infatti, è uno dei principali elementi di riferimento per definire una società quotata in borsa in base alle sue dimensioni. In base questo criterio le aziende si possono così suddividere:

  • Aziende a micro capitalizzazione (con una capitalizzazione inferiore a 300 mln USD);
  • Aziende a bassa capitalizzazione (da 300 mln a 1 mrd USD);
  • Aziende a media capitalizzazione (da 1 mrd a 10 mrd USD);
  • Aziende a grande capitalizzazione (da 10 mrd a 200 mrd USD);
  • Società Mega cap (oltre i 200 mrd USD).

In genere si pensa che le aziende siano suddivise in bassa, media e alta capitalizzazione, ma non è così. Oltre a queste, infatti, ci sono altre due categorie marginali: Micro Cap, che si trovano appena sotto le Small Cap e sono le aziende esordienti con una capitalizzazione molto bassa, e le Macro Cap che sono colossi mondiali con una capitalizzazione da record come Tesla, Amazon, Meta (ex Facebook). Di norma, Large Cap e Mega Cap sono accomunate da caratteristiche simili e differiscono solo per grandezza del capitale. 

Parametri per definire una Large Cap

Per definire in modo più specifico una Large Cap non basta fare riferimento alla capitalizzazione di mercato. Occorre, infatti, considerare alcuni parametri che permettono di identificare queste aziende e collocarle in una determinata categoria.

Ad esempio, il fatturato e il numero di dipendenti hanno particolarmente peso. Un’azienda con un capitale elevato, infatti, ha avuto una crescita esponenziale nel tempo dovuta anche a volumi di vendita alti che hanno incrementato il fatturato. Allo stesso modo, espandendosi e crescendo, ha dovuto di conseguenza incrementare il numero di dipendenti.  

In linea di massima, per includere una società nella categoria Large Cap, è necessario che questa rientri in determinate cifre sia per il fatturato che per i dipendenti:  

  • Fatturato Large Cap: il fatturato di una Large Cap mediamente tende a superare i 50 mln EUR, con un bilancio generalmente superiore ai 43 mln EUR;
  • Dipendenti  Large Cap: Per quanto riguarda il numero di dipendenti, invece, per le aziende ad alta capitalizzazione tende ad avere un numero minimo di 3000 dipendenti, senza limiti massimi. 

I numeri di fatturato e dipendenti, in questo caso, sono riportati solo tenendo conto delle cifre minime perché una Large Cap può crescere esponenzialmente senza che siano posti limiti di definizione. Inoltre, occorre sottolineare che la differenza tra Large Cap e Macro Cap è talmente sottile, che molti esperti tendono a non considerarle come categorie separate. 

Dove comprare azioni Large Cap: Migliori piattaforme consigliate

Migliori piattaforme per LARGE CAP [CLASSIFICA 2022]

TRADING

Voto: 10/10

Tipo: CFD / DMA

Licenze: FCA / CYSEC / ASIC

Demo: 100.000$

VANTAGGI:

  1. Copia Trader Migliori
  2. App Gratis
  3. Portafogli gestiti
  4. Azioni pure a 0 spese
TRADING

Voto: 9,9/10

Tipo: Market Maker CFD

Licenze: FCA / CYSEC

Demo: Illimitato

VANTAGGI:

  1. Intelligenza Artificiale
  2. App Gratis
  3. Zero commissioni
  4. Formazione avanzata
TRADING

Voto: 9,9/10

Tipo: STP / DMA

Licenze: FCA / CYSEC / ASIC

Demo: 100.000$

VANTAGGI:

  1. Trading Automatico
  2. Expert Advisor e Segnali
  3. Spreads bassi
  4. Social e CopyTrading
TRADING

Voto: 9,7/10

Tipo: Market Maker CFD

Licenze: FCA / CYSEC

Demo: 10.000$

VANTAGGI:

  1. Social Trading
  2. Conto VIP
  3. Deposito 10€
  4. Trade min. 1€
TRADING

Voto: 9,5/10

Tipo: CFD / DMA

Licenze: FCA / CYSEC

Demo: 100.000$

VANTAGGI:

  1. Segnali gratuiti
  2. MetaTrader 4
  3. Live Coaching
  4. Azioni reali DMA

Per investire in Large Cap in maniera vantaggiosa, occorre affidarsi a intermediari finanziari che permettano un accesso ai mercati sicuro ed efficace. Nella tabella sono riportate le migliori piattaforme di trading online per investire in Large Cap.

Si tratta di broker online certificati dalle principali autorità internazionali che permettono di fare trading in modo sicuro e legale. Tra i vantaggi di queste piattaforme ci sono i servizi che esse offrono, grazie ai quali è possibile operare sui mercati con strategie efficienti, materiale informativo e prezzi vantaggiosi. 

Tra queste spiccano alcune piattaforme particolarmente in voga tra i trader come FP Markets (vai qui per il sito ufficiale), un broker che offre servizi adatti a tutte le tasche e a trader di tutti i livelli. Uno dei principali punti di riferimento della piattaforma, infatti, è proprio la particolare attenzione alle esigenze del cliente che si esplicita in un servizio clienti attento e costante, disponibile in diverse lingue, oltre ad una vasta gamma di servizi utili. Ad esempio, i trader più esigenti potranno avere accesso a strumenti avanzati, sia sulla piattaforma proprietaria che integrando i servizi di IRESS e Metatrader. Tanti altri servizi si possono scoprire aprendo un conto dimostrativo gratuito

I trader meno esperti, invece, potranno contare sull’offerta di Capital.com (vai qui per visitare il sito), un broker multi asset affidabile che offre un’ampia scelta di servizi a prezzi particolarmente contenuti. La piattaforma è intuitiva e facile da usare, pensata proprio per i trader alle prime armi che intendono accrescere gradualmente le loro conoscenze. Infatti, la sua sezione formativa è il punto forte dell’intera piattaforma.

Qui è possibile trovare ebook e video lezioni gratuite a tema trading per accompagnare gli utenti nelle varie fasi del loro percorso. Il materiale è indirizzato a vari livelli, per cui, la piattaforma si adatta anche ai bisogni degli investitori più esperti che vogliono integrare le proprie conoscenze. Tutto ciò che Capital.com ha da offrire, si può scoprire aprendo un conto demo gratuito. 

Investire in Large Cap con eToro

Tra le piattaforme elencate, occorre menzionare a parte eToro (panoramica del sito qui), la piattaforma di trading più gettonata al mondo, con milioni di utenti attivi e un’ampia scelta di servizi accattivanti e innovativi. eToro, infatti, ha all’attivo molti premi e possiede diverse certificazioni per poter esercitare in diversi paesi. Le sue commissioni competitive, poi, lo rendono accessibile anche ai trader che non dispongono di ingenti capitali da investire. 

Investire in large cap con eToro
eToro: il broker consigliato per investire in large cap

Una delle particolarità di eToro è la sua piattaforma che funziona come un Social Network. Questa funzione si chiama Social Trading e permette agli utenti di restare in contatto tra loro, condividere opinioni e commenti sulle performance, consultare e condividere notizie di mercato. Esiste anche una figura che agisce come un Influencer: il Top Investor. Si tratta di trader che si distinguono per i loro investimenti e che possono fungere da ispirazione per altri investitori meno esperti. 

Il ruolo del Top Investor è determinante nella funzione più nota di eToro: il Copy Trading (puoi testarlo qui gratuitamente). Questo strumento consiste in un algoritmo che permette di copiare in modo automatico tutte le operazioni di trading del Top Investor selezionato. In questo modo, anche utenti meno esperti potranno ottenere risultati da professionisti. Per provare queste funzioni e tante altre ancora offerte dalla piattaforma, è possibile aprire un conto demo gratuito e illimitato che mette a disposizione degli utenti un fondo virtuale a utilizzare per simulare investimenti. 

Leggi anche: eToro opinioni

Come investire in Large Cap

Dopo la ricerca dell’intermediario adatto, occorre porsi degli obiettivi di trading per mettere in atto la strategia migliore. Pertanto, bisogna individuare i modi in cui accedere ai mercati. Nello specifico, le strade da prendere sono due:  

  • Trading CFD: che si applica a investimenti sul breve periodo e permette di speculare sulle variazioni dei prezzi di un asset sui mercati;
  • Trading DMA: adatto al lungo periodo e permette di comprare azioni reali per accesso diretto ai mercati. 

Se si decide di investire in Large Cap tramite CFD, si avrà accesso ai mercati in modo rapido e flessibile. I CFD (Contract for Difference), sono strumenti derivati che permettono di investire in un titolo senza acquistarne realmente le parti. In questo modo, il profitto sarà dato dalle variazioni di prezzo giornaliere, e si potrà investire sia sul ribasso, tramite short selling, che sul rialzo tramite long buy.

Il trading DMA, invece, offre un’esposizione sul lungo periodo dato che si basa sulla crescita nel tempo di azioni acquistate direttamente. Ciò significa che si diventa azionisti di una società e si possono percepire dividendi. Questa tipologia di trading, chiaramente, permette di beneficiare solo del trend in rialzo. 

Investire in azioni Large Cap: Migliori titoli 2022

Le azioni Large Cap sono quelle più affermate sui mercati borsistici e, scegliendo quelle giuste, si possono ottenere profitti interessanti. Chiaramente, non tutte le Large Cap sono convenienti e, per scegliere quelle migliori, occorre fare un’accurata selezione e uno studio approfondito dei mercati. Gli esperti di InvestimentiFinanziari.net, in questo caso, hanno selezionato le migliori azioni Large Cap in cui investire nel 2022 che saranno qui analizzate e presentate nel dettaglio.

Large Cap – Migliori titoli 2022:

📈Titolo📄ISIN e Ticker💸Mercato di riferimento💰Capitalizzazione⭐Rating
Mercado LibreMELIUS58733R1023NASDAQ55,06 Mrd USD⭐⭐⭐⭐⭐
WalmartWMT US9311421039NYSE375,39 Mrd USD⭐⭐⭐⭐
StellantisSTLA NL00150001Q9NYSE53 mrd USD⭐⭐⭐⭐
StarbucksSBUXNASDAQ107,82 Mrd USD⭐⭐⭐⭐
Large Cap: Migliori titoli 2022

Mercado Libre  

Una delle Large Cap più promettenti del momento, fa parte delle cosiddette azioni LATAM, ossia, del mercato dell’America Latina che sta trovando un ottimo riscontro a livello mondiale. Tra i protagonisti di questo mercato c’è Mercado Libre, uno dei titoli più interessanti del settore e-commerce. L’azienda, nel giro di pochi anni è cresciuta esponenzialmente, tanto da guadagnarsi l’appellativo di “Amazon Sudamericana”.

In effetti, Mercado Libre ha degli elementi che la accomunano ad Amazon ed altri che la avvicinano a e-Bay, offrendo un servizio di successo. L’azienda rientra nella categoria delle Large Cap con una capitalizzazione di mercato di oltre 55 miliardi di USD e, nonostante sia già ben affermata, mostra una rapida crescita che potrebbe portarla presto tra le Mega Cap. 

Nonostante faccia parte delle azioni Sud Americane, la società è quotata al NASDAQ, a conferma dell’interesse che suscita anche sui mercati internazionali. Tra i punti di forza di Mercado Libre c’è un servizio di pagamento proprietario chiamato MercadoPago, che permette di controllare le transazioni sul sito ed è diventato un sistema di pagamento anche esterno alla piattaforma, utilizzato in tutto il Sud America per diversi circuiti. Pur trattandosi di una Large Cap, Mercado Libre è ancora in fase di crescita e mostra una certa volatilità sul medio periodo, come si può vedere nel grafico dell’analisi tecnica:

Mercadolibre Large Cap
Large Cap: Analisi tecnica azioni Mercadolibre

Nel grafico, appartenente ad un conto demo gratuito eToro, è possibile individuare delle ampie oscillazioni di prezzo dovute ad un’elevata volatilità. In particolare, si può notare un importante ribasso nei primi giorni di febbraio 2022, seguito da una correzione al rialzo. Tuttavia, il trend in rialzo presenta delle oscillazioni frequenti, pertanto, se si decide di inserire questo titolo nel proprio portafoglio, bisogna valutare bene il margine di rischio. Nonostante queste incertezze, gli analisti ritengono che Mercado Libre sia un titolo dal potenziale elevato e che conviene prenderlo in considerazione per i propri investimenti. 

Starbucks 

Un altro titolo da tenere in considerazione per investire in Large Cap nel 2022 è Starbucks, la nota multinazionale statunitense che ha rivoluzionato il settore della caffetteria. La società, infatti, ha sempre mostrato performance da record dal 1992, anno in cui è avvenuta la sua IPO. Nonostante qualche incertezza nel corso del 2020 a causa della pandemia, non cessa di essere uno dei titoli ad alta capitalizzazione più interessanti.  

Starbucks, in effetti, è un esempio lampante di Large Cap che continua ad offrire un costante volume di crescita, nonostante sia ormai ben radicata sui mercati borsistici. Questo suo successo è dovuto alla sua capacità di innovazione costante ed espansione continua.

Ad esempio, è riuscita ad affermarsi sui mercati asiatici, in particolare in Cina, inoltre, ha lanciato una linea di prodotti da vendere online che si è rivelata fondamentale durante i periodi più difficili della pandemia. La sua espansione si è allargata anche verso altri orizzonti, con la vendita di accessori che ne portano il marchio e alcune iniziative tecnologiche. 

Starbucks fa parte di una tipologia di Large Cap molto competitiva: quella delle cosiddette “Dividend Aristocrat”. Si tratta di aziende che ogni anno registrano un aumento dei dividendi. È, quindi facilmente intuibile il peso che un titolo del genere potrebbe avere in un portafoglio azionario. Per capire meglio i livelli di crescita del colosso americano, si può dare un occhiata al grafico dell’analisi tecnica realizzato attraverso un conto di prova gratuito e ILLIMITATO eToro:

starbucks large cap
Large Cap: andamento del titolo statunitense Starbucks

Il grafico mostra l’andamento del titolo Starbucks nel corso dell’ultimo biennio. Si può notare la rapida ripresa dopo la battuta d’arresto del primo lockdown e la crescita progressiva fino al 2022. Malgrado qualche piccola oscillazione di prezzo, Starbucks mostra solidità e resilienza che sono ottime caratteristiche da valutare se si vuole inserire un titolo forte nel proprio paniere di azioni. 

Walmart 

Walmart è un’altra multinazionale Large Cap che risulta molto appetibile da un punto di vista finanziario. Opera nel settore della cosiddetta GDO, ossia, la Grande Distribuzione Organizzata, un sistema di vendite al dettaglio attraverso marchi e intermediari affermati. Walmart è tra le più grandi aziende al mondo per fatturato ed è tra le più competitive nel suo settore. Ad esempio, negli Stati Uniti ricopre un’area del 90%, con un punto vendita ogni 10 miglia. 

Uno dei principali motivi del suo successo è proprio la competitività settoriale e la capacità di sfruttare al meglio i rapporti con i partner. Tuttavia, se l’azienda si trova in questa lista non è solo per la sua grandezza attuale, ma anche per gli ottimi volumi di crescita e le prospettive future. Nei suoi progetti, infatti, c’è quello di ampliare il suo raggio settoriale entrando in campi molto diversi tra loro, ma che al momento sono tra i più proficui: quello sanitario e quello dei pagamenti digitali

Per il secondo, si è già spianata la strada grazie ad una piattaforma e-commerce che si è rivelata fondamentale per l’azienda nel corso degli ultimi due anni. Addirittura, in questo settore, in territorio statunitense, è seconda solo ad Amazon. La buona riuscita di questi progetti, porterebbe le azioni Walmart a livelli ancora più elevati di quelli attuali, con ottime opportunità di guadagno per gli investitori. Questi livelli di crescita si possono evidenziare anche nell’andamento del titolo in Borsa, indicato nel grafico sottostante, estratto da un account demo gratuito eToro:

Walmart azioni large cap
Large Cap: il caso esemplare Walmart

In questo caso si valuteranno i movimenti del titolo in prospettiva di una strategia sul breve periodo. le azioni Walmart, infatti, non mostrano un andamento giornaliero particolarmente volatile, pertanto, si presta bene a investimenti in day trading. Nel grafico sono evidenti entrambe le opzioni possibili: In una prima fase c’è un trend in ribasso, sul quale si può operare con CFD e vendita allo scoperto. Il rettangolo indica una correzione al rialzo che consente l’apertura di una posizione long buy. 

Stellantis

Stellantis è un’azienda automobilistica con una storia particolare. Fondata ufficialmente nel 2021, non è nata come realtà del tutto nuova, infatti, è frutto della collaborazione di altre società già radicate nel settore: 

  • FCA: nata a sua volta da un accordo di FIAT e Chrysler;
  • PSA: il gruppo che possiede molti marchi prestigiosi, tra cui la ben nota Peugeot. 

Stellantis, dal suo lancio sui mercati, ha suscitato da subito interesse negli investitori registrando una crescita di circa l’8% dalla sua IPO. Il progetto consiste nel lancio di una casa automobilistica legata a 14 brand mediante i numerosi stabilimenti di produzione fondati dalla compagnia. La solidità delle due aziende che hanno lanciato la società, unita al progetto ambizioso su cui si basa la stessa, sono indice di un alto potenziale di crescita delle azioni che la inseriscono tra i titoli più promettenti del momento. 

Nel seguente grafico, appartenente al conto di prova gratuito eToro, si può vedere la crescita del titolo Stellantis nell’ultimo anno: 

Azioni Stellantis
Large Cap: la cresita del titolo Stellantis (STLA)

Il grafico è basato sulle variazioni di prezzo delle azioni Stellantis sul lungo periodo. In questo caso, si analizza l’andamento a partire dal secondo trimestre del 2021. In questo periodo, infatti, si può notare la fine di una fase negativa segnata da una correzione di trend in rialzo, caratterizzata da una crescita progressiva del 183%.

In effetti, Stellantis ha una caratteristica particolare: presenta, infatti, il livello di crescita di un’azienda emergente dato che, ufficialmente, è stata lanciata sul mercato da poco, tuttavia, ha già la solidità di un’azienda affermata prendendo, quindi, le qualità di entrambe le realtà. Secondo le stime, questa crescita dovrebbe continuare anche nel corso del 2022 ponendo Stellantis tra le migliori azioni Large Cap su cui investire in questo momento. 

ETF Large Cap: su quali investire?

Per investire il Large Cap ci sono diverse opzioni, una tra le più vantaggiose riguarda gli ETF, dei fondi d’investimento a gestione passiva che consentono un’esposizione più ampia in un determinato settore. Nello specifico, gli Exchange Traded Fund permettono di investire in un intero paniere di titoli accomunati da alcune caratteristiche. In questo caso, la peculiarità a cui si fa riferimento è la capitalizzazione di mercato.   

Gli ETF replicano le performance di un indice borsistico e sono convenienti proprio perché danno accesso ad un intero paniere di titoli, ma sono quotati come un singolo asset finanziario. Infatti, in un singolo fondo, quindi in un intero paniere di azioni, si può operare in un singolo investimento, pagando una commissione di gestione annua (TER). 

Questi fondi si distinguono tra loro per alcune caratteristiche come modalità di replica e tipologia di dividendi. Ad esempio, i dividendi possono essere a distribuzione, come quelli delle normali aziende, e distribuiti agli azionisti periodicamente, oppure ad accumulazione, vale a dire, investiti nuovamente nella crescita del fondo.

La replica, invece, prevede due tipologie: quella fisica, in cui il fondo acquista direttamente i titoli presenti nel benchmark, e quella sintetica che prevede un contratto swap con una controparte. Gli ETF rappresentano un’alternativa particolarmente vantaggiosa perché permettono di realizzare investimenti ampi a costi accessibili. Inoltre, offrono un’ottima diversificazione che permette di ottenere un portafoglio equilibrato e proficuo. 

Chiaramente, se si parla di azioni Large Cap, si può intuire che ci sono molti indici in cui questi sono inseriti e, di conseguenza, anche gli ETF sono numerosi. Gli indici sulle Large Cap, in particolare, toccano molti settori e operano su molti paesi, questo significa che offrono una diversificazione particolarmente ampia. Tra i tanti ETF Large Cap esistenti, sono stati qui selezionati i migliori in cui investire nel 2022.

ETF Large Cap – Riepilogo

❓ETF📄ISIN📈Indice di riferimento💸Costo annuo
Vanguard Mid-Cap Index Fund ETFIE00B3XXRP09S&P 5000,86%
Fidelity ContrafundUS3160711095S&P 5000,07%
Tabella di riepilogo migliori ETF large CAP

ETF Vanguard S&P 500  

Il primo è un ETF indicizzato che intende replicare l’andamento dell’indice S&P 500. Lo stesso indice si basa su aziende ad alta capitalizzazione con focus Stati Uniti. Il sistema di replica scelto, in questo caso è fisica totale, questo significa che il fondo investe direttamente nella totalità dei titoli contenuti nell’indice. Il fondo risulta vantaggioso proprio per questo: con un costo annuo dello 0,7%, è possibile ottenere un’esposizione su un paniere di 500 titoli.

Il fondo ha patrimonio fiscale in Irlanda ed è attivo da oltre cinque anni. Le dimensioni sono molto grandi, con un patrimonio gestito di 28.778 mln di EUR. I dividendi, infine, sono a distribuzione con cadenza trimestrale.

Fidelity Contrafund  

Questo fondo si basa sullo stesso indice, S&P 500 ma con un approccio totalmente diverso. Non si tratta, infatti, del tipico fondo indicizzato ma di un fondo comune che investe in azioni Large Cap e Mega Cap, con l’intento di superare le performance dell’indice stesso. Anche per questo l’indice di spesa annua complessivo è più alto e tocca lo 0,85%.

Tuttavia, la sovraperformance basta a compensare le commissioni e può, quindi, portare guadagni particolarmente alti ai trader che sanno come operare su questo tipo di mercato. Negli ultimi 5 anni, il fondo ha sempre superato la performance dell’indice, affermandosi tra i migliori ETF Large Cap su cui investire.

Large Cap: come scegliere le migliori?

Come già accennato, quello delle Large Cap è un mercato molto vastoo e non è del tutto semplice individuare le migliori opportunità di trading. Sì tratta, infatti, di società tendenzialmente solide e stabili, ma con livelli di crescita lenti dato che hanno già raggiunto una certa soglia. 

Pertanto, scegliere le migliori non è così scontato. Bisogna, infatti, cercare di individuare quelle che possono offrire le migliori opportunità sul breve e sul lungo periodo. Per il breve periodo, basta cercare delle news utili e studiare le oscillazioni di prezzo giornaliere. Per il lungo periodo, invece, bisogna studiare lo storico dell’azienda, prendendo in esame i rendimenti nel corso degli anni confrontandoli tra loro. In particolare, i dati determinanti per scegliere una Large Cap sono, la crescita degli utili e i dividendi.

Crescita degli utili

Il prezzo delle azioni di una società, tendenzialmente, seguono l’andamento dei profitti della società stessa nel corso del tempo. Alla crescita dei guadagni, quindi, corrisponde un aumento del prezzo delle azioni. La differenza tra i guadagni e il costo, genera gli utili che sono un elemento determinante per individuare il valore e il potenziale di un’azienda. L’aumento degli utili nel tempo, quindi, è un indice di solidità e redditività per un’azienda. 

Dividendi

Le Large Cap sono aziende solide e affermate, pertanto, sono da valutare soprattutto in una prospettiva sul lungo periodo. Per questo motivo i dividendi sono importanti per scegliere su quale investire. I dividendi sono dei profitti che vengono distribuiti periodicamente agli azionisti. In genere, si tende a pensare che siano importanti soprattutto se si intende investire in Small Cap dato che vengono di solito utilizzati per comprare altre azioni a basso costo.

Tuttavia, hanno il loro peso anche nel caso in cui si decida di investire in Large Cap. Innanzitutto, un’azienda più grande tende a distribuire dividendi più ingenti. Poi, com’è già stato accennato, esistono delle aziende ad alta capitalizzazione che presentano una crescita progressiva dei dividendi di anno in anno. Questo significa che l’investimento tende a diventare via via più vantaggioso. 

Queste informazioni, unite ad un’accurata analisi tecnica e analisi fondamentale del titolo contribuiscono ad individuare le migliori opportunità d’investimento e realizzare un portafoglio di Large Cap interessante. 

Conviene investire in Large Cap?

Se da un lato i trader meno esperti sono portati a pensare che investire in azioni Large Cap porti guadagni sicuri, la panoramica fornita in questa guida smentisce totalmente questa affermazione. Ma quindi, investire in Large Cap conviene?

Innanzitutto occorre specificare che non esistono investimenti sicuri: il trading presenta sempre un certo margine di rischio e delle difficoltà, pertanto, non esistono cavalli vincenti su cui puntare. Tuttavia, individuare le azioni col potenziale maggiore è fondamentale e utile al fine di ottenere profitti. Le Large Cap, per le loro caratteristiche intrinseche, tendono a fornire ottimi spunti d’investimento. 

Si tratta, infatti, di titoli solidi e con una bassa volatilità. Questo significa che c’è minor rischio di perdite improvvise e maggiori possibilità di guadagno. Inoltre, trattandosi di aziende ad alta capitalizzazione, anche i costi delle azioni sono più alti e, di conseguenza, con le giuste valutazioni, i risultati potrebbero essere davvero vantaggiosi. 

L’ideale sarebbe costruire un portafoglio d’investimenti composto da azioni Large Cap, Mid Cap e Small Cap per ottenere un risultato ottimale tra equilibrio e diversificazione.

Considerazioni Finali

In questa guida sono state prese in esame le opportunità d’investimento che può offrire il mercato delle Large Cap, cioè, delle aziende ad alta capitalizzazione. In questa panoramica ben definita, sono stati forniti diversi strumenti utili per individuare le migliori azioni Large Cap in cui investire, ed anche per operare al meglio sui mercati in fase d’investimento.

Inoltre, è stata fornita un’analisi dettagliata delle migliori azioni Large Cap del momento, ed ulteriori alternative per ampliare ancora di più il proprio portafoglio: gli ETF. Seguendo quanto detto in questa guida ed affidandosi ai migliori broker online, sarà possibile investire in Large Cap in maniera vantaggiosa ed ottimale.

FAQ – Large Cap: Domande e Risposte Frequenti

Cosa sono le Large Cap?

Le Large Cap sono aziende ad alta capitalizzazione di mercato. Nello specifico, si può definire tale un’azienda che abbia una capitalizzazione superiore a 10 mrd USD. 

Come e dove investire in Large Cap? 

Per investire in Large Cap si può speculare sulle variazioni dei prezzi tramite CFD, oppure, comprare azioni reali con un broker DMA. Per farlo, occorre affidarsi ad una piattaforma online sicura e legale.

Come scegliere una Large Cap?

Per scegliere una Large Cap bisogna studiare l’andamento del titolo e individuarne i livelli di crescita. Per fare questo è necessario analizzare i rendimenti storici concentrandosi su crescita degli utili e dei dividendi.

Conviene investire in Large Cap?

Le Large Cap rappresentano delle realtà solide e ben affermate sui mercati che hanno dei livelli di crescita lenti, ma una volatilità moderata. Pertanto, presentano un margine di rischio ridotto e possibilità di profitto maggiori.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.