InvestimentiFinanziari.net
Gli Investimenti Finanziari a 360°.

Azioni Hyundai

La Hyundai è una multinazionale sudcoreana nata nel 1947 e conosciuta fuori dalla Corea del Sud principalmente per il suo reparto di automobilistica, all’avanguardia e altamente tecnologico. Attualmente il titolo della società sta vivendo un periodo positivo di crescita che parte da marzo 2020 ed è durata tutto il 2021. Per il biennio 2023/2024, quindi, le prospettive sulla casa automobilistica sono rosee.

Per il fatto che Hyundai è una delle principali aziende automobilistiche al mondo, potrebbe essere interessante da un punto di vista finanziario. Bisogna chiedersi, quindi, se la società sia tra le migliori azioni da comprare oggigiorno, per quanto riguarda il settore auto.

Il titolo si è mantenuto abbastanza stabile dal 2016 fino all’inizio del 2020. In quest’ultimo è stato vissuto un forte calo dovuto alla pandemia da Coronavirus, ma verso gli ultimi mesi del 2020 è iniziato un lungo trend positivo per la società sudcoreana che perdura tutt’ora nel 2022.

Azioni Hyundai – Riepilogo:

📑ISIN & Sigla:USY384721251 : HYMTF
💼Quotata in borsa dal:2009
⭐Indice di riferimento:KOSPI
❓Settore:Automobilistico
💰Capitalizzazione:51,54 mrd KRW
📈Target Price Medio:291.016 KRW
🤑Come comprare:Azioni DMA / CFD
🥇Dove comprare:eToro / Capital.com / Trade.com
Principali caratteristiche del titolo Hyundai

Dove comprare azioni Hyundai: migliori piattaforme consigliate

Migliori piattaforme per comprare azioni Hyundai affidabili e sicure [CLASSIFICA]

TRADING

Voto: 10/10

Tipo: CFD / DMA

Licenze: FCA / CYSEC / ASIC

Demo: 100.000$

VANTAGGI:

  1. Copia Trader Migliori
  2. App Gratis
  3. Portafogli gestiti
  4. Azioni pure a 0 spese
TRADING

Voto: 9,9/10

Tipo: Market Maker CFD

Licenze: FCA / CYSEC

Demo: Illimitato

VANTAGGI:

  1. Intelligenza Artificiale
  2. App Gratis
  3. Zero commissioni
  4. Formazione avanzata
TRADING

Voto: 9,9/10

Tipo: STP / DMA

Licenze: FCA / CYSEC / ASIC

Demo: 100.000$

VANTAGGI:

  1. Trading Automatico
  2. Expert Advisor e Segnali
  3. Spreads bassi
  4. Social e CopyTrading
TRADING

Voto: 9,7/10

Tipo: Market Maker CFD

Licenze: FCA / CYSEC

Demo: 10.000$

VANTAGGI:

  1. Social Trading
  2. Conto VIP
  3. Deposito 10€
  4. Trade min. 1€
TRADING

Voto: 9,5/10

Tipo: CFD / DMA

Licenze: FCA / CYSEC

Demo: 100.000$

VANTAGGI:

  1. Segnali gratuiti
  2. MetaTrader 4
  3. Live Coaching
  4. Azioni reali DMA

Oggigiorno, il trading online risulta essere la soluzione più utilizzata per tenere sotto controllo i propri movimenti nei mercati finanziari e su titoli come Hyundai. Ciononostante, quando si inizia a praticare questa attività è necessario soffermarsi attentamente sulla scelta della piattaforma. La tabella sottostante fornisce un aiuto in questo senso elencando le migliori piattaforme di trading online per comprare azioni Hyundai:

Tutti i broker nominati sono in possesso delle certificazioni e autorizzazioni necessarie rilasciate da enti di controllo riconosciuti sul territorio europeo. Alcuni tra i più importanti  sono CONSOB o CySEC. Lo scopo di questi enti è quello di garantire ai traders il rispetto delle leggi internazionali in materia da parte dei broker e l’essere il più trasparenti possibili con i propri utenti. Nello scegliere una piattaforma di trading si consiglia anche di prestare attenzione all’eventuale presenza di commissioni.

Come comprare azioni Hyundai $HYMTF

Prima di studiare approfonditamente il titolo Hyundai bisogna imparare ad accedere ai mercati finanziari. La maggior parte degli investitori negli ultimi tempi preferisce fare trading online per la rapidità di esecuzione e gestione dei propri movimenti che riesce a garantire. Per praticarlo è sufficiente possedere uno smartphone o un laptop e può essere condotto principalmente attraverso due opzioni:

  • Il trading CFD: vale a dire operare sul mercato adoperando degli strumenti finanziari derivati, i Contracts For Differences;
  • Entrare sul mercato in DMA: si investe direttamente su di un asset.
Analisi completa del titolo Hyundai offerta da InvestimentiFinanziari.net
Azioni Hyundai: Analisi tecnico / finanziaria a cura degli esperti di Investimentifinanziari.net

Grazie ai CFD si investirebbe in maniera speculativa sulle azioni di un titolo come Hyundai, senza possederle realmente. Con questi contratti derivati si possono trasformare eventuali ribassi vissuti dalla società in situazioni di investimento interessanti.

Fare trading con broker DMA, invece, fa sì che si acquisti o venda direttamente un asset sui quali si è interessati. Con questo metodo si entrerà in possesso di parte della società acquisita e si potranno ricevere gli eventuali dividendi. Questi sono rilasciati annualmente.

Analisi fondamentale azioni Hyundai

Concluse le premesse della guida di oggi, ora si passerà all’analisi fondamentale delle azioni Hyundai. In maniera preliminare bisogna accennare rapidamente il settore di appartenenza della società. La multinazionale sudcoreana è presente in diversi campi dell’economia come:

  • L’edilizia;
  • L’elettronica;
  • Finanza;
  • Automobili;
  • Grande distribuzione.

Andare a condurre un’analisi fondamentale del titolo è molto importante prima di investire. Si tratta di un passaggio obbligatorio per individuare quelle che sono le potenzialità della società e del suo titolo, oltre che a verificare se sia affine alle proprie strategie e obiettivi di trading.

Alcuni dei paragrafi successivi andranno a studiare questi specifici aspetti legati alla società:

  • Quotazione e dati storici;
  • Competitors;
  • Azionariato;
  • Modello business.

Il gruppo è principalmente conosciuto al di fuori dalla Corea del Sud per le sue automobili e la controllata Hyundai Motor Group. Attualmente questo è la terza più grande società di automobili per volume di produzione, dopo Toyota e il gruppo Volkswagen.

La storia della multinazionale inizia nel 1947, dopo l’occupazione giapponese, dalla mente di Chung Ju-yung, come compagnia di costruzioni edili. Verso il 1965, accrescendo il proprio nome e le proprie competenze, la società inizia ad operare anche all’estero, inizialmente in Thailandia e Vietnam. Due anni dopo è nata a Seul Hyundai Motor Company, occupandosi di produrre veicoli leggeri e pesanti.

Il primo accordo commerciale avviene con il colosso Ford per la produzione su licenza del modello Cortina. Nel ’69 si iniziò a produrre anche il modello Tanus 20M. Entrambe le auto fino alla metà degli anni ‘70 saranno quasi l’80% delle vendite totali di automobili in Corea del Sud.

Nel ‘75 viene presentata e commercializzata la prima autovettura progettata dal paese asiatico: la Hyndai Pony. Questo veicolo è stato disegnato da un italiano, Giorgetto Giugiaro. Inoltre, l’auto era anche frutto di un accordo di assistenza tecnica con Mitsubishi, che forniva il motore.

Il primo progetto di auto con la costruzione interamente “in casa” è della Hyundai Sonata nell’88. Proprio negli anni ’80, con la nomina a presidente della società il figlio di Ju-yung, Mong-koo, il gruppo ha vissuto una forte espansione commerciale verso i mercati esteri, ottenendo ottimi risultati di vendita in Europa e USA. Questo ha permesso al brand della multinazionale di iniziare a farsi conoscere a livello mondiale.

Leggi anche:

Acquisizione di Kia e anni recenti

Nel 1998 vi è stata una forte crisi finanziaria delle borse asiatiche e in quell’anno Hyundai è riuscita ad acquisire Kia Motors, il secondo gruppo automobilistico della Corea del Sud. La mossa della multinazionale le ha permesso di superare molto bene la crisi economica in Asia.

Oggigiorno la società è il secondo più grande conglomerato industriale del paese dopo Samsung. Nel 2015, dopo anni di crescita di produzione e vendita è stata lanciato il marchio di lusso Genesis, permettendo al gruppo di inserirsi in un nuovo mercato. Hyundai possiede il più grande impianto di produzione di veicoli al mondo che ha una capacità produttiva di 1,6 milioni di auto ogni anno.

Sin dagli anni ’80 il brand della multinazionale è stato associato a prodotti di qualità e ottima costruzione, diventando un’alternativa conveniente ai veicoli giapponesi. A livello pubblicitario Hyundai dagli anni 2000 ha iniziato a legare il suo nome come sponsor di importanti squadre di calcio come l’Olympique Lyonnais, l’AS Roma, il Chelsea e l’Atletico Madrid

Crescita di Hyundai e Kia nei mercati tedesco ed Europeo
Crescita di Hyundai e Kia nei mercati tedesco ed Europeo

Hyundai negli ultimi anni ha intrapreso un percorso di conversione delle sua automobili in veicoli elettrici o ibridi. Marchio di punta per quanto riguarda questo mercato è quello di Ioniq. Il 2020 ha visto la società subire una forte perdita sul suo valore a causa dello scoppio della pandemia da Coronavirus. Questo calo è stato vissuto da tutti gli attori del comparto automobilistico. Dalla seconda metà del 2020, però, la società ha ripreso valore e ha vissuto una crescita che perdura fino al 2022.

L’IPO di Hyundai è avvenuto nel 2009 e da allora il gruppo ha visto un continuo miglioramento dei suoi risultati. Questo ha portato l’azienda a diventare la terza produttrice di automobili al mondo per volumi di produzione. Attualmente il titolo ha una capitalizzazione di 54,39 mrd KRW

Hyundai: dati societari

Dalla sua fondazione fino ai giorni nostri Hyundai ha saputo affermarsi inizialmente come valida alternativa alle auto giapponesi. In seguito, si è distaccata da quest’immagine per diventare un marchio apprezzato a livello internazionale per la qualità e la tecnologia delle sue vetture.

La sua quotazione iniziale dopo l’IPO è stata di circa 50.000 KRW per azione. Dall’iniziale entrata in borsa il titolo è riuscito a crescere quasi triplicando il suo valore intorno al 2010, arrivando a 163.500 KRW. Il 2011 ha visto nei primi mesi un ulteriore raddoppio del prezzo a 246.500 KRW. Subito dopo questa crescita si è assistito ad un crollo improvviso verso l’estate, dimezzando il valore raggiunto precedentemente.

Tra il 2012 e il 2014 la società ha subito un andamento oscillatorio abbastanza marcato, e verso settembre ’14 il titolo è sceso a 162.300 KRW per azione. Da quel momento fino al 2020 si è avuta una continua discesa delle quotazioni di Hyundai, culminate nel minimo storico di 71.100 KRW a marzo 2020.

Quest’ultimo calo sostanzioso è principalmente dovuto alla crisi generata dalla pandemia da Coronavirus, che ha portato il settore automobilistico in affanno, sia per le vendite che per la produzione, con ricadute notevoli sulle varie società. Ciononostante, da marzo in poi il gruppo sudcoreano ha iniziato una lunga ripresa che continua tutt’ora ed attualmente il titolo vale 211.500 KRW: .

La grande crescita delle azioni Hyundai dopo il Covid: +63,60% rispetto a 5 anni prima
La grande crescita delle azioni Hyundai dopo il Covid: +63,60% rispetto a 5 anni prima

In parte questo può essere spiegato dal fatto che la pandemia ha costretto società come Hyundai a iniziare la propria conversione all’elettrico e ciò ha avuto ricadute nel campo dell’innovazione tecnologica, riflettendosi anche sul titolo in borsa. Rispetto al 2019, nel 2020 la società ha avuto una diminuzione dei ricavi dell’1,65% arrivando a 104 trilioni di KRW. L’utile operativo è sceso a sua volta del 22,9% rispetto all’anno precedente.

Attualmente la società sta vedendo le sue vendite globali diminuire, ma allo stesso tempo i ricavi stanno performando meglio rispetto all’anno precedente. Si può prevedere che il 2022 vedrà una lunga crescita della società insieme a tutto il comparto automobilistico.

Per informazioni più dettagliate, è possibile esaminare la tabella sottostante. Tutti i dati qui presenti sono espressi in miliardi di KRW.

PERIODO201920202021
Fatturato105103116
Capitalizzazione314547904819
Valore D’Impresa7218834510133
Risultato Operativo Lordo
(EBITDA)
7606676610965
Dati societari Hyundai 2019/2021

Hyundai: principali competitors

Per rendersi conto di quali siano le possibilità che una società ha di vivere dei trends in borsa, risulta utile apprendere quali sono le società competitors che lottano con essa.

Si può affermare che i principali avversari del titolo Hyundai siano le principali società automobilistiche internazionali e che presentano volumi di vendita e valore di mercato molto elevati. Questi competitors sono:

Si dovrebbero menzionare molti altri gruppi automobilistici, ma ciò che si può affermare è che Hyundai è riuscita nel corso degli anni a diventare un colosso del settore, 3° per volumi di produzione. Questo vuol dire che nonostante una concorrenza agguerrita il marchio è in piena salute e pronto ad aumentare la sua presenza sui mercati internazionali.

Azionariato Hyundai

Attualmente l’azionariato di Hyundai si compone in questo modo:

Azionisti% posseduta
Hyundai Mobis Co., Ltd21,4%
National Pension Service of Korea24,30%
Mong-Ku Chung5,33%
Hyundai Motor Company3,71%
The Vanguard Group, Inc.2,96%
Fidelity Management & Research Co. LLC2,95%
Invesco Asset Management Ltd.2,83%
BlackRock Fund Advisors2,20%
Maggiori azionisti Hyundai

Nessuna percentuale di azioni è posseduta dagli insiders, mentre lo 0,19% è in mano a investitori istituzionali. Tra questi si possono ritrovare importanti fondi di investimento come BlackRock e Vanguard Group e istituzioni nazionali di primo piano come il fondo pensionistico coreano. Inoltre, tra questi investitori rientra anche la categoria dei traders retail, che non possiedono molti capitali. A questa tipologia di investitori si consiglia di utilizzare i CFD con un broker autorizzato per il titolo Hyundai, in modo da usare efficacemente i pochi capitali disponibili.

Azioni Hyundai: Modello di business

Nel 2019 il gruppo automobilistico coreano ha definito i tre pilastri fondamentali per il prossimo futuro che sono:

  1. Migliorare la competitività aziendale;
  2. L’innovazione dei sistemi di gestione e organizzazione;
  3. La rapidità ai cambiamenti del futuro.

In altre parole questo si traduce in una volontà di aumentare la propria capacità di innovare il settore e puntare maggiormente sui veicoli elettrici o ibridi. Inoltre, Hyundai sta sviluppando fortemente anche le automobili ad idrogeno, che potrebbero rappresentare il futuro del settore per quanto riguarda l’abbattimento delle emissioni.

Rispetto alla sua storica concorrente giapponese Toyota, Hyundai ha osato di più in termini di diversità di modelli presentati e ora sta puntando a produrre meno ma aumentare la diversificazione. Ciò è legato alla volontà del gruppo di curare maggiormente la qualità e affidabilità dei propri prodotti e soprattutto ritagliarsi uno spazio da protagonista nel campo delle auto elettriche.

La struttura conglomerale, come quella della società coreana, se da un lato rende lento il sistema strutturale e di coinvolgimento manageriale nella gestione della filiera produttiva, dall’altro riesce a rafforzare la presenza del marchio in diversi settori.

Business Model dell'azienda Hyundai
Business Model dell’azienda Hyundai

Attualmente il mercato di riferimento per Hyundai è diventato quello cinese e nei prossimi anni è probabile che la società intenda rafforzare la sua posizione in questa nazione. I suoi veicoli godono di un’ottima credibilità tra il popolo cinese e vista la vicinanza geografica Hyundai vuole esserne il leader di vendite di automobili.

I ricavi, al di là della parentesi del 2020, sono stati in leggero aumento di anno in anno e per la fine del 2022 è possibile aspettarsi ottimi risultati in termini generali. La crescita vissuta subito dopo la pandemia da Covid-19 è stato un ottimo risultato per la società coreana ed è probabile che nel prossimo futuro, ossia per il biennio 2023/2024, si ripeta ma in maniera meno marcata. Tutto ciò sarà trainato in gran parte dal parco elettrico di nuova produzione della società coreana

Analisi tecnica azioni Hyundai (HYMTF)

Conclusa l’analisi fondamentale è necessario condurre un ulteriore studio sulle azioni Hyundai: l’analisi tecnica. Questa viene condotta analizzando principalmente le quotazioni dell’asset su cui si è interessati nel corso del tempo. In questo caso saranno riportati degli esempi di analisi sul breve, medio e lungo termine.

Attraverso questi grafici tecnici sarà possibile apprendere il comportamento del titolo Hyundai, frutto dei diversi movimenti condotti dagli investitori. Quest’ultimi, secondo la teoria alla base dell’analisi tecnica, tenderebbero a comportarsi in maniera ciclica nel corso del tempo. Ciò significa che è possibile elaborare delle previsioni future abbastanza affidabili.

Analisi tecnica Hyundai di breve periodo

Il primo esempio da presentare è quello dell’analisi tecnica di breve periodo sulle azioni Hyundai. Questo studio prende in considerazione dei periodi di tempo molto brevi e le operazioni condotte hanno una durata temporale di uno o due giorni al massimo. Solitamente, sono i traders CFD a condurre questa tipologia di operazioni perché i contratti derivati permettono di investire al meglio sulle oscillazioni quotidiane vissute da una società.

Qui sotto è stato inserito un grafico d’esempio che è disponibile anche sul conto dimostrativo gratuito di Capital.com:

analisi breve periodo azioni hyundai
Analisi tecnica di breve periodo sul titolo Hyundai

Al suo interno si è deciso di utilizzare l’indicatore Alligator. Questa tipologia di indicatore è l’ideale sul breve periodo perché permette di osservare i possibili punti di ingresso per un’operazione. In questo caso il time frame è stato impostato a 15 minuti. Questo tempo permette di individuare diverse operazioni da fare in giornata.

Come si può notare sul grafico sono state riscontrate 4 tipologie di segnali per entrare sul mercato. Nel primo vi è un rialzo molto deciso che dura circa quasi 9 giorni. Si tratta di un tempo relativamente lungo per un’operazione di breve periodo ma conviene adoperare i CFD senza preoccuparsi dei tassi di overnight. Successivamente vi è un andamento laterale di una settimana a cui segue, dopo un calo correttivo, un rialzo di 5-6 giorni. Anche in questo caso è conveniente adoperare i CFD.

Al rialzo segue un calo correttivo di circa 2 giorni in cui è possibile vendere allo scoperto in maniera efficace. Verso la fine del grafico vi è un ulteriore rialzo di 1 giorno da sfruttare con un’operazione “mordi e fuggi”.

Bisogna sottolineare, inoltre, come dal grafico ci renda conto che il titolo Hyundai vive giornalmente diverse oscillazioni e ciò lo rende ideale per operazioni di tipo speculativo: veloci e che possono essere effettuate con pochi capitali.

Analisi tecnica Hyundai di medio periodo

Ora è giunto il momento di riportare un esempio di analisi tecnica di medio periodo sulle azioni Hyundai. Questa tipologia di analisi permette di cogliere i segnali adatti ad operazioni di media durata, ossia di una o più settimane, che sono abbastanza consistenti e durature.

Il grafico d’esempio è quello sottostante:

analisi medio periodo azioni hyundai
Analisi tecnica di medio periodo sul titolo Hyundai

Il time frame è stato impostato ad un’ora. Come indicatore tecnico sono state inserite le Bande di Bollinger. Questo tipo di indicatore, disponibile anche sull’ottimo conto virtuale gratuito di eToro, dà la possibilità di osservare la volatilità nel corso del tempo di un titolo. In questo modo si può cogliere quello che è il momento migliore per aprire la propria posizione.

Nell’esempio riportato sopra è stato possibile individuare una serie di 4 operazioni possibili. Nel primo caso si assiste ad un ribasso di media durata che va avanti per circa 15 giorni. In questa situazione conviene usare solamente i CFD per trasformare il momento sfavorevole in un’opportunità di mercato. Nel secondo segnale vi è un rialzo correttivo con una durata di un mese. Qui si può scegliere se acquistare direttamente e seguire il trend o continuare con i CFD pagando il tasso di overnight giornaliero.

Le successive operazioni sono un altro ribasso che dura circa 10 giorni e dove converrà usare solo i CFD ed un rialzo correttivo che dura 1 mese e dove il trader può scegliere se acquistare in DMA o rimanere con i CFD.

Rispetto al breve termine sembrerebbe che le azioni Hyundai vivano meno oscillazioni su un periodo di tempo più sostenuto. Ciononostante il titolo possiede una buona volatilità sul medio periodo.

Leggi anche la guida:

Analisi tecnica Hyundai di lungo periodo

Ultima analisi da dover riportarne un esempio è l’analisi tecnica di lungo periodo. Per questa si andrà a fare riferimento ad orizzonti temporali molto estesi. Le operazioni condotte dai traders, infatti, tendono ad avere una durata di 1 o più mesi, addirittura anni. Molti di questi tendono a studiare la stagionalità dei mercati, in modo da sfruttare a proprio favore la ciclicità di un mercato attraverso il trading DMA, offerto da eccellenti piattaforme come Capital.com.

Il grafico sottostante permette di apprendere questa tipologia di analisi:

analisi tecnica lungo periodo azioni hyundai
Analisi tecnica di lungo periodo sul titolo Hyundai

Il time frame in questo caso è stato impostato a 1 giorno. Come indicatori tecnici si è deciso di adoperare una media mobile. Questo tipo di indicatore è molto semplice da comprendere ed è generalmente adoperato dai traders alle prime armi perché permetto di cogliere i diversi punti di entrata/uscita dal mercato in maniera rapida.

Sul grafico sono state segnate 5 possibili operazioni sul lungo periodo. La prima è un ribasso correttivo in seguito ad un lungo andamento laterale che presenta una durata di circa 4 mesi. In questa situazione l’unico modo per ottenere degli eventuali profitti è quello di adoperare i CFD al ribasso e pagare i tassi di overnight giornalieri. A seguito del ribasso vi è una serie di 3 rialzi ognuno con una durata di 1 mese. In questa situazione l’investitore può decidere se comprare in maniera diretta o continuare ad adoperare i CFD.

Ultima operazione possibile è una vendita allo scoperto in concomitanza del ribasso segnato dal cerchio di colore arancione. Questo ha una durata di quasi due mesi.

Leggi anche la guida:

Azioni Hyundai: Target Price e prospettive future

Comprare azioni Hyundai conviene? Per rispondere a questa domanda in modo esaustivo è necessario effettuare degli ulteriori approfondimenti relativi a quelle che sono le prospettive future e i Target Price individuati dai maggiori analisti sul titolo coreano analizzato in questa guida.

L’andamento nel corso degli anni della società automobilistica è una dimostrazione della solidità che il titolo ha dimostrato di possedere sul mercato. Nei prossimi anni, in considerazione anche degli cambiamenti nella produzione più improntati all’elettrico, è probabile che si osserverà una crescita generale.

Da queste considerazioni, nei prossimi paragrafi verranno trattati i target price sulle azioni Hyundai nel medio periodo e le relative previsioni per il biennio 2023/2024.

Target price azioni Hyundai (HYMTF)

Iniziando dal target price, la tabella sottostante elenca quelli che secondo gli analisti di settore saranno i probabili prezzi bassi, medi e alti delle azioni Hyundai sul medio periodo:

Target Price BassoTarget Price MedioTarget Price Alto
140.000 KRW291.016 KRW350.000 KRW
Target price – MEDIO PERIODO azioni Hyundai a cura di InvestimentiFinanziari.net

Attualmente la quotazione delle azioni Hyundai si attesta intorno a 210.500 KRW. Oggigiorno il titolo sta subendo un leggero trend laterale dopo un lungo periodo di crescita che parte da aprile 2020 ed arriva fino alla fine del 2021. Le aspettative degli analisti sono sostanzialmente buone e ritengono che il gruppo potrà continuare a mantenersi sui valori attuali, se non superarli ampiamente. Subito dopo l’attuale trend laterale è probabile che arrivi un ulteriore rialzo. La società è stabile e gode di ottima salute e i target price sul medio periodo individuati dagli esperti sono una buona dimostrazione delle possibilità della società automobilistica.

Importante nota sull’aggiornamento dei dati: i dati e le previsioni che sono presenti in questa guida sulle azioni Hyundai sono in costante aggiornamento grazie al lavoro continuo degli esperti finanziari, il cui compito è quello di rendere le informazioni offerte sempre utili in fase di investimento.

Azioni Hyundai: Previsioni 2023/2024

Le previsioni per il biennio 2023/2024 sul titolo Hyundai sono generalmente positive. Diversi analisti di settore ritengono che il gruppo coreano abbia buone possibilità di mantenere le posizioni raggiunte all’inizio del 2022 e addirittura alcuni prevedono un’ulteriore crescita trainata dal segmento dei veicoli elettrici e ibridi che rappresentano il futuro del settore auto e in generale della mobilità delle persone.

La maggior parte degli analisti sono dell’idea che bisognerebbe comprare le azioni della società coreana nel prossimo futuro, o al limite mantenere la propria posizione aperta sul lungo periodo. Gli esperti hanno individuato due possibili scenari per ciò che riguarda il prossimo biennio, come mostrato nel grafico d’esempio sottostante:

Previsioni azioni Hyundai 2023/2024 a cura di InvestimentiFinanziari.net
Previsioni azioni Hyundai 2023/2024 a cura di InvestimentiFinanziari.net

Nel primo scenario vi è la possibilità che il titolo scenda leggermente nel corso della prima metà del 2022 per poi iniziare a risalire lentamente per tutto il resto dell’anno, arrivando all’inizio del 2023 ad avere lo stesso valore attuale. Per il corso del 2023 Hyundai potrebbe continuare a crescere leggermente per tutto l’anno arrivando nel 2024 a toccare i suoi massimi storici.

Nel secondo scenario, invece, la società dovrebbe vivere un primo rialzo deciso nella prima metà del 2022 a cui seguirebbe nella seconda metà un leggero calo correttivo. In seguito nel corso del 2023 si potrebbe avere un sostanziale andamento laterale tendente alla crescita e con l’inizio del 2024 si avrebbe uno sprint deciso che porterebbe la valutazione del titolo a superare i pronostici individuati dagli analisti.

Bisogna tenere presente, inoltre, come il gruppo Hyundai sia non solo una società d’automobili, ma una multinazionale ramificata in diversi settori ed è il secondo conglomerato per grandezza della Corea del Sud. Ciò significa che difficilmente Hyundai potrebbe fallire nei prossimi anni.

Oltretutto, altro aspetto da tenere in considerazione è il reparto ricerca e innovazione del gruppo coreano. Attualmente la società sta puntando molto sui veicoli ad idrogeno e a guida autonoma, oltre che al reparto elettrico, ed è probabile che nei prossimi anni si veda il frutto delle ricerche effettuate nell’ultimo periodo.

Comprare azioni Hyundai conviene?

La risposta è positiva per diversi motivi. In primis il gruppo automobilistico sta vivendo un ottimo periodo che ha riportato in alto il valore delle sue azioni dopo la crisi subita nel marzo 2020. Inoltre, la società è la terza al mondo per volumi di auto prodotte annualmente e possiede il più grande stabilimento di produzione a livello globale.

I suoi prodotti sono sinonimo di qualità e affidabilità nel tempo e si è rivelato essere nel corso degli anni un titolo stabile. Oltretutto, l’ultimo biennio ha visto la società puntare fortemente nei veicoli elettrici e ibridi, dando una forte spinta al settore.

Anche per quanto riguarda le auto a guida autonoma Hyundai è molto avanti nella ricerca. Già adesso per le strade di Seul sono presenti dei veicoli tester con questa tecnologia. Se si desidera fare trading all’interno del settore automobilistico il titolo Hyundai andrebbe fortemente considerato come asset da inserire nel proprio portafoglio, sia adoperando i CFD per speculare sulle sue oscillazioni giornaliere e settimanali, sia entrando direttamente sul mercato per acquistare e mantenere la posizione fino all’arrivo di un rialzo.

Considerazioni finali

Le considerazioni finali sulle azioni Hyundai sono che si tratta di un titolo che può rivelarsi molto interessante per operazioni sul breve-medio periodo perché vive settimanalmente molte oscillazioni. Si consiglia di sfruttarle a proprio vantaggio adoperando la vendita allo scoperto.

Nel corso della guida è emerso come la società sia molto solida e difficilmente potrà fallire nel prossimo futuro. Inoltre, è stato evidenziato come Hyundai sia tra le prime aziende automobilistiche per ciò che riguarda la ricerca, andando a trainare interi comparti come quello legato all’idrogeno e la guida autonoma.

Sul lungo periodo di tempo la società sta vivendo una buona crescita attualmente rallentata brevemente per via di un trend laterale con l’inizio del 2022, ma se i traders lo desiderano è conveniente anche effettuare del trading DMA, previa un’attenta analisi sul titolo coreano. È necessario ricordare che il trading online è un’attività che presenta sempre dei rischi anche quando sono state condotte analisi su di un asset. Per questo, si consiglia di scegliere solamente le piattaforme autorizzate e che forniscono il maggior numero di strumenti tecnici per operare come quella offerta da Capital.com.

FAQ – Azioni Hyundai: Domande e Risposte frequenti

Come comprare azioni Hyundai?

Se si desidera comprare le azioni Hyundai l’opzione più rapida e versatile è quella di fare trading online. Si tratta di un’attività che chiunque può praticare e gestire autonomamente e si possono condurre operazioni anche con piccole somme a disposizione. Sulla società coreana vale la pena sia adoperare i CFD, sia effettuare investimenti in azioni reali con i broker DMA.

Dove comprare azioni Hyundai?

Allo scopo di comprare azioni Hyundai bisogna rivolgersi ad un intermediario finanziario, il broker online, che metta a disposizione la sua piattaforma di trading. Questo deve essere in possesso delle autorizzazioni rilasciate dagli enti di vigilanza riconosciuti internazionalmente. Solo in questo modo si avrà la garanzia di non incorrere in eventuali truffe a danno dei propri capitali.

Conviene investire nelle azioni Hyundai?

La risposta è affermativa, conviene investire sul titolo coreano. Infatti, questa società asiatica è uno dei principali attori nel settore automobilistico e tra quelli maggiormente presenti sul mercato cinese. Inoltre, la società è sempre stata all’avanguardia nel campo tecnologico e nei prossimi anni gli analisti prevedono buone performances derivanti dalle nuove auto elettriche e dagli sviluppi delle auto a idrogeno e guida autonoma.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.