InvestimentiFinanziari.net
Gli Investimenti Finanziari a 360°.

ETF Giappone

Il Giappone ha sempre riscosso un enorme successo in occidente, in diversi ambiti e per diverse caratteristiche che lo rendono un paese unico nel suo genere. L’ascesa economica del Paese ha gradualmente acceso l’interesse di investitori e traders verso gli ETF Giappone: attualmente, i più consigliati per puntare ai titoli più appetibili della borsa di Tokyo. 

Il Giappone è uno dei paesi più popolosi al mondo e anche uno di quelli che vantano un PIL nominale più elevato. La sua economia è sempre stata abbastanza stabile dal dopoguerra, ma il vero e proprio boom si è verificato a partire dal 2000 con una crescita costante e progressiva. Il paese eccelle in molti settori, in particolare in quello elettronico e automobilistico, basta infatti citare due nomi noti come Toyota e Sony, per fare un esempio. 

Il Giappone, infatti, può vantare numerose multinazionali note in tutto il mondo e la Borsa di Tokyo si piazza tra quelle più importanti del pianeta. In effetti, si tratta di uno  dei paesi con la migliore qualità di vita a livello globale, con un forte potere d’acquisto e un tasso di disoccupazione tra i più bassi. Non c’è da meravigliarsi se sempre più investitori occidentali si interessano alle azioni giapponesi. 

Uno dei modi più efficaci per investire in titoli giapponesi è puntare su un paniere di titoli inclusi in un indice tramite ETF. Si tratta di fondi d’investimento che permettono di esporsi su un intero mercato con un capitale non troppo elevato e diversificando il proprio portafoglio. Una soluzione ottima per chi intende effettuare un grande investimento con pochi passaggi.

ETF Giappone – Riepilogo:

Cosa sono:Exchange Traded Fund sui titoli presenti sul mercato giapponese
Rischi:Volatilità di Mercato/ Eventi che possono condizionare l’andamento del settore di riferimento/ Tracciamenti ciclici dei prezzi
🏅Migliori 3:1)Xtrackers Nikkei 225® UCITS ETF 1D;
2) Vanguard FTSE Japan UCITS ETF Distributing;
3) Xtrackers MSCI Japan UCITS ETF 1C
💡Dove investire:Migliori piattaforme ETF Giappone
🤔Opinioni⭐⭐⭐⭐⭐
Tabella caratteristiche principali ETF Giappone

ETF Giappone: Cosa sono? Principali tipologie

I fondi d’investimento a gestione passiva utili a investire in azioni Giapponesi  sono noti col nome di ETF, cioè, Exchange Traded Fund. Questi fondi vanno a replicare l’andamento di un indice borsistico permettendo, quindi, di investire in un determinato settore o paese. La particolarità di questi fondi è proprio quella di permettere agli investitori di concentrarsi non sui singoli asset ma su un paniere di titoli contenuti nell’indice.

Questi fondi presentano una notevole liquidità dovuta proprio alla gestione passiva, inoltre, garantiscono un’importante diversificazione dato che le loro performance sono collegate a quelle dei vari titoli contenuti nel benchmark. Queste due caratteristiche contribuiscono a rendere gli ETF anche abbastanza convenienti da un punto di vista economico. Infatti, il capitale richiesto per un investimento vantaggioso non è elevato, ma l’esposizione è ampia proprio per la possibilità di investire in più titoli in un colpo solo.

ETF Giappone- Migliori 2022
ETF Giappone: Guida completa a migliori ETF Giappone 2022 a cura di InvestimentiFinanziari.net

Gli ETF si presentano diversi in base a determinate caratteristiche peculiari. Quelle più significative sono il metodo di replica o la tipologia dei dividendi. Queste, infatti, condizionano in modo significativo la struttura del fondo stesso. In sostanza, i metodi di replica sono due: 

  • ETF a replica fisica: nella quale c’è l’acquisto diretto dei titoli presenti nel benchmark. Questa può essere totale o a campione. In quella totale, c’è l’acquisto di tutti gli asset contenuti nell’indice, mentre in quella a campione si fa una sorta di selezione scegliendo quelli col peso maggiore. Questa modalità di replica può risultare più fedele all’indice e meno rischiosa dato che non c’è una controparte di cui tenere conto;
  • ETF a replica sintetica (unfunded): in questo caso, invece, si aggiunge il rischio di controparte dato che questa tipologia di fondi si basa su contratti su swap con una controparte, alla quale vengono pagati dei rendimenti. Questi ETF sono chiamati anche ETF su swap e possono risultare più diversificati dei precedenti perché tendono a ricoprire un’area più ampia.

La differenza tra i dividendi, invece, riguarda quelli ad accumulazione e distribuzione: 

  • Distribuzione: si tratta della stessa politica adottata dalle aziende. In questo caso, i dividendi vengono distribuiti periodicamente tra gli investitori, a trimestre, semestre o anno. 
  • Accumulazione: questi fondi, invece, non prevedono la distribuzione dei dividendi tra gli azionisti ma li reinvestono nel fondo stesso. Questa scelta aiuta a incrementare la crescita del fondo nel medio periodo. 

Oltre a questi due elementi, ce ne sono altri che hanno una certa importanza per definire gli ETF come: 

  • Distribuzione geografica e settoriale, che ha un ruolo fondamentale nella diversificazione;
  • TER (Total Expense Ratio): ossia, l’insieme di commissioni da pagare annualmente per la gestione del fondo;
  • Indice di riferimento;
  • Dimensioni del fondo,vale a dire, il capitale gestito dal fondo stesso. Serve a definire la grandezza dell’investimento.

Migliori ETF su cui investire: Classifica 2022

📑ISIN & TICKER💸COMMISSIONI👍VOTO💰DOVE COMPRARE
LU0839027447  XDJP0,09%⭐⭐⭐⭐⭐eToro / Capital.com / Trade.com
IE00B95PGT31 VJPN0,15%⭐⭐⭐⭐⭐eToro / Capital.com / Trade.com
LU0274209740 XMJP0,20%⭐⭐⭐⭐⭐eToro / Capital.com / Trade.com
Tabella riepilogativa Migliori ETF Giappone

Il Giappone, come già accennato, è un paese altamente sviluppato e molto interessante da un punto di vista finanziario. Per questo motivo, esistono diversi indici che replicano l’andamento del suo mercato e, di conseguenza, anche numerosi ETF ad essi collegati. Chiaramente, elencare tutti gli indici e tutti i fondi sarebbe impossibile perché ce ne sono davvero tanti, pertanto, saranno elencati i principali tre indici con i relativi ETF.

Tra i principali indici borsistici giapponesi ci sono: 

  • Nikkei 225: un importante indice che comprende 225 aziende giapponesi più grandi e più liquide. Sono le cosiddette “Blue Chip” della borsa di Tokyo. Le società al suo interno sono ponderate in base alla capitalizzazione di mercato, la cui revisione ha cadenza annuale; 
  • MSCI Japan: che include circa 300 società nipponiche a media e alta capitalizzazione. L’indice è uno dei più grandi del Giappone, infatti, ricopre circa l’85% della capitalizzazione di mercato dell’intero paese. La revisione, in questo caso, è trimestrale;
  • FTSE Japan: è un altro indice molto grande e comprende oltre 500 aziende a media e alta capitalizzazione. 

Ognuno di questi indici è replicato da diversi ETF di cui sono stati selezionati i principali su cui è possibile investire sulla borsa italiana:

  • Xtrackers Nikkei 225® UCITS ETF 1D;
  • Vanguard FTSE Japan UCITS ETF Distributing;
  • Xtrackers MSCI Japan UCITS ETF 1C.

Come si può vedere, due di questi fondi provengono dallo stesso gestore, ma vanno a replicare due diversi indici. Di seguito saranno analizzati singolarmente.

Xtrackers Nikkei 225® UCITS ETF 1D

Il primo ETF sul Giappone è Xtrackers Nikkei 225® UCITS ETF 1D, un importante fondo che tenta di replicare le performance dell’indice Nikkei 225® mediante replica fisica totale con un’esposizione long sul sottostante. Questo significa che ha acquistato direttamente tutti i componenti del sottostante su cui opera con una strategia a lungo termine.

Principali caratteristiche Xtrackers Nikkei 225® UCITS ETF 1D ETF:

📄ISIN & Ticker:LU0839027447  XDJP
Tipologia di ETF:ETF Indicizzato 
💡Indice di Riferimento Nikkei 225®
💰Commissioni annue0,09%
💻Dove comprareeToro / Capital.com / Trade.com
Tabella riassuntiva principali caratteristiche Xtrackers Nikkei 225® UCITS ETF 1D ETF

Il fondo è stato lanciato nel 2013 ed è domiciliato in Lussemburgo, la valuta di riferimento è lo Yen senza copertura sul cambio. I dividendi sono a distribuzione annuale e i costi di gestione sono tra i più bassi in circolazione. Infatti, la TER ammonta solo allo 0,09% su base annua. Infine, si tratta di un ETF di grandi dimensioni con un patrimonio gestito di oltre 1.740 mrd EUR.

Per quanto riguarda l’esposizione settoriale, i principali campi coinvolti col relativo peso sono:

  • Industriale: 18,23%;
  • Finanziario: 17,50%;
  • Energetico: 10,52%.

Infatti, le principali aziende che compongono il fondo sono: 

  • Fast Retailing Co. Ltd: 10,88%;
  • Softbank Group Corporation: 6,91%;
  • Tokyo Electron Limited: 5,78%.

Vanguard FTSE Japan UCITS ETF Distributing

Il secondo ETF sul Giappone selezionato è il Vanguard FTSE Japan UCITS ETF Distributing, che prova ad imitare le performance dell’indice FTSE Japan.

Principali caratteristiche Vanguard FTSE Japan UCITS ETF Distributing  ETF:

📄ISIN & Ticker:IE00B95PGT31 VJPN
Tipologia di ETF:ETF Indicizzato 
💡Indice di RiferimentoFTSE Japan
💰Commissioni annue0,15%
💻Dove comprareeToro / Capital.com / Trade.com
Tabella riassuntiva principali caratteristiche Vanguard FTSE Japan UCITS ETF Distributing  ETF

Il Vanguard FTSE Japan UCITS ETF Dis ha un gran numero di azioni al suo interno dato che fa riferimento a uno degli indici più estesi del paese. Tuttavia, ci sono alcuni settori in cui si concentra principalmente: 

  • Industriale : 23,9%;
  • Consumi discrezionali: 23,4%;
  • Tecnologia: 11,4%. 

Le prime tre società, tra le circa 500 al suo interno, in termini di peso sono:

  • Toyota Motor Corporation: 4,3%;
  • Sony Corporation: 2,9%;
  • Softbank Group Corporation: 2,6%.

Inoltre, lo stesso fondo è disponibile sui mercati con dividendi ad accumulazione secondo la seguente denominazione:

  • ISIN: IE00BFMXYX26  
  • Ticker: VJPA.

Xtrackers MSCI Japan UCITS ETF 1C

Infine si evidenzia l’importanza di un altro fondo della Xtrackers che,però replica l’andamento dell’indice MSCI Japan: Xtrackers MSCI Japan UCITS ETF 1C.

Principali caratteristiche Xtrackers MSCI Japan UCITS ETF 1C ETF:

📄ISIN & Ticker:LU0274209740 XMJP
Tipologia di ETF:ETF Indicizzato 
💡Indice di RiferimentoMSCI Japan
💰Commissioni annue0,20%
💻Dove comprareeToro / Capital.com / Trade.com
Tabella riassuntiva principali caratteristiche Xtrackers MSCI Japan UCITS ETF 1C ETF

Anche in questo caso la replica del benchmark avviene secondo una modalità fisica con esposizione long sul sottostante. Tra i tre ETF presentati fino ad ora, questo è quello più datato dato che è stato lanciato nel 2007, con domicilio in Lussemburgo. Inoltre è anche il fondo più grande con un patrimonio gestito di oltre 2 mrd EUR.

La valuta di riferimento è l’USD senza copertura di cambio. I dividendi, invece, sono ad accumulazione, quindi,non vengono distribuiti ma reinvestiti nel fondo stesso. Il costo di gestione annua è più alto dei due precedenti, ma comunque molto competitivo pari solo allo 0,20%. Data l’ampiezza del fondo, è facilmente intuibile che c’è anche una notevole diversificazione al suo interno. I settori di riferimento sono vari, ma tra quelli col peso maggiore si possono segnalare: 

  • Industria: 20,88%;
  • Beni voluttuari: 18,56%;
  • Informatica: 12,87%.

Per quanto riguarda i principali tre titoli in portafoglio, si evidenziano:

  • Toyota Motor Corporation: 4,09%;
  • Softbank Group Corporation: 3,27%;
  • Sony Corporation: 3,27%.

ETF Giappone: Alternative

Trattandosi di un mercato veramente ampio, le opportunità d’investimento sono davvero infinite, anche con un singolo prodotto finanziario come, in questo caso, gli ETF. La Borsa Giapponese, infatti, ha attirato l’attenzione di molti gestori di fondi e, di conseguenza, gli ETF Giappone in circolazione sono davvero tanti.

Per questo motivo, oltre ai migliori ETF di base presentati fino ad ora, ne sono stati selezionati altri per soddisfare le esigenze di alcuni investitori che intendono effettuare delle operazioni di trading ben precise. Pertanto, sono stati integrati alcuni ETF Giappone Hedged, cioè, con copertura valutaria, e ETF obbligazionari. 

  • ETF Giappone Hedged:

I trader interessati a investire in ETF sul Giappone con copertura cambio, possono optare per un ETF specifico, l’ iShares MSCI Japan EUR Hedged UCITS ETF (Acc), presenta anche sulla borsa italiana con ISIN e Ticker: IE00B42Z5J44 /IJPE.

  • ETF Giappone obbligazionari:

I trader interessati a esporsi sul mercato giapponese attraverso i bond, cioè, le obbligazioni, possono farlo anche tramite i seguenti ETF: 

  • Xtrackers Japan Government Bond UCITS ETF 1C –: che si può trovare sulle piattaforme di trading come LU0952581584 /XJS;
  • UBS ETF (LU) Bloomberg Barclays Japan Treasury 1-3 Year Bond UCITS ETF (JPY) A-acc – scambiato sui mercati con ISIN e Ticker LU2098179695 / JT13.

Come investire in ETF Giappone

Una volta individuato l’ETF Giappone su cui investire, occorre decidere in che modo accedere ai mercati. Per prima cosa, bisogna fissarsi degli obiettivi di trading e valutare la strategia che si intende seguire, in base a ciò si può scegliere tra: 

I due servizi offrono delle opzioni e strumenti differenti per fare trading. In genere, i trader tendono a preferire le piattaforme online perché propongono un’offerta più vasta ed economica. Le banche, infatti, hanno prezzi meno accessibili rispetto ai broker online e con una scelta di strumenti meno ampia. 

Le piattaforme online, invece, offrono notizie, strumenti d’analisi, materiale didattico a tema trading per poter permettere agli utenti di realizzare investimenti vantaggiosi in totale autonomia. Inoltre permettono di accedere a molti più ETF, il tutto a prezzi particolarmente accessibili. 

Trading ETF Giappone: Migliori piattaforme e soluzioni consigliate 

Migliori piattaforme per ETF Giappone [CLASSIFICA 2022]

TRADING

Voto: 10/10

Tipo: CFD / DMA

Licenze: FCA / CYSEC / ASIC

Demo: 100.000$

VANTAGGI:

  1. Copia Trader Migliori
  2. App Gratis
  3. Portafogli gestiti
  4. Azioni pure a 0 spese
TRADING

Voto: 9,9/10

Tipo: Market Maker CFD

Licenze: FCA / CYSEC

Demo: Illimitato

VANTAGGI:

  1. Intelligenza Artificiale
  2. App Gratis
  3. Zero commissioni
  4. Formazione avanzata
TRADING

Voto: 9,9/10

Tipo: STP / DMA

Licenze: FCA / CYSEC / ASIC

Demo: 100.000$

VANTAGGI:

  1. Trading Automatico
  2. Expert Advisor e Segnali
  3. Spreads bassi
  4. Social e CopyTrading
TRADING

Voto: 9,7/10

Tipo: Market Maker CFD

Licenze: FCA / CYSEC

Demo: 10.000$

VANTAGGI:

  1. Social Trading
  2. Conto VIP
  3. Deposito 10€
  4. Trade min. 1€
TRADING

Voto: 9,5/10

Tipo: CFD / DMA

Licenze: FCA / CYSEC

Demo: 100.000$

VANTAGGI:

  1. Segnali gratuiti
  2. MetaTrader 4
  3. Live Coaching
  4. Azioni reali DMA

Se si intende investire in ETF sul Giappone in modo sicuro e affidabile tramite broker online, si può optare per quelli indicati nella tabella. Queste piattaforme, infatti, sono certificate ed esercitano in conformità delle direttive ESMA, l’ente che regolamenta le attività finanziarie in tutta Europa. Inoltre, dispongono di una vasta scelta di strumenti utili a realizzare investimenti di successo. 

Per fare degli esempi, se ne possono segnalare alcune che si distinguono particolarmente come Capital.com (raggiungi qui il sito ufficiale), uno dei broker online più diffusi al mondo, soprattutto tra i trader meno esperti. La piattaforma è estremamente intuitiva e offre strumenti di analisi adatti a tutti i livelli.

La principale caratteristica di questo broker è proprio l’attenzione verso la crescita dei trader, i quali vengono accompagnati nella loro formazione passo dopo passo, grazie a lezioni e materiale didattico disponibile gratuitamente. Sarà, infine, possibile verificare l’efficacia della teoria appresa aprendo un conto demo gratuito Capital.com.

Un’altra piattaforma ottima per investire in ETF Giappone e tanti altri asset è FP Markets (scopri qui la piattaforma), un broker che offre servizi specifici per investitori più esperti, ma attento anche alle esigenze dei principianti. La sua è una delle offerte più diversificate e complete, che ben si adatta alle esigenze di varie tipologie di trader.

Inoltre, per completare l’offerta, integra le piattaforme di MetaTrader e IRESS offrendo servizi più avanzati come i ben noti segnali di trading, uno strumento che notifica le migliori opportunità di investimento. Tutti questi servizi e tanti altri ancora si possono testare iniziando da un conto demo gratuito FP Markets.

Comprare ETF Giappone: eToro

Tra le varie piattaforme di trading online disponibili sul mercato, quella più gettonata in assoluto è  eToro (panoramica completa qui), un broker eccellente che offre i suoi servizi a milioni di utenti in tutto il mondo. La piattaforma, infatti, dispone di numerose certificazioni per esercitare legalmente in molti paesi e offre un’ampia scelta di asset e di servizi. Con eToro si può investire in ETF Giappone studiando i mercati mediante sofisticati strumenti di analisi finanziaria, il tutto a zero commissioni e spread altamente competitivi. 

eToro: la piattaforma accessibile anche ai neofiti per la compravendita di ETF Giappone
eToro: la piattaforma accessibile anche ai neofiti per la compravendita di ETF Giappone

L’esperienza di trading su eToro è intuitiva, anche grazie al Social Trading, il sistema su cui si basa l’intera piattaforma che la rende simile a quella di un social network. Infatti, è possibile seguire dei Top Investor, una sorta di influencer del trading che, se selezionati in modalità Copy Trading, permettono di copiare automaticamente tutte le loro operazioni di trading.

Questi servizi e tanti altri ancora, si possono provare in modalità demo gratuita e illimitata. In questo modo, si possono simulare investimenti e strategie ricorrendo a un conto virtuale senza mettere a rischio il proprio capitale. Alla fine del periodo di prova, sarà possibile aprire un conto live eToro con un deposito minimo di soli 50 USD.

Comprare ETF Giappone in Banca: Conviene? 

Dopo aver elencato tutti i servizi vantaggiosi delle piattaforme di trading online, viene da chiedersi se convenga comprare ETF Giappone in banca. La maggior parte dei trader non opta per gli investimenti bancari quando si tratta di ETF perché le caratteristiche di questi strumenti cozzano leggermente con le offerte proposte dalle banche. 

Gli ETF, infatti, sono uno strumento finanziario abbastanza recente che non trova un ottimo riscontro nell’approccio tradizionalista che le banche hanno verso gli investimenti. Un grosso ostacolo, ad esempio, è rappresentato dai costi: gli ETF, infatti, sono noti per essere vantaggiosi da un punto di vista economico proprio per i costi limitati.

Al contrario, gli investimenti bancari prevedono una serie di commissioni aggiuntive come imposte di bollo, commissioni di trading, gestione del conto. Questo accade perché gli investimenti bancari non sono autonomi ma avvengono tramite consulenti bancari che richiedono un certo costo. 

Un altro problema che si potrebbe incontrare investendo in ETF tramite Banca è quello di non trovare gli strumenti adeguati per farlo. I fondi a gestione passiva, infatti, si sono evoluti in un contesto di trading online e si adattano maggiormente ai servizi offerti dalle piattaforme. Pertanto, tramite banca potrebbero non essere disponibili gli strumenti adeguati o addirittura gli ETF stessi.  

Tutte queste caratteristiche potrebbero sortire l’effetto di non rendere gli investimenti particolarmente vantaggiosi e, quindi, potrebbe non valere la pena investire in ETF Giappone tramite banca. Tuttavia, la scelta dell’intermediario resta comunque personale e va effettuata tenendo conto innanzitutto delle proprie preferenze e necessità.

Analisi Tecnica ETF Giappone 

Optando per un investimento in ETF Giappone tramite piattaforma di trading online, si deve ricorrere agli strumenti di misurazione finanziaria per effettuare l’analisi tecnica. Questo passaggio è fondamentale per costruire una strategia di trading adeguata e si effettua studiando l’andamento di un asset nel tempo. Nello specifico, l’analisi tecnica è una disciplina che permette di analizzare le performance passate di un asset, per realizzare previsioni future.

Per farlo, occorre basarsi su appositi grafici e indicatori di trading tramite i quali si possono trarre informazioni sul breve, medio e lungo periodo circa le variazioni dei prezzi e le oscillazioni di un determinato titolo. In base all’indicatore scelto si possono trarre delle informazioni ben precise, tra cui: volumi, direzione del trend, volatilità e tanti altri ancora, da quelli più basici a quelli più avanzati. Per l’arco temporale, invece, occorre applicare un time frame com’è stato fatto nel seguente grafico tratto dal conto demo gratuito e ILLIMITATO di eToro:

Analisi Tecnica ETF Giappone
Analisi tecnica ETF Giappone 2022

Il grafico mostra l’andamento dell’ETF Xtrackers Nikkei 225® UCITS ETF 1D sul lungo periodo. Infatti, è stato applicato un time frame di un giorno che ha permesso di rilevare i movimenti del fondo nel corso del secondo semestre del 2021 fino agli inizi del 2022. Come indicatore sono state applicate le Bande di Bollinger che hanno permesso di rilevare una notevole volatilità annua. Infatti, si possono notare delle ampie oscillazioni delle candele e una dilatazione delle bande, soprattutto nei momenti in cui le variazioni di prezzo erano più ampie. Questo suggerisce che il fondo presenta un certo livello di rischio e si presta a investimenti sul lungo periodo, sempre con la massima cautela.

Comprare ETF Giappone Previsioni 2023 / 2024

A partire dall’analisi tecnica e dalle principali notizie di mercato, è possibile effettuare delle previsioni che potrebbero tornare utili nel corso dell’investimento. Di seguito sarà possibile consultare le previsioni degli esperti sul probabile andamento degli ETF Giappone per il biennio 2023/2024. 

Dando un’occhiata ai grafici e alle notizie, si evince che il 2021 non sia stato un anno particolarmente positivo per il Giappone dal punto di vista finanziario. Infatti, rispetto ad altri paesi sviluppati, la sua ripresa è stata più lenta dopo il crollo dei mercati di inizio pandemia. Tuttavia, le previsioni per il 2022 sono positive, con l’ipotesi di un rimbalzo verso livelli di prezzo elevati. Dalla fine del 2021 anche il settore turistico ha visto una notevole ripresa, grazie alla progressiva rimozione delle restrizioni e il ritorno ai viaggi, sia per lavoro che per piacere. 

Infatti, tra le azioni più gettonate del momento ci sono proprio quelle collegate all’aeroporto internazionale di Haneda a Tokyo e Disneyland Tokyo (Oriental Land Corporation’) proprio per il recente incremento delle attività turistiche. Dal novembre 2021, il paese ha riaperto i viaggi internazionali e già c’è stata una ripresa del traffico aereo del 78%, nonostante siano stati nuovamente chiusi per la diffusione della variante Omicron.

Anche le attività di ristorazione stanno vivendo un’ottima ripresa, soprattutto per la grande catena di ristoranti Sushiro che ha addirittura aperto nuove sedi in tutto l’arcipelago. In particolare, il 2022 potrebbe essere un anno decisivo per l’inflazione. Infatti, mentre è previsto un aumento consistente in tutto il mondo, il Giappone potrebbe essere una sorta di “rifugio” proprio perché non ne subisce particolarmente l’effetto.

Per capire questo, occorre tornare con la mente al Giappone degli anni ‘90, decennio in cui l’inflazione lì era del tutto assente. Ciò ha portato ad una diminuzione della tendenza generale al consumo. Un altro elemento da non trascurare nelle prospettive future del mercato giapponese è, chiaramente, quello politico. Il governo, infatti, si sta concentrando principalmente sulla crescita e sull’affermazione del partito democratico che punta a una sorta di “redistribuzione” delle finanze, in modo da apportare incentivi fiscali alle imprese e un aumento dei salari.

Tutte queste situazioni insieme, potrebbero avere effetti particolarmente positivi sulla borsa giapponese per il biennio 2023/2024, sancendo una ripresa dalle incertezze del 2021:

Previsioni ETF Giappone 2023/2024
ETF Giappone: Previsioni ETF Xtrackers Nikkei 225® 2023/2024

Un esempio emblematico è quello che si presenta nel grafico tratto da eToro che mostra l’andamento dell’ETF Xtrackers Nikkei 225® UCITS ETF 1D dal crollo del 2020. Da quel ribasso vertiginoso, infatti, si può vedere una forte ripresa durante tutto il 2020 e una fase laterale durante tutto il 2021. Quest’anno, infatti, è caratterizzato da alti e bassi e frequenti oscillazioni, su livelli di prezzo comunque elevati. Si prevede che nel corso del 2022 il macro trend dovrebbe andare a stabilizzarsi, per poi proseguire la sua salita nel corso del successivo biennio.

Il mercato azionario giapponese resta uno dei più ambiti tra gli investitori che intendono puntare sui mercati asiatici, anche quelli interessati ai mercati emergenti. Infatti, a causa della vicinanza geografica con questi paesi, ma anche storica e culturale, il mercato Giapponese può essere un ottimo punto di partenza per costruire un portafoglio diversificato su azioni asiatiche, sia giapponesi che di mercati emergenti. 

È chiaro che si tratta di previsioni puramente indicative che non vanno prese alla lettera, ma utilizzate come spunto per potersi orientare al meglio sui mercati in fase d’investimento. Pertanto, si consiglia comunque la massima cautela.

Investire in ETF Giappone Conviene? Vantaggi e svantaggi

Conviene investire in ETF sul Giappone? Dopo aver visto l’andamento altalenante del 2021, contrapposto alle previsioni positive per il prossimo biennio, è una domanda più che lecita. In effetti, ci sono alcune cose da valutare per capire se investire in ETF Giappone in questo momento sia una buona idea. Per questo, occorre fare una panoramica dei vantaggi e svantaggi in cui si può incorrere puntando sul mercato nipponico.

Vantaggi degli ETF Giappone

Stilando una lista dei vantaggi, si può vedere a occhio nudo che ne sono di più rispetto agli svantaggi. Tra i pro, si può evidenziare l’enorme potenziale del mercato giapponese e l’importanza che questa Borsa ricopre a livello mondiale. Si ricorda, infatti, che la maggior parte delle aziende che operano nel settore Tech e automotive sono giapponesi, come ad esempio, Sony, Suzuki, Toyota e tanti altri nomi illustri. Il Giappone, quindi, detiene una buona fetta del mercato mondiale e può risultare davvero interessante da un punto di vista finanziario

Inoltre, come è stato evidenziato nelle previsioni, ci sono tutti i presupposti a livello socio-politico per valutare gli ETF Giappone come investimento futuro. Trattandosi di un mercato ampio e diversificato, poi, il modo più vantaggioso per realizzare investimenti di successo è decisamente quello di ricorrere agli ETF. Questi strumenti finanziari, infatti, sono un’ottima opportunità di diversificazione e accesso a un mercato ampio con capitali ridotti.

Svantaggi degli ETF Giappone 

Gli svantaggi di investire in ETF Giappone si possono ricercare nella volatilità annua che l’economia del paese sta presentando in questo momento. Attualmente, infatti, le forti oscillazioni possono presentare un certo margine di rischio. Tuttavia, i pronostici futuri sono buoni e si può optare per investimenti sul lungo periodo, magari acquistando in momenti in cui i prezzi sono bassi in attesa di una nuova stabilità al rialzo. 

Investire in ETF Giappone: Opinioni massimi esperti 

L’ultimo step per fare una valutazione completa sugli ETF Giappone è consultare le opinioni dei massimi esperti. Secondo gli analisti, il Giappone è un importante punto d’accesso al mercato asiatico in senso più ampio, anche per poter beneficiare in modo indiretto della crescita della Cina e dell’Asia, senza doversi esporre al rischio di quei mercati.

I propositi sul Giappone sono buoni anche valutando ragioni interne, l’esperto Richard Kaye dice che “il Giappone sta comprando il Giappone”. Vale a dire che gli investitori nipponici si stanno interessando nuovamente al mercato nazionale dopo anni in cui avevano spostato il focus sull’estero.

La forte ripresa dell'economia giapponese in seguito alla pandemia da Covid-19
La forte ripresa dell’economia giapponese in seguito alla pandemia da Covid-19 (fonte: Statista.com)

Questa rappresenta un’ottima opportunità di crescita per le borse del paese alzando, di conseguenza, anche l’andamento degli indici sui quali si basano gli ETF. Secondo Kaye, infatti, il Giappone ha mercato con un potenziale elevatissimo ma ancora molto sottovalutato. Gli indici giapponesi offrono un azionario liquido, bilanci solidi e titoli con importanza globale.

Oltre a queste ci sono anche tante altre aziende meno note che stanno crescendo insieme al paese, evolvendosi a cavallo di tutte le continue innovazioni di cui solo il Giappone è capace. Un esempio lampante è proprio la Oriental Land Co. Ltd, quella che detiene Tokyo Disneyland. In un paese così incentrato su lavoro e produzione aziendale, fino a qualche anno fa non sarebbe stato ipotizzabile valutare un titolo di in parco giochi.

Eppure, data la capacità di progresso e di evoluzione rapida di cui dispone il Giappone, si può assistere frequentemente a cambiamenti di questo tipo. Un altro punto che rende gli esperti fiduciosi sugli ETF Giappone è l’importanza delle aziende tecnologiche del paese. Secondo le stime degli analisti, infatti, il settore tech potrebbe essere ai vertici dei mercati globali nel prossimo decennio e il Giappone è uno dei principali esponenti. 

Considerazioni finali

Investire in mercati asiatici è al centro dell’interesse di molti trader e il Giappone sembra essere il punto d’accesso migliore. Com’è stato possibile evidenziare nel corso di questo approfondimento, il paese del Sol Levante offre innumerevoli opportunità d’investimento che, se colte bene, possono essere molto vantaggiose. 

Nel corso della guida, infatti, è stata fornita una panoramica completa sullo strumento migliore per investire in azioni giapponesi: gli ETF. Sono stati messi in evidenza i migliori ETF Giappone su cui investire e analizzati a fondo tramite gli strumenti di misurazione finanziaria offerti da eToro. N’è risultato un quadro complessivo per realizzare un investimento sicuro, vantaggioso e diversificato su uno dei più importanti e promettenti mercati asiatici.

FAQ – ETF Giappone: Domande e Risposte Frequenti

Cosa sono gli ETF Giappone?

Gli ETF Giappone sono dei fondi d’investimento a gestione passiva per creare un portafoglio equilibrato e diversificato su azioni giapponesi.

Come investire in ETF Giappone?

Si può investire in ETF Giappone tramite banca con l’assistenza di un consulente, oppure autonomamente tramite broker online autorizzati, i quali propongono elevati standard di sicurezza e commissioni di trading competitive e accessibili.

Quali sono gli ETF Giappone migliori per il 2022?

Esistono molti ETF sul Giappone, ma i migliori selezionati sono: Xtrackers Nikkei 225® UCITS ETF 1D, Vanguard FTSE Japan UCITS ETF Distributing, Xtrackers MSCI Japan UCITS ETF 1C

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.