Gli Investimenti Finanziari a 360°.

Piccoli investimenti: Quali sono i Migliori consigliati?

Fare piccoli investimenti vuol dire impiegare, sui mercati finanziari e non, anche somme non elevate, ma che possono, nel tempo, crescere e migliorare la nostra situazione finanziaria.

La buona notizia, con la quale decidiamo di aprire la nostra guida di oggi, è che tutti oggi possono permettersi di fare piccoli investimenti, grazie al fatto che il mondo dei mercati finanziari è diventato più orizzontale, permettendo tramite broker specifici a tutti di fare piccoli investimenti. Anche nella misura di poche decine di euro.

È una situazione conveniente per chi vuole investire? Assolutamente sì: perché il capitale che abbiamo a disposizione per investire non incide sulla nostra capacità di farlo, a patto, come già detto, di avere tra le mani intermediari che accettino anche investimento non milionari.

Investimenti piccole somme
Anche con piccole somme si possono fare investimenti

Nella guida di oggi individueremo i piccoli investimenti migliori, andando ad analizzare anche quali siano i migliori canali e intermediari per fargli, non senza qualche avvertenza sui pericoli che si possono correre.

Piccoli investimenti: definizione

Possiamo parlare di piccoli investimenti per somme inferiori ai 10.000 euro. Si tratta ovviamente di un limite che è nostro personale, frutto della nostra opinione. Un’opinione che però andremo ad esplicitare subito, anche per capire perché tutti gli investimenti al di sotto di questa somma possono essere considerati come facenti parte della medesima categoria.

Non c’è, tecnicamente, una grandissima differenza tra l’investire 10.000 euro o soltanto 100: gli strumenti che abbiamo effettivamente a disposizione sono gli stessi – soprattutto con i broker più attenti ai piccoli investitori.

Anche con poche centinaia di euro in portafoglio oggi infatti si possono effettuare quelle operazioni e si possono implementare tutte quelle strategie che potremmo avere a disposizione fino alla soglia dei 10.000 euro.

La differenza sostanziale comunque si pone a livelli molto più alti, superata quella soglia dei 150/200.000 euro, oltre la quale possiamo affidarci senza problemi anche a gestori esterni del nostro portafoglio, promotori personalizzati e tutta una serie di servizi che, almeno per il momento, sono assolutamente preclusi a chi vuole fare piccoli investimenti.

La caratteristica fondamentale dei piccoli investimenti rimane comunque una: quella di dover fare per forza per conto nostro, arrivando direttamente sul mercato e soprattutto gestendo in proprio il nostro portafoglio.

La definizione di questa differenza sicuramente lascerà perplesso qualcuno: dopotutto ci sono PAC e fondi che permettono di investire anche piccole somme e soprattutto periodicamente. Non sono però le migliori alternative che abbiamo effettivamente a disposizione, per motivi che andremo ad esplicitare più avanti nel corso della nostra guida di oggi.

Piccoli investimenti in borsa: esistono? Quali sono?

Il trading di CFD è oggi lo strumento principe per fare piccoli investimenti in borsa e più in generale sulla maggior parte dei mercati finanziari.

La buona notizia è che questo settore, quello dei broker CFD, è oggi tra i maggiormente sviluppati in Italia e soprattutto uno di quelli che permette di accedere anche con somme molto ridotte. Per un broker come eToro (qui da testare anche in demo) bastano infatti 200 euro per aprire un conto reale e iniziare a fare trading, con aggiunte successive minime di 50 euro.

Non è soltanto però il minimo di investimento basso a rendere i broker CFD ideali per chi vuole investire cifre molto basse in borsa. Ci sono altri fattori che rendono decisivo questo specifico gruppo di strumenti per chi vuole investire piccole cifre.

  • Investimento frazionale

Ne abbiamo già parlato diffusamente, ma sarà il caso comunque di riparlarne prima di passare alle altre caratteristiche che riguardano il mondo degli investimenti di piccola entità. Grazie ai CFD possiamo anche acquistare frazioni di un titolo: che vuol dire? Immaginiamo di volere nel nostro portafoglio azioni Amazon, che valgono ad oggi più di 3.000 USD. Investendo direttamente avremmo bisogno di impegnare una somma minima di 3.000 USD.

Con i broker CFD invece possiamo fare trading investendo anche una frazione del valore di un titolo.

Quando si hanno pochi capitali a disposizione, crescere non è semplice. Dopotutto i titoli per l’appunto crescono in senso percentuale. E anche portare a casa il +20% di un investimento di 200 euro non è poi questo grande guadagno.

La leva finanziaria permette di investire moltiplicando l’andamento, positivo e negativo, di ogni tipo di asset, il che vuol dire che potremo guadagnare (e perdere) fino a 30 volte rispetto all’investimento classico.

La leva è disponibile al massimo fissato dalla legge da Trade.com (qui per la demo), così come è disponibile da tutti i principali broker che consigliamo sulle nostre pagine.

  • Accesso ai mercati di tutto il mondo a pari condizioni

Oggi investire poche centinaia di euro in banca, vuol dire restringere il proprio campo di azione. Perché sui mercati esteri le banche continuano a praticare prezzi altissimi a livello di commissioni. I CFD in questo senso sono neutri: grossomodo le commissioni (minime) che ci troveremo a pagare saranno identiche su tutti i mercati.

Azioni piccole somme
Oggi si possono investire piccole somme di denaro anche in azioni

Chi vuole guardare ai mercati oltreoceano, soprattutto con capitali ridotti a disposizione, troverà sicuramente condizioni migliori dai broker CFD – come FP Markets, con 11.000+ titoli a disposizione – che offre in profondità i mercati USA, Australia, HK e Londra alle stesse condizioni delle azioni continentali europee.

Piccoli investimenti migliori consigliati

Ci sono diverse categorie di investimenti che possono essere utili per chi vuole investire piccole somme, periodicamente o meno. Abbiamo scelto di parlare di trading online, di PAC, dei conti deposito e dei piccoli investimenti immobiliari, questi ultimi oggi possibili grazie, come vedremo, alle opportunità offerte dal crowdfunding immobiliare.

Fare piccoli investimenti nel trading online

Il trading online oggi offre migliaia di opportunità, sotto forma di titoli, a chi vuole investire cifre basse. Abbiamo già analizzato poco sopra i grandissimi vantaggi che sono offerti per l’appunto dai mercati controllati tramite CFD.

Ora ci preoccupiamo di andare ad analizzare i titoli e i comparti che possono davvero fare la differenza per chi vuole investire piccole somme:

Per chi vuole fare investimenti sul lungo periodo, il mercato azionario rimane una delle migliori alternative che si hanno effettivamente a disposizione. I guadagni possono essere importanti, tenendo però sempre conto del fatto che il settore in questione presenta anche dei rischi importanti.

Oggi si può accedere anche al mercato del Forex per fare piccoli investimenti. I minimi di investimento sono quelli che abbiamo citato poco sopra, minimi di investimento assolutamente alla portata anche di chi vuole investire o può investire decisamente poco.

Abbiamo accorpato questi due mercati perché appunto simili nel profilo di rischio. Sono entrambi disponibili tramite i broker CFD che abbiamo già segnalato – Trade.com ne offre un ottimo assortimento. Anche qui vale la pena di ricordare che i rischi ci sono sicuramente, ma che al tempo stesso sono correlati ai potenziali guadagni che si possono portare a casa in questi specifici settori.

I broker CFD offrono ormai da tempo anche “titoli a paniere”, come per l’appunto gli indici e gli ETF. In questo caso avremo la grande possibilità di avere in portafoglio titoli già parzialmente diversificati, senza gestioni complicate del nostro investimento.

Indici ed ETF sono più vantaggiosi tramite contratti CFD per il discorso, fatto poco sopra, della frazionabilità degli investimenti. Non dobbiamo necessariamente acquistare una quota intera, perché i broker CFD ci permettono di investire anche una frazione del prezzo della quota stessa.

Puoi approfondire la conoscenza delle migliori piattaforme d’investimento qui: Migliori piattaforme trading online

Piccoli investimenti: l’innovazione del Copy Trader online

Il Copy Trader oggi offre la possibilità di avere un investimento “gestito” anche senza avere grosse somme a disposizione, ovvero la possibilità di avere un terzo a gestire il nostro investitore, come nei servizi bancari per persone facoltose, pur non costringendoci ad investire grosse somme.

Si tratta di un servizio offerto dal broker leader eToro e che permette, in un solo click, di copiare il portafoglio, in rapporto al nostro investimento, di investitori che stanno ottenendo dei buoni risultati sui mercati.

Il copy trader rappresenta oggi un modo intelligente e potenzialmente redditizio per investire piccole somme e che non presume delle conoscenze importanti a livello finanziario.

Leggi la recensione completa sul broker: eToro, recensione ed opinioni reali

PAC d’investimento

I PAC – piani di accumulo – sono strumenti di risparmio gestito creati per chi vuole investire piccole somme. Il loro funzionamento è simile a quello dei prodotti finanziario-assicurativo e dei fondi comuni di investimento.

Le particolarità di questi strumenti di investimento, rispetto a quelli già citati, è la possibilità di poter integrare periodicamente, sempre con piccole somme, il proprio investimento.

Un passo avanti importantissimo per chi vuole investire piccole somme da un lato e avere uno strumento gestito dall’altro. Si possono scegliere, a seconda dell’emittente e del gestore, tra PAC con diversi profili di rischio, per adattarli maggiormente all’interno del nostro piano di investimenti.

Un lato negativo? I costi di gestione, che sono comunque particolarmente alti (almeno rispetto a quello che possono offrire i CFD) e che possono impattare in modo sostanziale su quanto riusciremo ad ottenere da questa specifica tipologia di investimenti.

Leggi anche: Cosa sono e come funzionano i Piani di Accumulo

Piccoli investimenti conti deposito

I conti deposito sono una discreta alternativa – sicuramente la più sicura, per chi vuole investire piccole somme.

Ne abbiamo già parlato nella nostra guida completa ai conti deposito e rimandiamo a questo documento per chi volesse conoscere a fondo quello che hanno da offrire questo tipo di conti.

In breve, per chi vuole investire piccole somme, vogliamo ricordare quali sono i punti salienti di questo particolare strumento:

  • Vincolato o no

Il conto deposito si può scegliere anche in forma non vincolata, ovvero con le somme che sono sempre disponibili per essere ritirate. In questo caso però si ottengono ritorni decisamente minori.

  • Sicuro al 100% sotto i 100.000 euro

Il conto deposito è infatti coperto dal Fondo di Garanzia dei Depositi Bancari per una somma che va fino a 100.000 euro per conto e per correntista.

Chi cerca dunque un modo di investire il proprio denaro in modo 100% sicuro, troverà nei conti deposito una buona alternativa. Questo ovviamente al prezzo di accettare dei ritorni decisamente inferiori.

Piccoli investimenti immobiliari

Investire in modo classico sugli immobili presuppone il possesso di somme davvero importanti. Anche il costo di un piccolo garage è decisamente fuori portata per chi vuole investire somme ridotte.

A questo problema oggi ovvia il crowdfunding immobiliare, un sistema che permette di partecipare per quote, anche infinitesime, ad investimenti immobiliari.

Walliance è uno dei principali portali che permettono di effettuare questo tipo di investimenti, un portale che permette di accedere a diversi investimenti in diverse aree geografiche (con una particolare attenzione per Italia e Francia). Un sogno per chi ha sempre voluto investire nel mattone, pur senza avere a disposizione capitali a sufficienza per farlo.

investire piccole somme crowdfunding immobiliare
Anche gli investimenti immobiliari sono a disposizione di chi vuole investire piccole somme

Rimandiamo al nostro approfondimento su Housers per capire a fondo come funziona il sistema: in questa guida, basterà citare il fatto che si possono investire quote anche minime e partecipare comunque ai profitti degli investimenti immobiliari andati a buon fine.

Limitatamente all’Italia possiamo anche citare altri tipi di progetti di questo tipo: Trusters offre un buon assortimento di immobili italiani – nelle città dove il mercato è maggiormente attivo – sui quali investire sempre in crowdfunding sul mercato immobiliare.

Piccoli investimenti per giovani

I giovani possono permettersi di correre rischi maggiori con i loro piccoli investimenti e soprattutto hanno un periodo lunghissimo lungo il quale accumulare capitale.

Sono quelle le caratteristiche che tipicamente interessano i piccoli investimenti per i giovani, che vedendo l’età della pensione e del riposo ancora molto lontana, hanno maggiore spazio di manovra.

I giovani possono dunque permettersi di rischiare di più e di pensare anche al lunghissimo periodo. Pertanto ci sentiamo di consigliare a chi vuole investire piccole somme e ha meno di 40 anni:

  • Azioni

Che rimangono il miglior strumento di investimento per chi vuole investire piccole somme sul lungo e lunghissimo periodo. Basta guardare il grafico di andamento di un qualunque indice per rendersi facilmente conto che sul lungo e lunghissimo periodo le azioni hanno sempre delle ottime performance.

  • Portafoglio misto tra materie prime, criptovalute e liquidità Forex

Per la parte di portafoglio che si vuole dedicare ad un rischio maggiore, c’è la possibilità di andare ad investire anche nei prodotti finanziari di cui sopra, creando un portafoglio da integrare periodicamente con i nuovi risparmi.

Trattandosi di investimenti maggiormente rischiosi, non possiamo consigliare a chi ci legge di testare con una demo gratuita di eToro, broker che offre tutti questi mercati e che permette anche di investire, con commissioni bassissime, sul breve e sul brevissimo periodo.

Piccoli investimenti per over 40

Chi ha superato quota 40 anni, ha sicuramente una posizione reddituale migliore dei più giovani e può dunque compiere scelte parzialmente diverse. È altrettanto vero che a 40 anni si è ancora molto giovani e che oggi l’età della pensione continua ad essere particolarmente lontana.

  • Azioni

Rimangono anche in questo caso uno strumento assolutamente interessante, perché comunque anche se il profilo di rischio tende a decrescere con l’età dell’investitore, si possono comporre portafogli più tranquilli, da portare comunque sul lungo periodo.

  • Conto deposito

Con vincoli alti, anche a 5 anni, può comunque offrire una porzione di investimento molto tranquilla e con un minimo rendimento.

Non sarà il massimo in termini di rendimenti, ma può facilmente bilanciare portafoglio aggressivamente esposti sul mondo delle azioni.

  • ETF

Gli ETF sono un ottimo strumento per investire periodicamente piccole somme, passati i 40, e vale grosso modo lo stesso discorso che abbiamo fatto poco sopra per le azioni.

Con la differenza che gli ETF sono già diversificati perché seguono in genere gli indici di riferimento di ciascuna borsa.

Gli ETF sono disponibili su Trade.com, con una selezione dei migliori titoli del settore.

Piccoli investimenti per over 60

A 60 anni oggi non si è anziani, ma si devono comunque cambiare le proprie strategie di investimento, in relazione al fatto che l’età della pensione si avvicina e che dunque si devono liquidare le posizioni più rischiose, cercando dei titoli che possono offrire dei rendimenti fissi – le cosiddette fixed income.

Oggi sono relativamente rischiose, a meno di orientarsi verso i prodotti statali quasi garantiti, come ad esempio le obbligazioni tedesche, austriache o finlandesi. Pagando periodicamente delle cedole, possono essere utilizzate anche come integrazione del reddito.

Sì, anche a 60 anni può essere una degna alternativa al lasciare sul proprio conto corrente denaro infruttifero. Pagano poco, ma sono pur sempre capitale garantito fino a 100.000 euro per conto.

  • Investimento immobiliare in crowd

Potrebbe sembrare assurdo investire in immobili mentre la nostra vita lavorativa volge al termine, ma con il crowdfunding immobiliare invece possiamo tutelare capitali, farli crescere e anche lasciare qualcosa di valore, eventualmente ai nostri eredi.

Considerazioni finali

Oggi ci sono decine se non centinaia di strade per investire in modo efficiente le proprie piccole somme. Una situazione che fino a qualche tempo fa non avremmo potuto neanche sognare e che invece oggi ci apre le porte degli stessi mercati che un tempo erano esclusivi per chi invece aveva grossi capitali da investire.

Le opportunità ci sono, starà a noi decidere se, come e quando investire i nostri piccoli capitali. In questa guida abbiamo fornito ai nostri lettori le basi fondamentali per capire come muoversi. Starà poi a chi ci legge prendere le proprie decisioni di investimento.

Letture integrative da leggere consigliate:

Investire piccole somme di denaro: Domande frequenti

Si possono investire piccole somme di denaro in borsa?

Assolutamente sì, oggi ci sono tantissimi broker e tantissimi strumenti che permettono di farlo.

Quant’è il minimo che si può investire in borsa?

Si può partire anche da 10 euro con broker come IQ Option. Gli altri richiedono da 100 a 200 euro di minimo per aprire un conto reale.

Si può imparare ad investire con piccole somme?

. Ci sono corsi, video e approfondimenti che possono fornire gli strumenti conoscitivi sufficienti per investire online piccole somme.

Ci sono strumenti sicuri per investire piccole somme in modo sicuro?

. I conti deposito sono tutelati al 100% fino a 100.000 euro e sono assolutamente sicuri.

Si può guadagnare anche investendo piccole somme di denaro?

Sì, anche se ovviamente il rischio deve essere di pari grado. Non c’è modo di guadagnare molto senza correre qualche rischio.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.