INVESTIMENTI FINANZIARI CONTI CORRENTI 
Home
Investimenti e fondi
Notizie finanziarie
Guadagnare in borsa
Trading online
Piattaforma trading online
Guadagnare online
Banche
Conti correnti
Carte di credito
Prestiti
Finanziamenti
Mutui
Assicurazioni
Previdenza
Informativa
Privacy
Disclaimer
Link
Auto Online
Finanziamenti Auto
Assicurazioni Auto
Agenzia Modelle/i
Book fotografici
Link Divertenti
CONTI CORRENTI


Un conto corrente è un contratto con il quale la banca svolge un servizio di cassa per conto del cliente: ne custodisce il denaro e lo mantiene nella sua disponibilità.

Se volete, o dovete, aprire un conto corrente, informatevi prima se il vostro lavoro (da dipendente o da libero professionista) consente di avere diritto a condizioni di favore presso banche convenzionate con la categoria.

Per la scelta migliore, valutate il tipo e numero di operazioni che intendete effettuare ogni mese, informatevi sul costo e possibilmente accordatevi per un forfait di operazioni gratuite o a costo minimo.

Valutare spese ed interessi: Un conto non convenzionato può costare anche 500 euro l'anno (il convenzionato la metà). Questo rende inutile avere uno 0,1%  in più di interesse. È meglio controllare le spese.

Le banche che promettono interessi al 3 per cento e più si riferiscono solo ai primi due-tre mesi.

I costi a cui badare: Quello per ogni singola operazione (dall'emissione di un assegno ad un bonifico, dall'accredito di uno stipendio al pagamento delle tasse). Poi: spese per l'estratto conto, spese di chiusure trimestrale e spese di estinzione; commissioni se il conto va in rosso occasionalmente; spese per l'affidamento( (cioè la possibilità di andare in rosso  entro una cifra predeterminata).

Un'astuzia molto comune tra le banche, è quella di applicare delle spese per operazioni uniche che, come spiega l'Adusbef, è un eufemismo per intendere ogni singola riga sull'estratto conto, quindi anche "saldo iniziale del trimestre". Un conto non movimentato registra, quindi, almeno 24 righe da pagare in un anno

Estratti conto e comunicazioni varie: arrivano a casa e si devono pagare quasi sempre. Il costo può superare i 3 euro a spedizione.

Tutti i costi del conto corrente si possono conoscere visionando i "fogli analitici", esposti nelle banche che offrono il servizio.

I servizi accessori sono, solitamente, opzionali e a pagamento, ma per servizi come rilascio di carta di credito, accredito stipendio o pensione, è consigliato "trattare" con la banca.

E per finire, l'assicurazione gratuita che molte banche offrono: è un'offerta aggiuntiva interessante. Occorre, però, verificare la sua effettiva gratuità confrontando i costi del conto corrente presso chi ve la offre con quelli di altre banche.

Ecco i conti correnti più convenienti presenti sul mercato:


Conto Arancio
Interessi al 2%, Zero Spese, Soldi sempre disponibili.


Fineco
Interessi 1,75%, Canone, Carta di credito e Bancomat Gratis (da qualunque sportello), 100 € per investire e PowerDesk2 Gratis.


IWBank
Interessi al 2%, Conto Zero Spese, Carta di Credito e Conto Corrente Gratis.


Unicredit
Spese 1 Euro al mese e Prelevi Gratis in tutti i Bancomat!